Stai leggendo: Chiara Ferragni di nuovo nella bufera per una pelliccia arancio

Letto: {{progress}}

Chiara Ferragni di nuovo nella bufera per una pelliccia arancio

Chiara Ferragni è stata attaccata di nuovo per lo sfoggio di una vistosa pelliccia color Spritz. L’influencer non appoggerebbe le politiche cruelty free.

Chiara Ferragni in primo piano Getty Images

3 condivisioni 0 commenti

Chiara Ferragni è sotto attacco, questa volta per colpa di una pelliccia arancione. L’influencer era già stata silurata dai follower durante la settimana della moda milanese, perché aveva indossato una Birkin non ecologica. A distanza di due settimane, a Roma per un evento di Fendi, la Ferragni è stata attaccata di nuovo. Voluminoso cappotto arancio in vinile e vistoso collo di pelliccia firmato Fendi, minidress total black, la fashion blogger ha condiviso alcune foto con le sorelle o Fedez, durante una cena con vista Colosseo.

Ma i fan non hanno intenzione di perdonarle questo ennesimo exploit.

In realtà non ci sono prove che la pelliccia non sia ecologica, ma sotto la foto su Instagram si è scatenato un dibattito acceso.

“Ma quelli che dicono la pelliccia è sintetica? vi ricordo che la maison Fendi nasce proprio come maison di pellicciai... Quindi che sia sintetica mi sembra abbastanza inverosimile... @chiaraferragni ti seguo e ti ammiro tantissimo, e sono sicura che puoi continuare ad avere il successo che hai anche usando pellicce sintetiche....”, ha scritto un utente.

View this post on Instagram

Ciao Roma 👋🏻

A post shared by Chiara Ferragni (@chiaraferragni) on

Ma c’è qualcuno che la difende: “Tutti quelli che scrivono ‘che schifo le pellicce’ sono vegani? Pensate che il prosciutto, il pollo e tutta la carne che mettete a tavola sia finta?"

View this post on Instagram

Roma sei stupenda 🤗 @fedez

A post shared by Chiara Ferragni (@chiaraferragni) on

I brand che hanno svoltato promuovendo politiche a tutela degli animali sono numerosissimi, come Michael Kors o Burberry. Chissà, forse anche Chiara Ferragni prima o poi opterà per tessuti solo cruelty-free.

Che ne pensate?

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.