Stai leggendo: Ciclismo, Nicole Hanselmann è più veloce degli uomini: fermata la gara

Letto: {{progress}}

Ciclismo, Nicole Hanselmann è più veloce degli uomini: fermata la gara

Il gruppo femminile era partito con dieci minuti di ritardo rispetto agli uomini, eppure la ciclista svizzera li aveva raggiunti prima che i giudici fermassero la gara per 'motivi di organizzazione'

Ciclista Getty Images

8 condivisioni 0 commenti

La gara femminile dell'Omloop het Nieuwsblad - la corsa di ciclismo belga considerata un po' l'antipasto delle classiche - era partita dieci minuti dopo quella maschile, sabato scorso. Il tracciato era lo stesso, e il vantaggio concesso agli uomini doveva essere sufficiente per evitare che i due gruppi finissero per accavallarsi. Doveva, perché così non è stato. La svizzera Nicole Hanselmann è stata "troppo veloce" rispetto ai suoi colleghi uomini: ha staccato le donne e ha raggiunto i ciclisti maschi, causando la neutralizzazione della gara femminile.

L'episodio è stato definito dalla protagonista "un momento imbarazzante", e non potrebbe essere altrimenti. I dieci minuti di ritardo della corsa femminile non sono bastati per isolare i due gruppi. E quando la velocissima Nicole Hanselmann, campionessa nazionale su strada del 2017, ha visto la schiena dei corridori maschili e li ha raggiunti, i giudici hanno arrestato la gara delle donne. Con conseguenze inevitabili sulla corsa di Nicole. 

Nicole Hanselmann, la ciclista più veloce degli uomini

Quando Nicole Hanselmann ha quasi raggiunto gli uomini, partiti dieci minuti prima delle cicliste, si è resa conto che "forse io e le altre donne eravamo troppo veloci. O forse gli uomini troppo lenti". Sta di fatto che, dopo l'imbarazzante episodio, i giudici hanno deciso di neutralizzare la corsa femminile per permettere ai due gruppi di ricompattarsi e mantenere le distanze tra l'uno e l'altro. 

Una sosta durata sei, sette minuti. Dagli effetti devastanti sulla corsa di Nicole: alla ciclista è stato permesso, poi, di ripartire prima delle altre, per ristabilire i due minuti di vantaggio che la 27enne aveva accumulato durante la corsa. Eppure, l'interruzione dello sforzo e le condizioni climatiche rigide hanno sfiancato l'atleta, che alla fine è stata ripresa dalle cicliste e si è classificata 74esima. 

L'episodio ha suscitato molte polemiche, dato che l'ottima partenza di Nicole Hanselmann è stata di fatto penalizzata. In molti si sono chiesti per quale motivo fermare la prestazione eccezionale di una ciclista, perché non premiare il suo duro lavoro. Perché non far spostare, in caso, i lenti ciclisti rimasti indietro, trasformati in un ostacolo per la poderosa corsa della donna. La risposta dei giudici è destinata a non soddisfare tutti questi interrogativi. Motivi di organizzazione. 

"Siamo andate troppo vicine agli uomini, per cui ci hanno imposto un intervallo di tempo di stop. Questa cosa mi ha intristito, perché ero in un buon momento, e quando il gruppo ti vede fermarti, ha una nuova ragione per riprenderti", ha commentato Nicole Hanselmann a Cyclingnews.com. 

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.