Morto Karl Lagerfeld, genio visionario di Chanel

Artista sublime e creativo, mago delle stoffe, fotografo e designer, Karl Lagerfeld ci ha lasciati all'età di 85 anni. La moda ricorderà per sempre il direttore creativo di Chanel.

La sua assenza alla sfilata parigina di Chanel Haute Couture aveva scatenato l'allarme, ma nessuno avrebbe pensato che l'artista ci avrebbe lasciati in così breve tempo.

Karl Lagerfeld, artista 85enne e direttore creativo delle maison Chanel e Fendi, è scomparso a Parigi, la Ville Lumière che aveva ospitato tante sue indimenticabili collezioni.

La notizia è arrivata da Vanity Fair Francia, che ha salutato con un tweet commosso l'icona della moda internazionale. Più che uno stilista, era un simbolo e non sarà facile pensare a un dopo-Lagerfeld.

Lagerfeld era direttore creativo di Chanel da 35 anni.

Nato ad Amburgo, faceva parte di una ricca famiglia di banchieri. Si trasferì a Parigi nel 1953: dopo un concorso iniziò a lavorare per Pierre Balmain, e vinse anche un premio sponsorizzato da Yves Saint Laurent. Passò successivamente a Dior per approdare infine a Chanel, che dirige artisticamente da oltre 30 anni.

Impossibile però riepilogare in poche parole la lunga e stellare carriera di Lagerfeld, un vero pioniere, un artista in grado di rivoluzionare i costumi e i consumi e di contribuire al progredire della società.

Nel comunicato ufficiale della Maison Chanel, riportato qui sotto, si legge tutto lo stupore, il rammarico e la riconoscenza verso l'immenso talento di Lagerfeld.

View this post on Instagram

It is with deep sadness that the House of CHANEL announces the passing of Karl Lagerfeld, the Creative Director for the CHANEL Fashion House since 1983. An extraordinary creative individual, Karl Lagerfeld reinvented the brand’s codes created by Gabrielle Chanel: the CHANEL jacket and suit, the little black dress, the precious tweeds, the two-tone shoes, the quilted handbags, the pearls and costume jewelry. Regarding Gabrielle Chanel, he said, “My job is not to do what she did, but what she would have done. The good thing about Chanel is it is an idea you can adapt to many things.” A prolific creative mind with endless imagination, Karl Lagerfeld explored many artistic horizons, including photography and short films. The House of CHANEL benefited from his talent for all the branding campaigns related to Fashion since 1987. Finally, one cannot refer to Karl Lagerfeld without mentioning his innate sense of repartee and self-mockery. Alain Wertheimer, CEO of CHANEL, said: “Thanks to his creative genius, generosity and exceptional intuition, Karl Lagerfeld was ahead of his time, which widely contributed to the House of CHANEL’s success throughout the world. Today, not only have I lost a friend, but we have all lost an extraordinary creative mind to whom I gave carte blanche in the early 1980s to reinvent the brand.” Bruno Pavlovsky, President of Fashion at CHANEL, said: “Fashion show after fashion show, collection after collection, Karl Lagerfeld left his mark on the legend of Gabrielle Chanel and the history of the House of CHANEL. He steadfastly promoted the talent and expertise of CHANEL’s ateliers and Métiers d’Art, allowing this exceptional know-how to shine throughout the world. The greatest tribute we can pay today is to continue to follow the path he traced by – to quote Karl – ‘continuing to embrace the present and invent the future’.” Virginie Viard, Director of CHANEL’s Fashion Creation Studio and Karl Lagerfeld’s closest collaborator for more than 30 years, has been entrusted by Alain Wertheimer with the creative work for the collections, so that the legacy of Gabrielle Chanel and Karl Lagerfeld can live on.

A post shared by CHANEL (@chanelofficial) on

Negli anni '80 fondò il proprio marchio, Lagerfeld, e nei '90 visse il decennio sfavillante e glam delle supermodelle.

Oltre all'attività di stilista, era anche fotografo e designer.

Per ricordare il direttore creativo Sky Arte trasmetterà mercoledì 20 febbraio alle 22 Karl Lagerfeld - A Lonely King, il documentario sulla vita e la carriera dell’indiscusso re della moda.

Intanto, difficile pensare al successore. Ironia della sorte, la fashion week di Milano è alle porte, e sarà la prima senza di lui.

Leggi anche

      Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.

      SCOPRI GLI OUTFIT DELL'ESTATE