Stai leggendo: Festival di Sanremo 2019, da Mamhood a Irama diamo i voti alle performance in gara della terza serata

Letto: {{progress}}

Festival di Sanremo 2019, da Mamhood a Irama diamo i voti alle performance in gara della terza serata

La terza serata del 69esimo Festival di Sanremo ha visto esibirsi nuovamente sul palco dell’Ariston i 12 cantanti dei 24 in gara che ieri hanno riposato le ugole. Ecco le nostre pagelle performance per performance.

Claudio Baglioni e Virginia Raffaele Getty Images

0 condivisioni 1 commento

Come ormai consuetudine di questo Festival, il secondo diretto artisticamente da Claudio Baglioni, anche la terza serata di Sanremo - dopo il grande successo di pubblico delle precedenti - è stata un lungo omaggio alla musica italiana ricco di ospiti d’eccezione.

In particolare sul palco della kermesse si sono avvicendati artisti che hanno fatto (e stanno facendo) la storia della seconda arte, come Ornella Vanoni, Raf e Umberto Tozzi, Antonello Venditti e Alessandra Amoroso.

Inoltre, dopo Pippo Baudo, anche l’altro conduttore dello scorso Sanremo giovani, Fabio Rovazzi, è stato ospite di Baglioni, Virginia Raffale e Claudio Bisio insieme a Paolo Cevoli e Serena Rossi, quest’ultima protagonista del bellissimo biopic dedicato all’indimenticabile Mia Martini Io sono Mia.

Sanremo, ovviamente, omaggia la musica italiana anche e soprattutto attraverso una competizione molto sentita e che stasera è proseguita con le esibizioni dei 12 dei 24 cantanti in gara che ieri non hanno varcato il palco dell’Ariston. Ecco i nostri giudizi sulle loro esibizioni.

Mahmood – Soldi

Mahmood – Soldi - Sanremo Day3HDMahmood – Soldi - Sanremo Day3
Mahmood – Soldi - Sanremo Day3

Durante la prima serata di Sanremo 2019 Mahmood è stato l’ultimo a esibirsi sul palco dell’Ariston e, nonostante la tarda ora, è riuscito a stuzzicare attivamente l’interesse del pubblico Soldi che Claudio Bisio, nel presentarlo, ha giustamente definito una poesia metropolitana. Mahmood, vincitore di Sanremo giovani, ha riconfermato con la seconda performance sul palco dell’Ariston da “big” le prime impressioni. Il suo brano, feroce nel testo e multietnico nelle sonorità, è oggettivamente tra i migliori della kermesse.

Voto: 8

Enrico Nigiotti – Nonno Hollywood

Enrico Nigiotti – Nonno Hollywood - Sanremo Day3HDGetty
Enrico Nigiotti – Nonno Hollywood - Sanremo Day3

Se al primo ascolto “ufficiale” Nonno Hollywood di Enrico Nigiotti è parso non all’altezza dei precedenti successi del cantautore, figlio un po’ di Amici e un po’ di X-Factor, e della maggior parte degli altri brani in gara a Sanremo 2019, nella sua seconda esibizione il bel livornese ha convinto di più e sulle perplessità iniziali ha vinto la tenerezza che trasmette questo brano biografico e personalissimo.

Voto: 6,5 

Anna Tatangelo – Le nostre anime di notte

Anna Tatangelo – Le nostre anime di notte - Sanremo Day3HDGetty
Anna Tatangelo – Le nostre anime di notte - Sanremo Day3

Lady Tata è tornata stasera sul palco di Sanremo 2019 con Le nostre anime di notte, brano sulla crisi in via di risoluzione di una coppia che si (ri)scopre innamorata nonché una ballad malinconica e noiosetta che ha l’enorme pecca - e ne abbiamo avuto la ri-conferma - di non mettere per nulla in risalto le doti vocali della sua interprete.

Voto: 4,5

Ultimo – I tuoi particolari

Ultimo – I tuoi particolari - Sanremo Day3HDGetty
Ultimo – I tuoi particolari - Sanremo Day3

Ben prima di varcare il palco di Sanremo 2019 Ultimo era già in lizza tra i favoriti per la vittoria e lo è anche adesso nonostante I tuoi particolari, rispetto a molti altri brani in gara, sia decisamente un pezzo fragile e, soprattutto musicalmente, monotono. Ultimo però è il cantautore pop delle nuove generazioni e sul palco ha carisma ed emozioni da vendere, qualità che a Sanremo possono fare la differenza.

Voto: 6

Francesco Renga – Aspetto che torni

Francesco Renga – Aspetto che torni - Sanremo Day3HDGetty
Francesco Renga – Aspetto che torni - Sanremo Day3

Aspetto che torni, esattamente come Nonno Hollywood di Enrico Nigiotti, è una canzone che ha un valore molto intimo per il suo interprete. Per questo il brano, benché non metta in risalto la voce unica di Francesco Renga, dopo averlo ri-ascoltato in una performance più sicura della prima ha per empatia la meglio su qualsiasi ragionevole dubbio . 

Voto: 6,5

Irama – La ragazza col cuore di latta

Irama – La ragazza col cuore di latta - Sanremo Day3HDGetty
Irama – La ragazza col cuore di latta - Sanremo Day3

Coro gospel anche stasera al seguito, Irama è riuscito nella sua seconda esibizione in La ragazza col cuore di latta - forse perché meno assuefatto dall’emozione - a dare maggiore rilievo al testo e all’interpretazione di un brano durissimo e importante. Una canzone che racconta una storia feroce (e tristemente biografica) di violenza, in grado di far riflettere, indignare ma alla fine mietere speranza nel prossimo e nell’amore.

Voto: 7

Patty Pravo e Briga – Un po' come la vita

Patty Pravo e Briga – Un po' come la vita - Sanremo Day3HDGetty
Patty Pravo e Briga – Un po' come la vita - Sanremo Day3

La prima performance di Patty Pravo e Briga a Sanremo 2019 era partita con un piccolo contrattempo iniziale che effettivamente poteva essere la causa dell’esibizione mediocre del duo e infatti stasera sul palco dell’Ariston la diva Patty, presentata dalla collega Ornella Vanoni, e l’ex concorrente di Amici hanno avuto una piccola rivincita risultando leggermente più convincenti. Il dialogo bi-generazionale, ben scritto e forte di un ritornello che rimane impresso, al centro di Un po' come la vita però non convince a causa delle due vocalità degli artisti che non riescono ad armonizzarsi tra loro. Efficace invece la parte rappata da Briga del pezzo.

Voto: 6 - -

Simone Cristicchi – Abbi cura di me

Simone Cristicchi – Abbi cura di me - Sanremo Day3HDGetty
Simone Cristicchi – Abbi cura di me - Sanremo Day3

Una canzone d’amore dedicata all’amore, Simone Cristicchi ha deciso di tornare a Sanremo con una brano il cui tema è tra i più abusati nell’arte della musica e non con la sia Abbi cura di me. Eppure le parole cantate lentamente, quasi recitate, di Cristicchi e il modo in cui le interpreta sul palco mostrando con orgoglio i suoi occhi lucidi è poesia pura. Per la sua esibizione di stasera il cantautore romano è stato elogiato con una standing ovation del teatro Ariston a cui noi, commossi come lui, ci accodiamo.

Voto: 10

BoomDaBash – Per un milione

Ascoltando i BoomDaBash non è possibile rimanere fermi tanto che Per un milione ha fatto ballare anche la platea, di solito molto composta, del teatro Ariston. Il brano è simpatico, rimane in testa e il ritmo raggaeton irresistibile. Una sferzata di energia ben poco sanremese e orgogliosamente fuori contesto.

Voto: 6,5

Motta – Dov’è l’Italia

Tornato con una nuova carica sul palco di Sanremo 2019 per la sua seconda esibizione alla kermesse, Motta con Dov’è l’Italia fa anche stasera riflettere in musica sull'attuale e drammatico tema dell'immigrazione. Quella del cantautore pisano è una delle canzoni più audaci per arrangiamento e testo e lui è una delle più belle e inaspettate sorprese del Festival.

Voto 7,5

The Zen Circus – L’amore è una dittatura

The Zen Circus – L’amore è una dittatura - Sanremo 2019 Day3HDGetty
The Zen Circus – L’amore è una dittatura - Sanremo 2019 Day3

Vedere esibirsi l’uno dietro l’altro Motta e i il gruppo The Zen Circus sul palco dell’Ariston ci conferma che il vento al Festival della canzone italiana è cambiato e si è mosso verso una musica indipendente e di grande spessore politico e "letterario". L’amore è una dittatura è un fiume di parole tutte diverse e tutte da ascoltare. Una marea forti scanditi dal ticchettìo di un orologio. I The Zen Circus stasera sono stati sbigottimento puro perché, come loro stessi cantano: "l’anarchia la trovi dentro ogni emozione". 

Voto: 8

Nino D’Angelo e Livio Cori – Un’altra luce

Nino D’Angelo e Livio Cori – Un’altra luce - Sanremo Day3HDGetty
Nino D’Angelo e Livio Cori – Un’altra luce - Sanremo 2019 Day3

Un’altra luce, come Un po’ come la vita di Patty Pravo e Briga, è un dialogo tra due generazioni che si confrontano sull’esistenza. Un brano in lingua napoletana che, al netto del buon testo, musicalmente non cresce mai e risulta anche al secondo ascolto molto monotono nonostante la sentita ed emotiva performance dei due cantanti.

Voto: 5

Qual è stata l'esibizione della terza serata di Sanremo 2019 che vi ha colpito di più? Fatecelo sapere nei commenti!

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.