Stai leggendo: Grazie alle app di dating arrivano le emoji di coppie interraziali

Letto: {{progress}}

Grazie alle app di dating arrivano le emoji di coppie interraziali

A seguito di una campagna sostenuta da Tinder, sono in arrivo finalmente le emoji che rappresentano coppie interrazziali.

Emoji Pixabay

0 condivisioni 0 commenti

A breve le emoji che quotidianamente usiamo per la messaggistica istantanea saranno ancora più inclusive. In seguito a una petizione lanciata dalla famosa app di dating Tinder, che ha raccolto oltre 52 mila firme e sostenuta anche sui social con l’hashtag #RepresentLove, l’Unicode Consortium, l’organizzazione no profit che ha lo scopo di mantenere un sistema comune per la scrittura dei caratteri sui sistemi informatici, sta per lanciare 71 nuove emoji che rappresenteranno coppie interraziali.

Nella petizione su Change.org di un anno fa la stessa Tinder aveva affermato:

Mentre le emoji per le coppie non caucasiche e le emoji per le coppie dello stesso sesso sono diventate una realtà nel 2015, un gruppo di persone è ancora escluso dalla rappresentazione delle emoji: le coppie interrazziali. Non è tempo che tutto l'amore sia rappresentato? 

Sul blog ufficiale della compagnia inoltre è stato anche spiegato in che modo qualcosa di apparentemente banale come un'emoji può avere un impatto positivo su come l’amore interraziale viene percepito nella società:

Non si tratta solo di emoji, gente, le coppie interrazziali hanno lottato nel corso della storia per essere accettate e rappresentate e queste emoji sono letteralmente e figurativamente simboli importanti.

La scelta di Unicode di inserire queste nuove emoji non stupisce in quanto l’organizzazione da sempre lotta affinché la "diversità" venga rappresentata nei simboli pittografici che quotidianamente utilizziamo per esprimerci sui social o nelle chat, come quando nel 2014 rilasciò per la prima volta emoji che raffigurassero diverse etnie in base al colore della pelle o quando, di recente, è stata aggiunta alla ricca galleria di emoji volte a rappresentare le persone affette da disabilità.

Che ne pensate?

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.

SCOPRI GLI OUTFIT AUTUNNO/INVERNO