Stai leggendo: Burj al Babas: la città dei 700 castelli fantasma di Bolu, in Turchia

Letto: {{progress}}

Burj al Babas: la città dei 700 castelli fantasma di Bolu, in Turchia

Costruzioni da favola tramutate in film horror: a Bolu, in Turchia, l’atmosfera Disney assume i tratti di una pellicola di Tim Burton.

1 condivisione 0 commenti

C’era una volta un ambizioso progetto edilizio per la creazione di ben 732 ville in stile gotico per turisti facoltosi. Potrebbe sembrare l’incipit di una fiaba e in effetti un po’ lo è. Solo che il castello de La Bella e la Bestia – al quale sembrano ispirarsi gli edifici – è diventato una Disneyland abbandonata a sé stessa.

View this post on Instagram

🌬❄️☃️ 🙏

A post shared by Burj Al Babas (@burjalbabasthermalresort) on

Burj al Babas, il nome del villaggio che sorge nella cittadina turca di Bolu – tra Ankara ed Istanbul – è attualmente disabitato e non si sa se verrà mai completato, a causa della mancanza di fondi. La sua costruzione è iniziata nel 2014, ad opera del Gruppo Sarot, e prevedeva 732 ville con piscine, bagni turchi, centri di bellezza e benessere, oltre a un centro commerciale e a una moschea. In pratica un piccolo paradiso per benestanti, turisti facoltosi che avrebbero trascorso qui le proprie vacanze.

Al loro interno gli edifici sono all’insegna dello sfarzo, con ingressi maestosi, colonne con capitelli dorati, soffitti a volta, marmi e mosaici. Senza contare le piscine interne e i giardini arricchiti da lussureggianti fontane.

Ma l’esterno non è da meno, con un’architettura che – oltre al già citato stile fiabesco di Walt Disney – richiama anche le cupole di San Pietro e il castello di Chenonceau, nella Loira. Proprio come quest’ultimo, infatti, le costruzioni più belle si affacciano sul lago e hanno un’ala che si innalza sull’acqua.

Oggi le ville ultimate sono 587, delle quali circa 350 già acquistate (ma mai abitate) da clienti provenienti dai vicini Emirati Arabi, Arabia Saudita, Qatar, Kuwait e Bahrain. Con una superficie di 325 metri quadrati ciascuna, il loro prezzo di mercato si aggirava, al momento della costruzione, tra i 260mila e i 440mila euro. Nonostante ciò la società non è riuscita ad evitare la bancarotta. Complice, probabilmente, l’attuale crisi economica che da qualche anno si è abbattuta sul Paese. Come riportato da Mehmet Emin Yerdelen – presidente del Gruppo Sarot – mancherebbero all’appello ancora 7,5 milioni di dollari. Un ‘buco’ causato da mancati pagamenti da parte dei paesi del Golfo. Sempre secondo Yerdelen basterebbe vendere ancora 100 ville per estinguere totalmente il debito.

Voi ne comprereste una?

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.

SCOPRI GLI OUTFIT DELL'ESTATE