Stai leggendo: Jinwar: la comune siriana di sole donne che combatte il patriarcato

Letto: {{progress}}

Jinwar: la comune siriana di sole donne che combatte il patriarcato

Una 30ina di case nelle terre desertiche del Kurdistan siriano. Jinwar è un villaggio tutto al femminile che si ribella al patriarcato rivendicando un'auto-organizzazione matriarcale.

0 condivisioni 0 commenti

Jinwar, in curdo, significa “Il luogo delle donne” dove la parola jin identifica il sesso femminile, mentre war designa il luogo, la patria. E sono anche le prime due parole che si leggono sul cancello di questo piccolo villaggio di 30 case che sorge nel Kurdistan siriano, nelle distese desertiche del Rojava.

Un termine, war, che per noi occidentali ha anche un altro significato che risulta del tutto appropriato al contesto: la guerra, in questa terra, è ovunque. Anche nella mente di alcune delle giovani donne che vi risiedono. Rapite dai gruppi jihadisti per essere stuprate, vendute tra i militanti Isis e rese schiave sessuali del califfato per poi imbracciare loro stesse le armi e combattere contro i gruppi estremisti, in difesa dei propri diritti.

Oggi la rivoluzione femminile è un punto fermo della filosofia che circola a Rojava. Ma può un’ideologia femminista piantare i propri semi proprio dove la guerra e il patriarcato dilagano da sempre? Come riporta il The Guardian, attraverso le parole di una delle abitanti di Jinwar “Sotto l’Isis eravamo soffocate e adesso siamo libere. Ma anche prima di tutto ciò le donne restavano a casa. Non uscivamo e non lavoravamo. A Jinwar ho visto che le donne possono bastare a sé stesse”. Da qui, un’unica regola ferrea: gli uomini non possono restare. Possono soltanto venire in visita e poi andare via.

Le donne vivono da sole, in una 30ina di case che hanno costruito con le proprie mani, mattone dopo mattone. Si tratta per lo più di giovani e meno giovani fuggite dalle proprie famiglie dalle vedute ristrette, ma anche da matrimoni soffocanti. Arabe, curde e yazhidi: insieme, al di là delle differenze culturali per combattere contro un unico nemico.

View this post on Instagram

JINWAR (lloc de dones), és un poble construït a pocs quilòmetres dels llocs on les milícies de l'Estat Islàmic (ISIS) utilitzaven per decapitar. Habitat per dones al Kurdistan sirià. Ha esdevingut un lloc de refugi i un espai alternatiu per a totes les dones. Aquelles dones amb fills que han perdut les seves parelles en la guerra, que han patit violència de qualsevol tipus, que volen fugir de la societat i les que volen compartir la vida només amb dones. Una veïna diu: "Volem que el nostre llogaret esdevingui una font de pau, amor i convivència sense el domini de l'home. Jinwar és un poble sense precedent en la regió " Esperem que així sigui 💪💜 #feminista #jinwar #lluitadedones #lluitadelpoble #feminisme #kurdistasiria #poderdedones #pau #llibertat #convicència #seguretat #llocdedones

A post shared by Jovent Republicà Palautordera (@joventpalautordera) on

A delimitare il villaggio c’è un cancello e tutt’attorno un appezzamento di terra che utilizzano per coltivare ortaggi. Preparano il pane, si dedicano all’agricoltura, cucinano e mangiano tutte insieme. Proprio come una grande famiglia allargata. Questo perché a Jinwar non si rivendica solo un diverso ruolo della donna nella società: si promuove anche un’ideale di vita lontana dai principi del consumismo e del capitalismo.

All’interno del villaggio, attualmente, esiste già un centro medico di primo soccorso e una piccola scuola per l’istruzione dei bambini. Ma sono tante le idee che continuano a nascere sul futuro di Jinwar.

In costruzione da due anni e inaugurato il 25 novembre 2018, in concomitanza con la Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, è una realtà in continua evoluzione. C’è chi ambisce a istituire delle lezioni di guida e chi vorrebbe intraprendere una vera e propria attività commerciale. Inoltre ci sono ancora tanti campi da coltivare e scaffali di una libreria vuota che aspettano di essere colmati con nuovi libri.

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.