Stai leggendo: The Good Doctor: la recensione del terzo episodio, Il Dono di Oliver

Letto: {{progress}}

The Good Doctor: la recensione del terzo episodio, Il Dono di Oliver

Nel terzo episodio di The Good Doctor, Shaun e Claire si occupano di un caso molto particolare. Un trapianto di fegato impegna i medici del St. Bonaventure.

0 condivisioni 0 commenti

Indice: Pagina 1 The Good Doctor: la recensione del terzo episodio, Il Dono di Oliver

Il terzo episodio della prima stagione di The Good Doctor mette Shaun e Claire in una situazione molto difficile: devono recuperare un fegato per un trapianto. L'operazione ovviamente è molto rischiosa e si presentano fin da subito delle importanti complicazioni. Ma facciamo prima un passo indietro.

Nei primi due episodi della serie abbiamo conosciuto Shaun Murphy (Freddie Highmore), uno specializzando in chirurgia affetto da autismo e dalla sindrome del Savant. Shaun è molto bravo nel suo campo, ha un intuito incredibile e un talento nelle diagnosi, ma è anche incapace di gestire le relazioni con le altre persone ed ha difficoltà ad ambientarsi al San Jose St. Bonaventure.

Shaun un'immagine dal terzo episodio della prima stagione di The Good DoctorHDABC
The Good Doctor: un'immagine di Shaun nel terzo episodio della prima stagione

Shaun è appoggiato dal Dr.Glassman, un uomo che crede molto nelle sue capacità, una specie di figura paterna. Ma gli altri membri del consiglio dell'ospedale sono scettici. In particolar modo, Shaun si scontra con il Dr. Melendez, un medico del team che non si fida di lui e che teme per i potenziali danni che la sua presenza potrebbe comportare. 

Ma Shaun ha fin da subito stretto un buon legame con Claire e nel terzo episodio della prima stagione di The Good Doctor, il Dono di Oliver, sarà proprio con lei che avrà maggiormente a che fare.

Un trapianto, una lotta contro il tempo e un mistero sono al centro dell'episodio, uno dei più adrenalinici della prima stagione. 

Il principale nemico? Il maltempo. Claire e Shaun sono costretti a servirsi di una scorta della polizia quando il loro elicottero non può alzarsi in volo a casa delle cattive condizioni meteo: bisogna portare un fegato al San Jose St. Bonaventure e bisogna farlo in fretta. A complicare la situazione c'è anche un problema con l'organo. Ma Shaun è lì per questo.

Nel frattempo, il Dr. Melendez scopre un'importante verità sul paziente a cui andrà il fegato, una verità che cambia tutto.

Precedente Successivo The Good Doctor: la recensione del terzo episodio, Il Dono di Oliver
Indice:

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.

SCOPRI GLI OUTFIT DELL'ESTATE