Stai leggendo: Diamo i voti: da Francesco Renga a Mahmood, i giudizi sulle esibizioni della prima serata di Sanremo 2019

Letto: {{progress}}

Diamo i voti: da Francesco Renga a Mahmood, i giudizi sulle esibizioni della prima serata di Sanremo 2019

Nella serata d’apertura del Festival di Sanremo 2019 tutti i 24 cantanti in gara si sono esibiti presentando per la prima volta al pubblico i loro inediti. Ecco le nostre pagelle.

I presentatori di Sanremo 2019 Getty Images

0 condivisioni 0 commenti

Durante la prima lunghissima serata di Sanremo 2019, sul palco del Teatro Ariston della cittadina ligure che da quasi 7 decenni ospita la kermesse si sono esibiti tutti i 24 cantanti in gara presentati uno ad uno dal trio di padroni di casa composto dal direttore/detrattore artistico Claudio Baglioni, affiancato dalla splendida e frizzante Virginia Raffaele e dall’attore Claudio Bisio.

A differenza delle scorse edizioni della kermesse stavolta gli artisti che fino a sabato 9 febbraio si sfideranno a suon di musica non sono divisi tra "big" e "nuove proposte" ma tutti i cantanti in lizza per la vittoria del 69esimo Festival della musica italiana, compresi i due i vincitori di Sanremo giovani, Einar e Mahmood, competono “alla pari”.

Al netto di alcuni problemi di audio che hanno penalizzato quasi tutte le performance, Sanremo quest’anno - almeno per quanto riguarda le canzoni in gara e i talenti che le hanno eseguite - ha osato moltissimo dal punto di vista musicale optando per artisti inaspettati che hanno regalato agli spettatori attimi di grande stupore oltre che 4 ore di musica multigenere. Ecco le nostre pagelle.

Francesco Renga – Aspetto che torni

Francesco RengaHDGetty Images

Primo cantante in assoluto a esibirsi in gara a Sanremo 2019, Francesca Renga (apprezzatissimo dal gentil sesso sui social) è tornato per l’ottava volta sul palco dell’Ariston con Il brano Aspetto che torni. Una canzone che - almeno al primo ascolto - non sembra aver dato giustizia all’imponente vocalità dell’ex leader dei Timoria che è parso particolarmente sottotono o forse troppo emozionato dato il testo biografico del brano dedicato alla madre di cui è orfano da quando aveva 19 anni.

Voto: 5

Nino D’Angelo e Livio Cori – Un’altra luce 

Nino D’Angelo e Livio Cori HDGetty Images

Quella formata da Nino D’Angelo e Livio Cori è una delle due coppie artistiche multigenerazionali, insieme a Patty Pravo e Briga, in gara a Sanremo 2019. La loro canzone, Un’altra luce, è un brano di pancia dal testo interessante ma musicalmente troppo ripetitiva e per questo in generale poco accattivante, nonostante l’ottima (prima) performance dei due artisti in cui le anime e le voci del navigato D’Angelo e del giovanissimo Cori si sono amalgamate alla perfezione.

Voto: 5,5

Nek – Mi farò trovare pronto

NekGetty Images

Forse Nek è stato uno degli artisti più penalizzati dai problemi di audio che hanno caratterizzato la prima serata di Sanremo 2019, eppure Filippo Neviani fin dalla sua prima performance in questo Festival ha catturato il pubblico con un brano, Mi farò trovare pronto, dal ritmo elettrorock molto coerente con la sua produzione musicale e destinato a diventare una delle hit radiofoniche dei prossimi mesi.

Voto: 6,5

The Zen Circus – L’amore è una dittatura

The Zen CircusGetty

I The Zen Circus sono una delle grandi sorprese musicali di Sanremo 2019. Coerente con se stessa e con il proprio percorso artistico, la band (per la prima volta in gara al Festival) ha deciso di osare e presentarsi al pubblico sanremese con L’amore è una dittatura, un brano privo di inciso,  originale nel testo musicalmente accattivante nel suo essere scandito dal ticchettio di un orologio. Inoltre la loro performance - da novellini della kermesse - è stata tra le più convincenti della prima serata.

Voto: 7,5

Il Volo – Musica che resta

Il VoloHDGetty Images

Bissare la standing ovation che il pubblico di Sanremo ha dedicato loro nel 2015 quando per la prima volta hanno cantato la loro hit Grande amore sul palco dell’Ariston sembrava un’impresa impossibile e invece con Musica che resta quest’anno Il Volo ci sono riusciti. La canzone, orgogliosamente pop e meno lirica del solito, è più furba che bella e ha dalla sua un ritornello che resta in mente a conferma che Il Volo sono i possibili vincitori di questo Festival.

Voto: 6 (per la furbizia)

Loredana Berté – Cosa ti aspetti da me

Loredana BertèGetty Images

Look total dark, capelli blu e l’atteggiamento di chi non si aspetta nulla ma è ancora in grado di dare tantissimo al pubblico: questa è Loredana Bertè. Cosa ti aspetti da me non è a onor del vero un grande brano ma la Bertè è talmente oltre che qualunque cosa faccia su un palco la trasforma in arte.

Voto: 7

Daniele Silvestri – Argentovivo

Daniele SilvestriGetty Images

Seduto dietro a un banco di scuola e accompagnato sul palco dal rapper Rancore, Daniele Silvestri con la sua Argentovivo ha regalato al pubblico del Festival un bello spunto di riflessione con un brano che racconta il lato oscuro degli adolescenti di oggi in cui il cantautore romano si è immedesimato. Forse non vincerà questo Festival ma la sua canzone, come l’indimenticata Aria, è destinata a fare strada nella storia della musica.

Voto: 8

Federica Carta e Shade – Senza farlo apposta

Federica Carta e ShadeHDGetty Images

Il brano Irraggiungibile, triplo disco di Platino, li ha resi nell’ultimo anno una delle coppie artistiche più amate dai giovanissimi, eppure Federica Carta e Shade non riusciti a dare il loro massimo sul palco dell’Ariston. Complice una canzone, Senza farlo apposta, troppo banale e un’esibizione piattissima, il duo è stato un po’ deludente ma - dato il loro bacino di fedelissimi - sicuramente si rifarà in radio.

Voto: 4

Ultimo – I tuoi particolari 

UltimoGetty Images

Insieme a Il Volo, Ultimo è il grande favorito del Festival di Sanremo 2019 dove gareggia con la canzone I tuoi particolari. La sua prima performance alla kermesse in cui ha presentato al pubblico questa “ballata dell’amor perduto”, già destinata ad essere la colonna sonora di molti amori che nasceranno o finiranno nei prossimi mesi, è partita piano e voce per poi crescere e far vibrare il cuore di Ultimo all'unisono con il nostro.

Voto: 7,5

Paola Turci – L’ultimo ostacolo

Paola TurciGetty Images

Il carisma di Paola Turci e la sua coerenza artistica sono anni che conquistano il palco di Sanremo. La Turci è un’artista che davvero riesce a personalizzare e rendere riconoscibile l’appartenenza di ogni brano che tocca e questa è una dote ineguagliabile. Poco importa, quindi, che L’ultimo ostacolo non sia una canzone imprescindibile: quando è la Turci a intonare un pezzo questo si trasforma sempre in qualcosa di speciale.

Voto: 7

Motta – Dov’è l’Italia

Il tema dei migranti che ha creato molte polemiche nei giorni che hanno preceduto il Festival a causa di alcune dichiarazioni del direttore artistico Claudio Baglioni, è stato portato sul palco dell’Ariston da Motta nella sua performance impeccabile ed empatica. La sua Dov’è l’Italia è una canzone politica, forte, potente. Un brano necessario come quello di Ermal Meta e Fabrizio Moro, Non mi avete fatto niente, che lo scorso anni vinse la kermesse.

Voto: 7,5

Boomdabash - Per un milione

BoomdabashHDGetty Images

Cantori della scorsa estate, i Boomdabash hanno portato la loro musicalità “da tormentone” sul palco di Sanremo con molta dignità e consapevolezza. Per un milione è un brano squisitamente radiofonico che nei prossimi mesi ascolteremo e balleremo fino allo sfinimento.

Voto: 6,5

Patty Pravo e Briga – Un po’ come la vita 

Patty Pravo e BrigaHDGetty Images

Patty Pravo e Briga erano sulla carta la “strana coppia” più interessante di questo Sanremo 2019 per poi  rivelarsi ieri sera i cantanti meno efficaci della kermesse. I problemi di audio che hanno indispettito la diva Patty, una delle poche donne al mondo che a 70 anni è credibile con i rasta, forse hanno messo in crisi l'artista ma sta di fatto che oggettivamente l’empatia con il suo partner era nulla e la canzone Un po’ come la vita davvero bruttina.

Voto: 4

Simone Cristicchi – Abbi cura di me 

Simone CristicchiGetty Images

Simone Cristicchi non canta ma recita i suoi brani, li indossa e poi ce li mostra attraverso le grandiose immagini che la sua penna disegna con le parole. Dopo sei anni lontano dalla musica, Cristicchi ha deciso di tornare ad emozionarci - ed emozionarsi - sul palco si Sanremo con una canzone, Abbi cura di me, quasi parlata ma potente e in un’esibizione da brividi che è valsa l’intera serata.

Voto: 9

Achille Lauro – Rolls Royce

Achille LauroHDRai

Il trapper non trapper italiano più stiloso di sempre, Achille Lauro, ha esordito per la prima volta sul palco di Sanremo con il rockeggiante brano Rolls Royce in un’esibizione da show man che conferma la sua anima da istrione.

Voto: 8

Arisa – Mi sento bene

ArisaGetty Images

Borderline tra l’Arisa gioiosa di Malamorenò e quella più romantica di Controvento, la cantante a Sanremo 2019 ha presentato il brano Mi sento bene in una performance vocalmente precisissima. La grande capacità di questa artista è quella di regalare sempre un sorriso - che sia di gioia o di tenerezza - al pubblico, cosa che è riuscita a fare anche stavolta.

Voto: 7

Negrita – I ragazzi stanno bene

I Negrita hanno deciso di festeggiare i loro 25 anni di musica sul palco di Sanremo con la biografica I ragazzi stanno bene. Brano non imprescindibile ma che ieri sera è stato oggetto di un esibizione sicura ed energica. Da riascoltare.

Voto: 6

Ghemon – Rose Viola

GhemonRai

Anche Ghemon è tra gli artisti che quest’anno hanno varcato per la prima volta il palco di Sanremo e per l’occasione il rapper - più melodioso del solito - ha deciso di portare in gara un brano che racconta l’amore al femminile, dal titolo Rose viola, riuscendoci - complice la notevole performance - benissimo.

Voto: 7

Einar – Parole nuove 

Dopo Amici e la buona classificazione a Sanremo Giovani, Einar è riuscito a coronare il suo sogno di varcare da "big" il palco dell’Ariston. Peccato, però, che la sua Parole nuove sia un brano che sa (troppo) di già sentito, privo di qual si voglia cifra stilistica e indebolito da una performance tirata, poco emotiva. Peccato.

Voto 4,5

Ex Otago – Solo una canzone

Solo una canzone spiega già nel titolo i limiti del brano che i genovesi Ex-Otago hanno portato a Sanremo e che ha segnato il loro debutto alla kermesse. Una ballad classica e fin troppo pulita che non ha dato per nulla giustizia al talento e all’estro del gruppo che, e chi li segue lo sa, ha indubbiamente il dovere di dare di più.

Voto: 4,5

Anna Tatangelo – Le nostre anime di notte

Anna TatangeloHDGetty Images

Come ha sottolineato Virginia Raffaele ieri sera, Anna Tatangelo è stata l’artista numero 2000 che ha varcato in questi 69 anni di Sanremo il palco dell’Ariston e destino ha voluto che la cantante lo abbia fatto con una canzone - Le nostre anime di notte - fin troppo tradizionale e davvero poco interessante. Un peccato, soprattutto visto e considerato che “la ragazza di periferia” ha considerevoli doti vocali e una presenza scenica - confermata anche ieri - notevolissima.

Voto: 5

Irama – La ragazza con il cuore di latta

IramaHDRai

La violenza sulle donne è il forte tema che Irama ha esplorato nella sua La ragazza con il cuore di latta in gara a Sanremo 2019. Una canzone che arriva subito, un altro brano necessario, e che il vincitore della scorsa edizione di Amici ha interpretato con la giusta dose di forza ed emotività. Da riascoltare con attenzione.

Voto: 7

Enrico Nigiotti – Nonno Hollywood

Enrico Nigiotti ha voluto ricordare i momenti sornioni passati accanto a suo nonno nella canzone Nonno Hollywood. Un brano che, se ci fossero ancora i dischi, sarebbe da “da lato B” ma che comunque ha confermato le ottime doti di scrittura “popolare” e la buona vocalità di un cantautore il cui grande pregio - da non sottovalutare - è la sincerità artistica.

Mahmood – Soldi 

Vincitore dell’ultimo Sanremo giovani, Mahmood è stato l’ultimo a esibirsi ieri sul palco dell’Ariston con Soldi una canzone dal testo feroce dalla musicalità mediorientale e urban. Questa nuova proposta tra i big del Festival ha confermato con la sua performance potentissima di meritarsi il posto che ha conquistato all’interno della competizione e anche si essere in grado di vincerla.

Voto: 7,5

Qual è stato il cantante di Sanremo 2019 che finora vi ha colpito di più? Fatecelo sapere nei commenti!

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.

SCOPRI GLI OUTFIT AUTUNNO/INVERNO