Stai leggendo: The Good Doctor: la recensione del secondo episodio, Un Lavoro Sporco

Letto: {{progress}}

The Good Doctor: la recensione del secondo episodio, Un Lavoro Sporco

Nel secondo episodio della prima stagione di The Good Doctor, Shaun paga le conseguenze di un ritardo, mentre un nuovo caso molto complicato richiede lo sforzo di tutti quanti.

0 condivisioni 0 commenti

Indice: Pagina 1 The Good Doctor: la recensione del secondo episodio, Un Lavoro Sporco

Il primo episodio di The Good Doctor ci ha fatto conoscere Shaun Murphy, specializzando in chirurgia dal talento incredibile: riesce ad avere un quadro preciso del corpo umano nella sua testa ed è bravissimo nelle diagnosi. Shaun è anche affetto da autismo e dalla sindrome del Savant. Questo lo rende incredibilmente bravo nel suo campo di specializzazione, ma incapace nel gestire i rapporti umani.

Shaun ha una sua routine mattutina, una routine che l'episodio ci mostra nel dettaglio: sicuramente non dorme molto ultimamente, si alza non appena suona la sveglia. Fa esercizio fisico, si lava, mette in ordine e rifà il letto con una precisione incredibile. È molto attento ai dettagli. Ha una tabella di marcia molto precisa e degli orari prestabiliti.

The Good Doctor: Shaun nel secondo episodio della prima stagioneHDABC
The Good Doctor: Shaun nell'episodio 1x02

Ma Shaun non può controllare tutto. Arriva in ritardo a causa del bus e quando gli viene fatto notare, Shaun non riesce a capire. Nella sua testa non è colpa sua, ma è colpa del bus. Non è lui ad essere in ritardo. La questione inasprisce il rapporto - già abbastanza teso - con il Dr. Melendez, che affida a Shaun i casi di cui nessuno si vuole occupare e la gestione e il lavoro che riguarda le scartoffie. Una punizione esemplare.

Shaun è bravissimo nelle diagnosi ed è un vero genio quando si tratta della medicina, ma la sua difficoltà nel gestire i rapporti con gli altri gli rende la giornata di lavoro particolarmente difficile. Detta semplicemente, Shaun è troppo onesto, non ha quelle barriere che di solito le persone usano per rapportarsi con gli altri, non ha filtri e non capisce chi li ha.

Shaun è anche altamente scrupoloso, per questo inizia a prescrivere tanti - e inutili - test ai pazienti di cui deve prendersi cura. Questo fa arrabbiare Melendez e anche una simpaticissima infermiera.

Ma qual è il vero caso della settimana?

Precedente Successivo The Good Doctor: la recensione del secondo episodio, Un Lavoro Sporco
Indice:

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.

SCOPRI GLI OUTFIT DELL'ESTATE