Stai leggendo: Il numero di telefono su Facebook non è più privato: basta digitarlo per trovarti

Letto: {{progress}}

Il numero di telefono su Facebook non è più privato: basta digitarlo per trovarti

Ancora problemi di privacy su Facebook, dove è possibile trovare gli utenti semplicemente utilizzando il loro numero di telefono. Non è ancora possibile bloccare del tutto questa funzionalità, ma soltanto limitarla.

Facebook istock

1 condivisione 0 commenti

Nuova falla nella privacy di Facebook e anche bella grossa, se si pensa che riguarda i numeri di telefono: chiunque sia in possesso del nostro numero di cellulare, infatti, sarà in grado di trovare liberamente il nostro profilo su Facebook.

Ciò significa che, se qualcuno entrasse in possesso di un numero di telefono e non avesse idea di chi fosse l’intestatario, potrebbe scoprirlo facilmente: basterebbe, infatti, avere il numero in questione in rubrica, sincronizzare quest’ultima con Facebook e trovare i veri nomi e le immagini corrispondenti. Questo purtroppo accade anche se, nelle impostazioni della privacy, abbiamo scelto di nascondere il nostro numero.

Viene spontaneo domandarsi che senso abbia tutto ciò, dato che il motivo principale per cui si è invitati dal noto social network di Mark Zuckerberg a inserire il proprio numero è proprio quello di proteggere i nostro dati. Come riportato da TechCrunch, questa “novità” è presente già da molto tempo, anche se pare che nessuno se ne fosse accorto fino a questo momento.

Per ora, non si può fare molto per cambiare le cose: per quanto riguarda le impostazioni, è semplicemente possibile selezionare le voci “Tutti”, “Amici” o “Amici degli amici” e non è, dunque, presente un'opzione che consenta di nascondere del tutto il numero. Sul proprio profilo Twitter, la giornalista del New York Times Zeynep Tufekci ha scritto:

Non riesco più a mantenere privato il numero di telefono che ho fornito solo per ragioni di sicurezza a Facebook. (...) Evidentemente, a Facebook non interessa la sicurezza.

Non è la prima volta che Facebook si trova al centro di una bufera. Qualche mese fa, l’azienda di Zuckerberg dovette ammettere che i numeri di telefono utilizzati per l’autenticazione a due fattori vengono usati anche per inviare pubblicità mirate agli utenti. Ancora prima, un utente scoprì che Facebook raccoglie e archivia i nomi delle persone a cui scriviamo messaggi o che chiamiamo – oltre ai numeri di telefono dei destinatari e la durata delle conversazioni - tramite le applicazioni Android. Il social cercò di minimizzare la questione, affermando di non aver mai ceduto dati a terzi senza il consenso degli utenti e che messaggi e telefonate sono sempre rimasti privati.

Che dire? Non ci resta che attendere chiarimenti in merito alla privacy della nostra identità e dei nostri numeri di telefono!

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.

SCOPRI GLI OUTFIT DELL'ESTATE