Stai leggendo: Cani e gatti potranno essere seppelliti con i padroni

Letto: {{progress}}

Cani e gatti potranno essere seppelliti con i padroni

Approvato nella regione Lombardia il progetto di legge che permette, per la prima volta in Italia, la sepoltura dei migliori amici a quattro zampe insieme ai loro proprietari.

28 condivisioni 0 commenti

La Regione Lombardia è la prima Regione italiana ad approvare il progetto di legge che permette a cani e gatti di riposare nella stessa tomba dei padroni. Una notizia importante per i possessori di animali domestici che dovrebbe spingere anche le altre regioni a seguire lo stesso esempio.

Finalmente gli animali domestici e i loro migliori amici a due zampe potranno stare per sempre insieme, oltre la morte. Si realizza così il desiderio di molte persone, e non ultimo quello dello stilista tedesco Karl Lagerfeld, recentemente scomparso che in diverse interviste aveva espresso il sogno di unire, un giorno, le sue ceneri con quelle di Choupette, l’amatissima gatta e compagna fedele di viaggi e di lunghi pomeriggi di lettura nella sua immensa casa parigina.

Un risultato storico

CagnolinoHDUnsplash

Grazie al progetto di legge approvato dal Consiglio regionale, per la prima volta, animali domestici e padroni potranno essere tumulati nella stessa tomba. Una conquista attesa, come ha sottolineato il consigliere Gianluca Comazzi, capogruppo di Forza Italia e autore dell’emendamento appena approvato. 

Oggi, per la prima volta nel nostro Paese, una legge regionale suggella il legame di amore eterno fra gli esseri umani e i loro amici a quattro zampe. Questo voto segna un importante passo avanti in termini di diritti degli animali.

Come funziona

Ora non esiste una legge nazionale ma solo delle linee guida del Ministero della Salute che consentono il seppellimento degli animali di compagnia in terreni privati o in cimiteri corretti. La norma approvata dalla Regione Lombardia cambia completamente lo scenario e rende felici gli amanti degli animali e tutti i proprietari che solo in Italia hanno già superato i 60milioni. 

Gatto a pelo lungo neroPixabay

Quindi se abitate in Lombardia e volete suggellare il legame profondo che vi lega al vostro “animale da affezione” e volete condividere lo stesso loculo, dovrete recarvi agli uffici dei servizi cimiteriali dei Comuni, ai quali è demandata la procedura e compilare un modulo di richiesta.
Il nuovo regolamento prevede alcune condizioni. Una su tutte: l’animale dovrà essere cremato e solo a quel punto sarà possibile tumulare l’urna nella tomba del defunto. Sulle lapidi, però, non si potranno essere inserite né il nome né la foto dell’animale “per ragioni di decoro”. 

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.