Stai leggendo: Sanremo 2019, quarta serata: la classifica dei 10 migliori duetti

Letto: {{progress}}

Sanremo 2019, quarta serata: la classifica dei 10 migliori duetti

Nella quarta serata della 69esima edizione del Festival di Sanremo gli artisti in gara hanno cantato nuovamente i loro inediti in una versione ri-arrangiata e accompagnati sul palco da ospiti d’eccezione. Ecco i 10 migliori duetti.

I presentatori di Sanremo 2019 Getty Images

0 condivisioni 0 commenti

La quarta serata del Festival di Sanremo era la più attesa dell’intera kermesse in quanto, come annunciato, tutti gli artisti in gara hanno duettato con altre grandi star della musica nazionale e internazionale ri-proponendo sul palco dell’Ariston il loro inedito il lizza per la vittoria in una versione spesso musicalmente differente rispetto all’originale.

Stasera, quindi, lo spettacolo in diretta dall'Ariston è stato tutto incentrato sulle 24 esibizioni dei cantanti e delle loro rispettive "guest star", oltre che sui super-ospiti Luciano Ligabue che ha anche cantato insieme al "dirottatore" artistico Baglioni la gucciniana Dio è morto, e il vincitore dell'ultimo X Factor Anastasio che per l'occasione ha scritto un brano inedito.

Alla fine delle performance, la Giuria d'Onore presieduta da Mauro Pagani e composta da Ferzan Ozpetek, Camila Raznovic, Claudia Pandolfi, Elena Sofia Ricci, Beppe Severgnini, Serena Dandini e Joe Bastianich ha dato un premio speciale a Motta e Nada per la loro esibizione sulle note di Dov'è l'Italia. Decisione criticata da qualche fischio proveniente dalla platea dell'Ariston che forse avrebbe preferito che qualche altro duetto venisse onorato dal riconoscimento. 

Premio speciale a Motta e Nada per la loro esibizione sulle note di Dov'è l'ItaliaHDGetty
Premio speciale a Motta e Nada per la loro esibizione sulle note di Dov'è l'Italia

Al di là dei vincitori e dei vinti è stato comunque interessante vedere come le canzoni che da ormai tre giorni ascoltiamo ininterrottamente tra Festival e radio hanno trovato un nuovo respiro in questa lunga nottata di musica. Ecco quali sono stati, secondo noi, i migliori duetti della quarta serata di Sanremo 2019.

1 - Simone Cristicchi con Ermal Meta - Abbi cura di me

La tradizione tutta italiana del teatro canzone quest'anno è stata omaggiata sul palco dell'Ariston da Simone Cristicchi con il suo inno al perdono, all'amore e alla vita Abbi cura di me.

Per la quarta serata del Festival il cantautore romano ha deciso di farsi accompagnare sul palco da Ermal Meta, vincitore lo scorso anno del Festival insieme a Fabrizio Moro con il brano Non mi avere fatto niente, che con la sua voce ha reso più melodioso e perfetto il capolavoro di Cristicchi. 

Voto: 10

2 - Achille Lauro con Morgan - Rolls Royce

Lo scorso anno Morgan era stato "escluso" dal primo Festival diretto artisticamente da Claudio Baglioni ma quest'anno Achille Lauro ha deciso di farsi accompagnare sul palco dell'Ariston proprio dal suo "gemello diverso".

 Achille Lauro con Morgan - Rolls RoyceHDGetty
Achille Lauro con Morgan - Rolls Royce

I due, come prevedibile e grazie anche a una canzone talmente folle da permetterlo, hanno regalato al pubblico un'esibizione esilarante, musicalmente meravigliosa (grazie proprio al talento del polistrumentista Morgan), unendo le loro anime da istrioni in uno dei più spettacolari momenti di questo Sanremo 2019.

Voto: 9

3 - Ultimo con Fabrizio Moro - I tuoi particolari

Esattamente 12 mesi fa Ultimo aveva vinto la sezione Giovani del Festival mentre Fabrizio Moro, in coppia Ermal Meta, quella dei "big". Quest'anno i due cantautori romani, nella serata dei duetti, hanno regalato al pubblico una delle più belle esibizioni di Sanremo 2019.

La palpabile empatia tra i due, l'unione delle loro voci - quella più pulita di ultimo e il graffiante timbro di Moro - e dei loro strumenti hanno fatto il miracolo di rendere il (fin troppo) semplice brano I tuoi particolari protagonista di una performance unica, a conferma che l'amicizia può fare miracoli.

Voto: 8,5

4 - Mahmood e Guè Pequeno - Soldi

Mahmood è riuscito a portare per la prima volta il rapper Guè Pequeno - con cui ha collaborato per il brano Doppio Whisky - sul palco dell'Ariston per un'esibizione in cui un mostro sacro del rap nostrano e la nuova promessa (mantenuta) di Sanremo 2019 hanno duettato sulle note di Soldi. Il rabbioso e sincero brano, completamente scritto e composto dal 27enne Mahmood, con l'"aiuto" di Guè Pequeno e le sue barre inedite si è trasformato in qualcosa di davvero perfetto nella sua cinica efferatezza.

Mahmood e Guè Pequeno - SoldiHDGetty
Mahmood e Guè Pequeno - Soldi

Voto: 8,5

5 - Irama e Noemi - La ragazza con il cuore di latta

Il testo del brano di Irama è uno dei più belli di Sanremo 2019 e l'artista in queste sere ci ha presentato l'eroina protagonista della sua canzone con una sensibilità unica.

Irama e Noemi - La ragazza con il cuore di lattaHDGetty
Irama e Noemi - La ragazza con il cuore di latta

La voce blues di Noemi, che nella serata della kermesse ha accompagnato quella del cantante carrarese sul palco unendo - tra l'altro - in una sola esibizione il meglio dei talent Amici e X-Factor, è stata in grado dare ancora più intensità al brano che ha assunto, proprio grazie a una presenza femminile così imponente e tenace sul palco, un significato ancor più profondo nel narrare l'epopea di violenza sulle donne e di rinascita che spicca tra le righe di La ragazza con il cuore di latta.

Voto: 8

6 - Federica Carta & Shade con Cristina D’Avena

Nelle prime due esibizioni a Sanremo 2019 Federica Carta e Shade non hanno dato il loro meglio sul palco, probabilmente a causa proprio della canzone con cui si sono presentati alla kermesse che fin dal primo ascolto non è parsa all'altezza di un palco del calibro di quello Festival che, tra l'altro, proprio quest'anno sta ospitando una competizione ricca di artisti e di brani molto originali e non solo meramente orecchiabili.

Federica Carta & Shade con Cristina D’AvenaHDGetty
Federica Carta & Shade con Cristina D’Avena

Stasera però il duo da disco di platino, grazie all'aiuto dell'adorata Cristina D'Avena, è sbocciato in quel della città dei fiori e la sempreverde sicurezza mostrata sul palco dalla cantante, la cui voce è stata la colonna sonora dell'infanzia di più generazioni, ha contagiato Federica e Shade dando nuova vita e inedita freschezza alla banalotta Senza farlo apposta.

Voto: 7,5

7 - Il Volo con Alessandro Quarta - Musica che resta

L'intro rock del violinista Alessandro Quarta che ha fatto da incipit e ha accompagnato la terza esibizione a Sanremo 2019 del gruppo Il Volo è stato un tocco di grande originalità che ha reso Musica che resta molto più di un brano (pre)confezionato appositamente per la vittoria del Festival. Stavolta la standing ovation dell'Ariston per i tre ragazzi borderline tra lirica e pop è stata (finalmente!) più che meritata.

Il Volo con Alessandro Quarta - Musica che restaHDGetty
Il Volo con Alessandro Quarta - Musica che resta

Voto: 7,5 (anche per i bicipiti di Alessandro Quarta)

8 - Daniele Silvestri e Rancore con Manuel Agnelli - Argentovivo

Daniele Silvestri in questo Sanremo 2019 ha voluto raccontare sul palco dell'Ariston - accompagnato nella sua corsa verso la vittoria dal rapper Rancore - il disagio di un 16ennne di oggi con la sua Argentovivo. Nella quarta serata delle kermesse il cantautore romano ha chiamato al suo fianco anche Manuel Agnelli che ha aggiunto con la sua performance un twist di energia e disperazione urlando il dolore proprio dell'adolescenza. Da brividi.

Voto: 7+

9 - Loredana Bertè con Irene Grandi - Cosa vuoi da me

La grinta è femmina e a confermarlo (qualora ce ne fosse bisogno) sono state Loredana Bertè e Irene Grandi che stasera hanno duettato a Sanremo 2019 in Cosa ti aspetti da me.

Loredana Bertè con Irene Grandi - Cosa vuoi da meHDGetty
Loredana Bertè con Irene Grandi - Cosa vuoi da me

Come ieri sera, anche oggi la Bertè - e la sue erede musicale - è stata salutata dal pubblico dell'Ariston con una standing ovation meritatissima (per entrambe). Che donne!

Voto: 7

10 - Arisa con Tony Hadley e i Kataklò - Mi sento bene

Nel 2008 Tony Hadley aveva gia duettato sul palco dell'Ariston con Paolo Meneguzzi - oltre ad essere stato più volte ospite della kermesse con gli Spandau Ballet - e stasera è stata Arisa che lo ha voluto al suo fianco - insieme alla compagnia di acrobati Kataklò - per regalarci una nuova versione di Mi sento bene.

Arisa con Tony Hadley e i Kataklò - Mi sento beneHDGetty
Arisa con Tony Hadley e i Kataklò - Mi sento bene

L'improbabile coppia artistica, grazie anche al brano che da giorni ci delizia, funziona musicalmente alla perfezione e le coreografie dei Kataklò hanno trasformato questa la terza esibizione di Arisa a Sanremo 2019 in un gioioso mini-musical. Bravi tutti!

Voto: 7

Siete d'accordo con la nostra classifica dei duetti di Sanremo 2019? Quali sono stati i vostri preferiti? Fatecelo sapere nei commenti!

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.

SCOPRI GLI OUTFIT DELL'ESTATE