Stai leggendo: Achille Lauro: 'Per anni tra difficoltà e povertà, ora ripago i sacrifici di mamma'

Letto: {{progress}}

Achille Lauro: 'Per anni tra difficoltà e povertà, ora ripago i sacrifici di mamma'

Al centro di tantissime polemiche, Achille Lauro ha deciso di rompere il silenzio attraverso un lungo post pubblicato sul proprio profilo Instagram in cui racconta sé stesso e un'infanzia segnata dal sacrificio.

0 condivisioni 0 commenti

Il Festival di Sanremo è ormai concluso, ma le polemiche non accennano a placarsi. Soprattutto quelle riguardarti Achille Lauro, la cui canzone Rolls Royce tacciata durante l’importante kermesse ligure - vinta, anche in questo caso, non senza controversie da Mahmood davanti al favorito Ultimo -, di rappresentare un inno alla droga non smette di creare dibattito.

Come se non bastasse poi, nelle ultime ore sono iniziati a circolare, in rete e non solo, video non proprio incoraggianti, in cui il giovane cantante romano si lascia andare a frasi ingiuriose e ad atteggiamenti violenti nei confronti dei propri fan.

Per provare a gettare acqua sul fuoco, Achille Lauro ha deciso di rompere il silenzio. Lo ha fatto attraverso la propria pagina Instagram, rispondendo alle accuse con il racconto di alcuni retroscena della propria vita passata. 

Sono figlio di gente onesta, il secondo di due fratelli. Mia madre è sempre stata una persona altruista, generosa, longanime.

Ha iniziato Lauro De Marinis, soffermandosi poi su un’infanzia non proprio adagiata e ricca di sacrifici familiari: "Abbiamo vissuto con altri bambini perché mia mamma prendeva in casa figli di famiglie in difficoltà, anche quando possibilità non ne aveva. Siamo figli di chi ha dedicato tutta la propria vita al lavoro, a cui tuttavia per tanti anni nessuno ha mai riconosciuto nulla.

Ho ricordi di momenti in cui non si sapeva che fine avremmo fatto, se saremmo riusciti a coprire i debiti.

Ricordo quando fuori fingevo di aver già cenato perché mi vergognavo a uscire e a non avere soldi per pagare il conto"

Achille Lauro mentre canta.HDGettyImages.

Anni difficili, tra sofferenza e povertà. Alla fine, però, dopo la tempesta ecco il sole. Grazie al successo ottenuto, infatti, Achille Lauro può dirsi fiero di ripagare gli sforzi materni, capace di privarsi dei suoi oggetti più cari pur di accontentare le passioni del figlio:

 Oggi ho pagato per riavere i gioielli che mia madre aveva impegnato. Quei gioielli che sua madre le aveva regalato erano l’unico ricordo che conservava di lei.

Le generosità che mi è stata insegnata è la mia più grande ricchezza. Io sono come i tanti ragazzi della mia generazione, siamo cresciuti da soli crescendoci l’un l’altro".

In conclusione, le parole più sentite, vere. Semplici ma piene di quel coraggio di cui si necessita quando bisogna presentare agli altri la parte più intima di sé senza alcun velo di iprocrisia: "Nessuno conosce la mia vera storia.

Non voglio essere un buon esempio. Io sono un buon esempio.

View this post on Instagram

Sono figlio di gente onesta, il secondo di due fratelli. Mia madre é sempre stata una persona altruista, generosa, longamine. Abbiamo vissuto con altri bambini perché mia mamma prendeva in casa figli di famiglie in difficoltà, anche quando possibilità non ne aveva. Siamo figli di chi ha dedicato tutta la propria vita al lavoro, a cui tuttavia per tanti anni nessuno ha mai riconosciuto nulla. Ho ricordi di momenti in cui non si sapeva che fine avremmo fatto, se saremmo riusciti a coprire i debiti. Ricordo quando fuori fingevo di aver già cenato perché mi vergognavo a uscire e a non avere soldi per pagare il conto. Oggi ho pagato per riavere i gioielli che mia madre aveva impegnato. Quei gioielli che sua madre le aveva regalato erano l’unico ricordo che conservava di lei. Le generosità che mi è stata insegnata è la mia più grande ricchezza. Io sono come i tanti ragazzi della mia generazione, siamo cresciuti da soli crescendoci l’un l’altro. Nessuno conosce la mia vera storia. Non voglio essere un buon esempio, Io sono un buon esempio. AL

A post shared by ACHILLE LAURO (@achilleidol) on

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.