Stai leggendo: This Is Us: 9 importanti dettagli che potreste esservi persi

Letto: {{progress}}

This Is Us: 9 importanti dettagli che potreste esservi persi

È tempo di analizzare alcuni momenti spettacolari che potreste aver perso nelle prime due stagioni di This Is Us

7 condivisioni 0 commenti

Candidata ai Golden Globe per la miglior serie drammatica, This Is Us ha fatto scalpore ottenendo un grandissimo successo di pubblico non solo per la storia in sé, commovente e ricca di significato, ma anche per la recitazione, tra le migliori mai viste sul piccolo schermo.

Proprio in questi giorni su FoxLife sta andando in onda la terza stagione di questa bellissima serie ideata da Dan Fogelman. Prima di sapere come si concluderà questa stagione, facciamo un tuffo nel passato scorrendo una lista di importanti dettagli delle prime due stagioni di This is Us che potreste non aver notato.

This is Us: un cast che ha colpito nel segnoHD

Parliamo di Miguel

Ogni spettacolo ha bisogno di un personaggio verso cui, almeno a prima vista, il pubblico prova antipatia. In This is Us questo ruolo è toccato a Miguel (Jon Huertas). Perché? Semplice, è quello che "si mette" con Rebecca (Mandy Moore) dopo che Jack (Milo Ventimiglia) muore. Ok, a dirla tutto questo succede molti (moltissimi) anni dopo la morte di Jack. È giusto continuare a odiarlo?

Una delle cose che si sono chiesti i fan è se fra Rebecca e Miguel ci fosse qualcosa già da prima della morte di Jack. Dettaglio non di poco conto ma assolutamente importante.

L'idea che qualcuno abbia potuto sostituire Jack dal cuore di Rebecca dà fastidio ai tantissimi fan della serie, per questo tiriamo un sospiro di sollievo quando Kevin, con mal celata ostilità, a bruciapelo chiede a Miguel: "Eri innamorato di mia madre quando mio padre era vivo?". Miguel afferma che "sarebbe stato impossibile" perché Jack e Rebecca "erano una cosa sola", aggiungendo addirittura, "non mi è mai nemmeno passato per la testa".

Tuttavia non dobbiamo dimenticare un piccolo dettaglio, ovvero quando Miguel disse a Jack di essere stato fortunato a trovare una moglie ben al si sopra delle sue possibilità. Che Miguel, sotto sotto, invidiasse un poco il suo migliore amico?

Qual è la storia della collana che Jack regala a Kevin?

Nella stagione 2 dell'episodio "Numero Uno" di This is Us assistiamo al crollo emotivo di Kevin(Justin Hartley). La goccia che fa traboccare il vaso è la perdita della collana che Jack gli regalò "Quella è l'unica cosa che mi è rimasta di mio padre!" urla a Charlotte, sua ex compagna con cui ha passato la notte e che, delusa dal comportamento del ragazzo, gli nega l'opportunità di salire nel suo appartamento per cercare la collana.

Nello stesso episodio in cui Kevin perde la collana, viene anche rivelato come Kevin (e prima ancora Jack) l'abbiano ricevuta.

A quanto pare quella collana non apparteneva a Jack ─ almeno non in origine. Nell'episodio "Fratelli" viene svelato per la prima volta un dettaglio importante: Jack aveva un fratello, Nicky.

Mentre dà a suo figlio la collana, Jack gli dice che il simbolo buddista sul medaglione significa "scopo" e che qualcuno glielo regalò durante la guerra in Vietnam. Se quel "qualcuno" a cui Jack si riferisce è Nicky, lui non lo rivela. Solo attraverso un flashback dei ricordi di Jack si intravedono i due fratelli insieme, uno accanto all'altro. La collana, quindi, potrebbe essere appartenuta a Nicky.  Quello che è successo rimane un mistero, rimane l'impressione che vi sia ancora una storia da raccontare.

This is Us: il mistero del fratello di JackHD

Non è proprio colpa di Kate se Jack è morto

In una scena della prima stagione di This is Us Kate (Chrissy Metz) chiede a Toby (Chris Sullivan): "Ti ricordi quando ti dissi che non potevo parlare della morte di mio padre?" Toby risponde "Sì, certo" e Kate continua, "Beh, è ​​perché io... è colpa mia ... Sono la ragione per cui è morto." Da quel momento la curiosità dei fan di This Is Us è cresciuta.

Poi, nell'episodio più terribile della serie, "La domenica del Super Bowl", il pubblico assiste impotente all'incendio che devasta l'abitazione dei Pearson. La famiglia riesce a salvarsi ma il cagnolino di Kate è rimasto intrappolato nella casa in fiamme. Jack torna dentro per salvare il cane. Non solo, prima di lasciare la casa afferra alcuni oggetti, fotografie, la collana di Rebecca. Inala troppo fumo e ciò, come sappiamo, ha su di lui un effetto fatale. Ma la sua morte è stata davvero colpa di Kate?

Milo Ventimiglia, l'attore che interpreta Jack, non la pensa così. In un'intervista ha spiegato che Jack è tornato non solo per il cane. Vedere la casa bruciare, infatti, quella stessa casa che rappresenta la famiglia Pearson, ha sconvolto Jack, che perde tempo a raccogliere anche un bel po' di ricordi materiali.

Nonostante questi dettagli in più, la povera Kate si ritiene ancora responsabile della morte di suo padre.

Sono una "famiglia di tossicodipendenti"?

In apparenza i Pearson possono sembrare una famiglia felice e, in molti modi, lo sono (e lo erano). Proprio come ogni famiglia, però, anche loro hanno dovuto affrontare determinati problemi. Alcuni piuttosto grandi. A questo proposito c'è proprio una scena della stagione due "Ruota di scorta" in cui Kevin dice a sua madre e ai suoi fratelli: "Siamo una famiglia di tossicodipendenti".

Per quanto la cosa possa sembrare esagerata, effettivamente Kate combatte una dipendenza dal cibo, Randall è un perfezionista esagerato, e Kevin è dipendente da droghe e alcool. E anche Jack ha lottato contro l'alcolismo.

Stando così le cose non si può negare la verità: i Pearson sono, in effetti, una "famiglia di tossicodipendenti". Ironia a parte, nella serie non sono i limiti o i difetti a caratterizzare i Pearson e non perché sono perfetti ma semplicemente perché non hanno fatto dei loro problemi una scusa e, una volta ammessi, hanno lottato (o ancora lottano) per risolverli. Del resto, nessuno è perfetto.

Ricordate l'addio tra William e Randall?

Gli ultimi incontri di Randall (Sterling K. Brown) con il padre biologico William (Ron Cephas Jones) sono molto commoventi. La malattia di William mette a dura prova il rapporto appena nato tra i due ma, piuttosto che dividerli li unisce, anche a causa della consapevolezza di aver poco tempo a disposizione per stare insieme. Nonostante il dolore, Randall e William non si nascondono dietro maschere e un falso buonismo anzi, se necessario, litigano. Come quando Randall, esasperato dai capricci del padre, gli grida: "Sei un vecchio malato e i vecchi malati hanno bisogno di infermieri per assicurarsi che prendano le loro medicine in tempo e mangino i pasti in tempo e non muoiano quando nessuno guarda".

Per fortuna, quando la morte sopraggiunge Randall ha l'opportunità di essere lì con William, che confida al figlio di sentirsi un po' spaventato. Randall lo rassicura, gli tiene la testa di tra le mani e lo istruisce: "Respira e basta, respira con me". Naturalmente, questa è la stessa tecnica che Jack aveva usato in passato per alleviare l'ansia del piccolo Randall. Dettaglio molto emozionante.

Il futuro della "Big Three Homes"

Poco prima di morire Jack confida a Rebecca il suo desiderio di mettersi in proprio aprendo un'impresa di costruzioni. Purtroppo Jack non riesce a realizzare il suo sogno, ma potrebbe ancora diventare una realtà?

Vale la pena analizzare un paio di dettagli. In primo luogo, mentre Kevin lascia la riabilitazione la terapeuta lo esorta a non tornare subito a Hollywood, cosa che dà a Kevin l'opportunità di trasferirsi a casa con sua madre e Miguel.

In secondo luogo Randall, che ha lasciato il suo lavoro, acquista l'appartamento in cui un tempo viveva William per riparare l'intero edificio. Kevin gli dà una mano con le riparazioni.

E Kate? Lei ha il sogno di diventare una cantante, ma ha ancora tanto da lavorare prima di poter pensare a una vera e propria carriera. I Grandi Tre potrebbero quindi portare a termine il piano di Jack? Sarà interessante vedere cosa succederà.

This is Us: il sogno di Jack e i suoi figliHD

Il messaggio di Jack a Kevin

A causa di un litigio con la famiglia, Kevin era l'unico a non essere a casa durante l'incendio: era rimasto a dormire da Sophie (Alexandra Breckenridge) invece di restare a casa per il Super Bowl. Prima della tragedia, quella notte Kevin telefonò a casa e si scusò con la madre e chiedendole anche: "Papà è arrabbiato?" Rebecca risponde, "Mm, no. Non è arrabbiato ma penso ci sia rimasto male". Rebecca gli suggerisce di tornare a casa e di vedere il resto della partita con lui, ma Kevin decide di non farlo "Vuoi parlare con tuo padre?", chiede allo lei, e Kevin le risponde "No, gli parlerò domani".

Più tardi quella notte, prima di andare a dormire, Jack scrive un messaggio per Kevin: "Kevin, se non ti vedo prima del lavoro domani sappi che ti voglio bene. E che ci devi delle scuse! Papà". Purtroppo non c'è nessun domani per Jack Pearson. E nemmeno per Kevin. Le fiamme inghiottono completamente il messaggio. Kevin non saprà mai quello che Jack ha scritto per lui e nemmeno il resto della sua famiglia potrà mai sapere che è esistito.

This is Us: Jack, Rebecca e i Grandi TreHD

Shh, hai appena sentito Jack dire qualcosa?

Nell’episodio “La domenica del Super Bowl” mentre Rebecca lascia la stanza dell’ospedale Jack la richiama, come se volesse dirle qualcosa di importante ma, scherzando, le dice invece di essere davanti alla televisione. Sono le ultime parole che le rivolge. Alcuni fan si sono chiesti se in quel momento Jack, avendo intuito la precarietà della sua condizione, avesse voluto lasciare andare la moglie nell’altra stanza, per non farle capire che qualcosa non stava andando per il verso giusto.

Fuori dalla stanza, Rebecca fa una telefonata. Il pubblico può vedere le infermiere correre freneticamente avanti e indietro alle sue spalle, ma Rebecca non si accorge di nulla. Chiude la telefonata, prende uno snack dal distributore automatico. A un tratto è come se si sentisse chiamare “Bec” e non si capisce se è ciò che accade o se è solo un’impressione.

In realtà è Milo Ventimiglia a chiarire la questione: l’”effetto voce” è stato voluto, lui stesso ha registrato molte versioni, alcune più eteree, altre sussurrate.

This is Us: un amore assolutoHD

This Is Us non è una serie TV vincolata dai confini del tempo

Passato, presente e futuro sono strettamente connessi in This is Us: flashback e forward si intrecciano continuamente e dettagli diversi si susseguono senza risolversi, suscitando curiosità, attesa, apprensione per il destino dei Pearson.

Un esempio su tutti? A un certo punto in "La domenica del Super Bowl" sullo schermo appare una Tess adulta che lavora come assistente sociale occupandosi dei bimbi adottavi e un Randall anziano che va a trovare la figlia al lavoro.

Quanti avrebbero potuto indovinare che This Is Us avrebbe mostrato agli spettatori anche uno sguardo sul futuro? A questo punto, tutto è veramente possibile.

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.