Stai leggendo: Julia Roberts riflette su Pretty Woman: 'Oggi, nell’era #MeToo, un film così non verrebbe girato'

Letto: {{progress}}

Julia Roberts riflette su Pretty Woman: 'Oggi, nell’era #MeToo, un film così non verrebbe girato'

Pretty Woman ha fatto sognare generazioni di romantici, ma secondo Julia Roberts oggi potrebbe risultare anacronistico e poco rispettoso per le donne.

Julia Roberts Getty Images

3 condivisioni 1 commento

Nel 1990, Julia Roberts interpretava la prostituta Vivian, moderna Cenerentola di Pretty Woman. Nel film girato da Garry Marshall, il personaggio che ha consacrato la Roberts nell'Olimpo di Hollywood si innamora di un cliente, Edward (Richard Gere), e trova il suo lieto fine, riuscendo ad abbandonare la strada e a diventare "una signora". Sono passati quasi 30 anni da allora e, secondo Julia Roberts, la storia di Pretty Woman - che, di recente, è anche diventata un musical - non potrebbe mai essere raccontata al giorno d'oggi.

L'attrice ha rilasciato un'interessante intervista a The Guardian, spiegando per quale motivo crede che oggi nessuno girerebbe un film come Pretty Woman:

Nel settore sono cambiate tante cose. Non penso proprio che sia possibile per qualcuno girare un film come quello, giusto? Troppe cose non funzionerebbero.

Nell'era del #MeToo, in cui si combatte per un maggiore riconoscimento dei diritti delle donne e per il raggiungimento della parità dei generi, raccontare la storia di una prostituta che si riscatta grazie al denaro di un uomo e alla sua posizione privilegiata di certo farebbe storcere il naso.

Tuttavia, questo non toglie a Pretty Woman il suo status: è una pietra miliare del cinema, e questo non cambierà mai per la Roberts.

Non penso che le persone, però, rivedendolo oggi non lo apprezzino.

Julia Roberts e Richard Gere in Pretty WomanGIPHY
Una scena di Pretty Woman

Julia Roberts deve molto al ruolo di Vivian, che venne rifiutato da svariate attrici prima di lei. Diedero forfait Molly Ringwald, Meg Ryan, Diane Lane, Michelle Pfeiffer e Daryl Hannah, che nel 2007 ha dichiarato:

La vendono come una fiaba, ma in realtà è la storia di una prostituta che diventa una signora perché un uomo ricco e potente la prende con sé. Penso sia un film degradante per tutte.

Anche per voi una storia come quella di Pretty Woman, oggi, risulterebbe anacronistica e fuori luogo?

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.