Stai leggendo: Il cuore grande di Sia: la cantante offre rifugio e cibo ai senzatetto in USA durante il maltempo

Letto: {{progress}}

Il cuore grande di Sia: la cantante offre rifugio e cibo ai senzatetto in USA durante il maltempo

Tramite Twitter, la star di Chandelier sta assoldando l'aiuto di compagnie di hotel e fast food: se accettano di ospitare i senzatetto, lei paga le spese.

Sia Getty Images

14 condivisioni 0 commenti

Gli Stati Uniti sono presi nella gelida morsa di un inverno terribile: le temperature minime hanno raggiunto record storici e i senzatetto sono coloro che ne patiscono di più. La cantante Sia, però, vuole dare una mano, e ha sfruttato il potere dei social per aiutarli.

La star australiana (al secolo Sia Kate Isobelle Furler) che sul palco ama esibirsi nell’anonimato ha infatti rivolto un appello a catene di hotel e ristoranti su Twitter, offrendosi di pagare le spese per ogni senzatetto che decida di accogliere nelle loro strutture.

Se ci sono motel o hotel nelle zone fredde e piovose d’America disposti ad accettare ospiti senzatetto stanotte, pagherò io, e vi farò pubblicità.

A questo appello ha risposto la catena di hotel Hyatt, che ha riservato alcune stanze per cui la cantante si è accollata le spese. Incoraggiata, la star ha chiesto qualcosa di simile anche a Pizza Hut, utilizzando l’hashtag #feedtheheart: “Hey, Pizza Hut, prendereste in considerazione di donare una vagonata di pizze alle vostre comunità locali ogni notte per questa settimana?”. Il gigante della ristorazione ha prontamente risposto con un “Fatto”.

Tra i tweet della cantante, ce ne sono alcuni che diffondono bollettini di cronaca in cui si spiega come il tempo rigido abbia paralizzato tutto, anche quelle poche attività di sostegno a favore di senzatetto in certe zone del paese. Per questo Sia, oltre a invitare queste grandi aziende a partecipare nello sforzo umanitario, ha ricordato ai suoi follower di fare qualcosa a livello locale. È un messaggio molto importante, nel clima sociale e politico attuale degli Stati Uniti.

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.