Stai leggendo: Mestruazioni frequenti o irregolari: tutte le patologie, i sintomi e le cure

Letto: {{progress}}

Mestruazioni frequenti o irregolari: tutte le patologie, i sintomi e le cure

Non è una rarità che le donne soffrano di ciclo mestruale irregolare. Approfondiamo l'argomento e capiamo meglio come mai, quando è il caso di preoccuparsi e come rimediare.

Ciclo mestruale irregolare istock

7 condivisioni 0 commenti

Il ciclo mestruale è il periodo che intercorre tra l’inizio di una mestruazione e l’inizio della successiva. Le mestruazioni sono governate da alcuni ormoni, prodotti grazie all’interazione dell’ipotalamo e dell'ipofisi - che si trovano alla base del cranio - e dell'ovaio. Nella normalità, il ciclo mestruale dura 28 giorni e ha un ritmo medio che si aggira sui 24 - 38 giorni e dura dai 3 ai 7 giorni. Per questo, le mestruazioni possono variare in una donna, nel ritmo e nella durata, da un mese all'altro. 

Leggi quali sono le cause del ciclo irregolare - troppo frequente, discontinuo o con forti ritardi e come regolarlo.

Perché si verifica un ciclo mestruale frequente o irregolare

Ciclo mestruale  frequenteHDistockphoto.com
Ciclo mestruale frequente motivi

Quando il ciclo è in anticipo rispetto all’arco temporale definito nella norma, e dunque avviene due volte in uno stesso mese, allora significa che potrebbe esserci qualcosa che non va. Non sempre il flusso più frequente è motivo di preoccupazione, ma è bene tenere sotto controllo la situazione. 

Le cause delle perdite intramestruali

I motivi per cui si verificano delle perdite intramestruali sono vari e solo il vostro ginecologo di fiducia può aiutarvi a capire che cosa sta succedendo davvero. Alcune delle cause che possono portare ad avere un ciclo mestruale più frequente sono:

  • Problemi alla tiroide
  • L’inizio della menopausa
  • L’età giovanile
  • La presenza di fibromi uterini o cisti
  • Lo stress
  • La pillola anticoncezionale
  • La gravidanza

Ciclo irregolare nell’adolescenza e in menopausa

Mestruazioni e pubertàHDistockphoto.com
I disturbi delle mestruazioni in età giovanile

Il ciclo irregolare è molto comune tra le giovani adolescenti, che hanno iniziato da poco l’attività del loro apparato riproduttivo. Avere due cicli in un mese o dei ritardi è del tutto normale per le ragazze, poiché l’attività degli ormoni, durante la pubertà, non è ancora equilibrata.

Stando ai dati di una ricerca chiamata A Prospective Cohort Study of Menstrual Characteristics and Time to Pregnancy - pubblicata sull’American Journal of Epidemiology - il ciclo mestruale di una donna giovane può metterci fino a sei anni prima di diventare regolare, a partire dalla prima mestruazione.

In generale, una giovane donna si stabilizza nel giro di uno o due anni. Per aiutare il ciclo mestruale a diventare regolare, i medici suggeriscono di seguire un'alimentazione sana e di fare attività fisica, se la situazione non è patologica. Queste alterazioni, infatti, sono del tutto normali ma a volte un'irregolarità può essere la spia di una patologia per la quale serve una cura specifica. 

Altri disturbi del ciclo mestruale nella donna giovane

Quando si parla di irregolarità del ciclo nella donna giovane, dobbiamo intendere anche le variazioni in termini di quantità del flusso sanguigno. Si parla di ipermenorrea, quando la donna giovane ha un flusso molto abbondante e, viceversa, di ipomenorrea, se, il flusso è poco.

Come si legge in un documento, Disturbi mestruali nelle adolescenti di F. Chiarelli, S. Gaspari, E. D’Adamo Clinica Pediatrica, Università di Chieti - nella fase premestruale e mestruale più del 20% delle donne in età riproduttiva è affetta dalla sindrome premestruale.

Sono dei fastidi a livello fisico, psicologico e comportamentale - come dolore in regione pelvica, cefalea, sensibilità emotiva - la cui intensità è soggettiva ed è diversa da donna a donna.

Che cosa succede al corpo in menopausa?

Mestruazioni irregolari e menopausaHDistockphoto.com
Mestruazioni irregolari e menopausa: cosa succede

Il ciclo mestruale irregolare può essere anche un’avvisaglia che il nostro corpo sta cambiando e che siamo dunque entrate nel periodo antecedente alla menopausa. Questi sbalzi delle mestruazioni e i sintomi correlati della premenopausa si possono verificare già intorno ai 40 anni, quando in genere il ciclo tende ad accorciarsi; ma non solo.

La donna avverte anche altri segnali che fanno intendere i cambiamenti che stanno avvenendo nel proprio corpo. Tra i sintomi della premenopausa ci sono:

  • Alterazioni dell'umore più evidenti
  • Secchezza vaginale
  • Alterazioni del tono dell’umore
  • Difficoltà di concentrazione
  • Riduzione dei capelli e aumento dei peli sul viso
  • Alterazioni del sonno
  • Vampate di calore

Questo periodo può durare molto tempo, anche fino a dieci anni, ma non è tuttavia possibile prevedere con esattezza quando una donna andrà in menopausa.

Che cosa succede nella donna quando va in menopausa

La menopausa è la fine del ciclo mestruale e della fertilità della donna. Si è in menopausa quando le ovaie non producono più estrogeni e progesterone, che sono i due ormoni necessari per la fertilità e se le mestruazioni non si sono verificate per un anno.

La menopausa avviene naturalmente con l’avanzare dell’età, tranne i casi in cui la donna ha subito un intervento chirurgico, un trattamento per una malattia e subisce la fine delle mestruazioni come conseguenza. La menopausa inizia intorno ai 50 anni, ma può verificarsi anche prima di compiere 40 anni e in tal caso si parla di menopausa precoce. Non è possibile prevedere quando una donna andrà in menopausa.

Nella menopausa è soprattutto la genetica a comandare, infatti ogni donna nasce con un numero di uova geneticamente determinato. Le donne possono provare a prolungare l’attività del proprio apparato riproduttivo seguendo un corretto stile di vita, attività fisica e alimentazione sana. Quel che è certo è che il processo avviene lentamente in tre fasi:

  • Perimenopausa: quando i cicli diventano irregolari, ma non si sono fermati. La maggior parte delle donne entra in perimenopausa intorno ai 47 anni, ma è ancora potenzialmente fertile.
  • Menopausa: è il momento in cui si verifica l’ultimo ciclo mestruale e non si verifica più per tutto l’anno successivo. In questa fase la donna prova le varie sensazioni tipiche, dunque vampate di calore o insonnia.
  • Post menopausa: il periodo successivo all’anno di assenza di mestruazioni. 

Chiaramente, se abbiamo delle irregolarità del ciclo è importante consultare il proprio medico curante, per valutare se effettuare degli accertamenti e seguire una terapia ad hoc per regolarizzare le mestruazioni.

Ciclo irregolare legato alle disfunzioni della tiroide

La tiroide è una ghiandola endocrina che influenza il metabolismo, ma non solo. L'ormone tiroideo influenza vari aspetti del nostro organismo e per questo, se non è prodotto nella giusta quantità, può causare tanti sintomi tra cui affaticamento, colesterolo elevato, perdita di capelli e pelle secca e anche le mestruazioni frequenti.

Se la ghiandola tiroidea non produce abbastanza ormoni, si parla di ipotiroidismo, invece,se la tiroide produce troppi ormoni perché iperattiva, si parla di ipertiroidismo.

Come spiega la Dottoressa Lara Briden in un questo articolo per la Society of Menstrual Cycle Research, a seconda delle irregolarità mestruali possiamo capire se soffriamo di una di queste due patologie legate alla ghiandola tiroidea.

Sintomi mestruali di ipotiroidismo:

  • Cicli irregolari o mancanza di periodi (amenorrea)
  • Spotting premestruale
  • Periodi pesanti o leggeri
  • Cisti ovariche
  • Menarca (prime mestruazioni) precoce o in ritardo

Sintomi mestruali di ipertiroidismo:

  • Cicli irregolari o mancanza di periodi (amenorrea)
  • Ritardo del menarca

Cosa succede se la tiroide non funziona

Tiroide disfunzioni e ciclo irregolareHDistockphoto.com
Perchè la tiroide influenza le mestruazioni

Secondo il Dipartimento di salute e servizi umani degli Stati Uniti, si stima che una donna su otto abbia problemi alla tiroide nel corso della propria vita, si tratta dunque un problema molto frequente.

I sintomi di ipotiroidismo includono:

  • La sensazione di avere sempre freddo
  • La stipsi
  • Stanchezza
  • Sanguinamento mestruale eccessivo
  • Pelle pallida
  • Gonfiore l viso
  • Battito cardiaco lento
  • Aumento di peso inspiegabile

I sintomi di ipertiroidismo invece sono:

  • La sensazione di avere sempre caldo
  • Sporgenza degli occhi dalle orbite
  • Diarrea o frequenti movimenti intestinali
  • Difficoltà a dormire
  • Irritabilità
  • Battito cardiaco accelerato
  • Perdita di peso inspiegabile

Entrambe le malattie sono curabili con terapie ormonali e se sospettiamo di avere un problema alla tiroide, la cosa da fare è consultare il proprio medico per fare una diagnosi specifica.

Ciclo irregolare da stress e patologico

Stress  e ciclo irregolareHDistockphoto.com
Cosa succede alle mestruazioni quando siamo stressate

Ci sono dei casi in cui il ciclo irregolare è dovuto allo stress. Se stiamo vivendo un periodo particolarmente intenso, se abbiamo delle difficoltà o delle preoccupazioni in corso, tutto questo può influire il ritmo del ciclo mestruale. In questi casi, la cosa migliore da fare è trovare dei momenti di relax e evitare carichi e responsabilità in più se stiamo vivendo un periodo particolarmente intenso.

Anche fare attività fisica, per scaricare le tensioni e dedicarci alla meditazione, seguendo ad esempio un corso di yoga, possono aiutare a regolarizzare il ciclo. Se si verificano due cicli in un mese a causa dello stress, si tratta di un problema occasionale e non c’è motivo di preoccuparsi.

La cosa da fare è attendere i mesi successivi per vedere se le irregolarità continuano oppure no. Infatti, dopo un episodio di questo tipo, il ciclo potrebbe tornare alla sua normalità da solo, senza alcuna terapia. In ogni caso, quando notiamo un’alterazione del ciclo mestruale è opportuno rivolgersi al proprio ginecologo curante. 

Perché lo stress influisce sulle mestruazioni

Alti livelli di stress influiscono sulle nostre attività cerebrali e dunque possono anche arrivare ad alterare gli stessi ormoni che determinano l'ovulazione ogni mese e che originano anch'essi dal cervello. Se siamo sommerse di lavoro o se dormiamo poco la notte, gli ormoni possono sballare e influenzare il ciclo mestruale in modo scorretto.

Anche il ritorno da un lungo viaggio potrebbe essere la causa di un ciclo mestruale irregolare. I cambiamenti dei ritmi circadiani - del sonno veglia - dovuti al fuso orario, possono causare cambiamenti negli ormoni che attivano le mestruazioni.

Ciclo irregolare e ovaio policistico

La familiarità gioca un ruolo fondamentale sul rischio di avere cicli mestruali più o meno irregolari. Generalmente, se si ha una storia familiare di donne con fibromi, cisti o menopausa precoce,le probabilità aumentano.

Come spiega Lakeisha Richardson, M.D., ginecologa del Greenville, nel Mississippi, i polipi uterini possono causare sanguinamento intramestruale e i fibromi dolore, mal di schiena, gonfiore addominale, anemia, dolore duranti i rapporti sessuali e sanguinamento.

La rimozione delle escrescenze è di solito curativa e garantisce che non ci siano altre situazioni di sanguinamento irregolare. Anche la sindrome dell'ovaio policistico - uno squilibrio ormonale che, secondo il National Institutes of Health, colpisce tra l'8 e il 20% delle donne - ha tra i suoi sintomi il sanguinamento irregolare.

Con la sindrome dell’ovaio policistico, infatti, l'ovulazione è meno frequente o salta, portando a uno squilibrio di estrogeni, progesterone e testosterone.

Tra gli altri sintomi comunemente associati all’ovaio policistico vi sono l'acne, la difficoltà a mantenere il peso forma, la crescita di peli in zone anomale, come il labbro superiore o il mento, e problemi di fertilità. 

Se ho le cisti ovariche, devo preoccuparmi?

Le cisti ovariche che si formano nelle ovaie non devono destare preoccupazione, poiché la loro formazione è fisiologica - legata proprio all’attività delle ovario stesso nella produzione e maturazione dei follicoli - le sacche dove maturano gli ovuli.

Si chiamano infatti cisti funzionali e contengono del liquido e generalmente, si riassorbono dopo qualche settimana - sono cisti follicolari o luteiniche a seconda della fase del ciclo mestruale in cui si sviluppano.

Mestruazioni irregolari: gravidanza e perdite

Gravidanza  e perdite ematicheHDistockophoto.com
Mestruazioni in gravidanza. Possibile?

Il sintomo più evidente della gravidanza è l’assenza delle mestruazioni, ma, in alcuni casi, possono invece verificarsi all’inizio dei flussi irregolari e dunque delle perdite ematiche. Se questo succede, è consigliabile rivolgersi subito al proprio ginecologo per risalire immediatamente alle cause.

I motivi di sanguinamento irregolare, nel caso della gravidanza, possono essere diversi come ad esempio:

  • Sanguinamento da impianto: si possono verificare degli spotting nel momento in cui l'ovulo fecondato si impianta nell'utero e inizia a crescere.
  • Aborto spontaneo: altre volte, il flusso potrebbe essere il segno di un aborto spontaneo. Gravidanza ectopica: si verifica quando un ovulo fecondato si innesta all'esterno dell'utero.
  • Gravidanza extrauterina: quando l’embrione non riesce a completare il percorso verso l’utero e si impianta nella tuba che, non potendone sostenere la crescita, subisce delle lacerazioni.

Non sempre lo spotting (ovvero le perdite di sangue) durante la gravidanza è grave, ma dovresti informare in ogni caso il tuo medico a proposito di questi episodi se sei incinta, per escludere le peggiori delle ipotesi. 

Pillola anticoncezionale e mestruazioni irregolari

Pillola anticoncezionale e mestruazioni HDistockphoto.com
Cosa succede se non prendo la pillola?

Le mestruazioni irregolari possono derivare anche da una dimenticanza nell’assumere la pillola anticoncezionale, che, appunto, regolarizza il ciclo. Se saltiamo la pillola, è possibile notare un sanguinamento irregolare, perché si verifica un brusco sbalzo ormonale.

Generalmente se vi dimenticate di prendere la pillola, quest’ultima si può assumere entro dodici ore dall’ora abituale in cui assumete di solito la pillola. Altrimenti, se abbiamo dimenticato di assumere più di una pillola o siete oltre le 48 ore rispetto al solito orario, si prende l'ultima pillola dimenticata e si continua con le successive lasciando nel blister le precedenti che non abbiamo preso.

Queste sono solo delle indicazioni a titolo informativo e da non seguire assolutamente. Per sapere cosa fare, se abbiamo dimenticato di prendere la pillola è contattare il proprio medico o ginecologo e chiedere consiglio su come comportarsi.

Ciclo irregolare: cosa fare

Mestruazioni irregolari cosa fare HDistockphoto.com
Quando andare dal medico?

Ogni donna dovrebbe tenere sotto controllo il proprio ciclo mestruale, con un diario personale in cui annotare quando si verificano questi ultimi Oggi giorno esistono anche delle App che aiutano a memorizzare i tempi del proprio ciclo mestruale.

Tenere un diario per il ciclo mestruale è un modo utile per conoscere meglio il proprio corpo, sapere quali sono i periodi più fertili e accorgersi di eventuali irregolarità e dare precise informazioni al proprio medico.

Quando rivolgersi al ginecologo

Se le mestruazioni sono irregolari da più di due o tre mesi è opportuno rivolgersi al proprio medico ginecologo. La cosa migliore da fare è muoversi tempestivamente per evitare eventuali complicazioni. Se insieme al ciclo irregolare abbiamo altri sintomi come svenimenti, dolore addominale, variazioni di peso senza motivo apparente, è importante fare una visita di controllo.

Se abbiamo più mestruazioni in un mese, possono nascondersi delle patologie che richiedono un trattamento specifico. Quando ciclo mestruale è più frequente e abbondante, si può andare incontro ad un’ anemia.

Le cure per l'irregolarità del ciclo

Mestruazioni alterate HDistockphoto.com
Come si curano le mestruazioni irregolari

Il ciclo irregolare si cura diversamente in base alla problematica riscontrata durante la visita medica e ai risultati degli esami clinici prescritti. Il ginecologo potrebbe prescrivere anche una terapia ormonale (diversa a seconda della problematica riscontrata) per aiutare a regolare il flusso, come prescrivere anche la pillola anticoncezionale che serve, appunto, anche a regolarizzare i flussi.

Ciclo irregolare: i rimedi naturali

Ciclo irregolare rimedi naturali quali scegliere HDistockphoto.com
I rimedi naturali per regolarizzare le mestruazioni

Per favorire la regolarità del ciclo mestruale, il riposo può essere raccomandato se il flusso è frequente e abbondante. Ma non solo. Possiamo seguire anche alcune strategie per favorire la regolarità delle mestruazioni.

Per esempio, una ricerca pubblicata sul Journal of Midwifery and Woman’s Health ha dimostrato che che lo yoga è molto utile per ridurre il dolore mestruale, per regolarizzare i livelli ormonali e i sintomi emotivi associati alle mestruazioni, come la malinconia e l'ansia. Molto importante è anche l’alimentazione varia che comprenda ad esempio i legumi - perchè contengono anche il ferro da integrare se il ciclo è molto abbondante. Possiamo anche integrare la nostra dieta con degli integratori naturali.

Integratori allo zenzero

Non esistono prove scientifiche certe, ma lo zenzero viene usato come rimedio naturale per il trattamento dei cicli irregolari.

ZENZERO 100 - Contrasta gli stati di tensione e disturbi del ciclo mestruale
Zenzero per aiutare il ciclo mestruale

Panaceasud

ZENZERO 100 - Contrasta gli stati di tensione e disturbi del ciclo mestruale

€ 15,90

Integratori alla cannella

Anche la cannella è un altro rimedio fai da te che si usa per ridurre il dolore mestruale e la quantità del flusso.

Agnocasto - Integratore naturale per i disturbi del ciclo femminile
Cannella integratore

Fitoben

Agnocasto - Integratore naturale per i disturbi del ciclo femminile

€ 13,40

Olio di lino

In generale tutti gli oli vegetali, come l’olio di oliva, l’olio di lino, che aiutano gli ormoni femminili grazie agli acidi grassi essenziali contenuti.

Olio di Lino Biologico
Olio di lino bio

Made in France

Olio di Lino Biologico

€ 14,54

Magnesio

Il magnesio, presente in frutta e verdura freschi, favorisce la regolarità del ciclo mestruale. Lo si può anche assumere sottoforma di integratore - da assumere in caso di forte stress e dieta inadeguata.

WARNKE - Olio di Enotera per disturbi mestruali e menopausa
Magnesio integratore

Warnke

WARNKE - Olio di Enotera per disturbi mestruali e menopausa

€ 19,81

In ogni caso, prima di prendere iniziativa nell'assumere anche un integratore naturale, consultare prima il vostro medico curante che saprà consigliarvi correttamente in base al vostro quadro clinico.

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.