Stai leggendo: Super Bowl 2019: Game of Thrones, Michael Bublé e Serena Williams tra i protagonisti degli spot trasmessi durante l'evento sportivo

Letto: {{progress}}

Super Bowl 2019: Game of Thrones, Michael Bublé e Serena Williams tra i protagonisti degli spot trasmessi durante l'evento sportivo

Serena Williams, Harrison Ford, Michael Bublé ma anche le atmosfere di Game of Thrones sono stati tra i protagonisti degli spot migliori trasmessi durante il Super Bowl LIII.

3 condivisioni 0 commenti

Come ogni anno, in occasione del Super Bowl sono stati pubblicati una serie di spot pubblicitari piuttosto memorabili.

C’è chi segue il Super Bowl come imperdibile evento sportivo (è dopotutto la partita finale e più importante del torneo della NFL), chi come occasione per un grande concerto live (e quest’anno forse ci sarà rimasto un po’ male), chi invece per godersi trailer inediti dei più grandi film in arrivo, e infine chi è curioso di scoprire quale delle pubblicità diffuse proprio nella domenica del Super Bowl dai brand più famosi sia la migliore dell’anno.

Anche nel 2019 gli spot pubblicati in occasione del popolare evento mediatico ci hanno regalato emozioni e nomi famosi, come quelli di Serena Williams, Michael Bublé, i Backstreet Boys e altri. Vediamo allora le pubblicità migliori del Super Bowl LIII.

Bumble con Serena Williams

L’app e social network per appuntamenti pensata per le donne (è strutturata in maniera che siano sempre le donne a fare la prima mossa) promuove il suo prodotto con l’aiuto della leggendaria tennista Serena Williams, che mostra quanto sia tosta una donna che prende il controllo nella sua vita sentimentale, professionale e sportiva. “Donne, la palla è nella vostra metà campo”.

Bud con La Montagna di Game of Thrones

La birra Bud Light si è assicurata uno spot di grande richiamo, con la presenza di un famoso personaggio di Game of Thrones, La Montagna (Hafþór Júlíus "Thor" Björnsson). Questi infatti è l’avversario del cavaliere della Bud Light in un torneo medievale, sul quale l’imponente campione riesce ad avere la meglio (e non contento, pratica sul cavaliere la stessa tortura che aveva riservato al povero Oberyn Martell). Se non bastasse, sulle note inconfondibili della serie HBO arriva anche un drago che dà fuoco a tutta la struttura, prima che lo schermo ci indichi che la stagione finale della serie sta per arrivare.

Bubly con Michael Bublé

Un cognome come quello di Michael Bublé è ostico per un artista: il cantante canadese sembrava aver accettato da tempo che venisse storpiato ovunque (spesso anche da noi)... ma la bibita Bubly gli ha dato la chance di ritentare a insegnare al mondo il corretto modo di pronunciare “Bublé” (che sarebbe come “bub-lei”): nello spot lo vediamo impegnato nella crociata di cambiare addirittura il nome del marchio in modo che assomigli al suo.

Doritos con Chance the Rapper & Backstreet Boys

La boy band per eccellenza degli anni ‘90 sta vivendo un ritorno di fiamma così glorioso da essere protagonista di un’AD del Super Bowl, con la partecipazione di Chance the Rapper. Per proporci un gusto particolarmente di Doritos, i cinque cantanti hanno rispolverato i loro iconici outfit all white di “I Want It That Way”-iana memoria… che c’è di meglio?

M&M’s con Christina Applegate

L’attrice di Friends e Anchorman è il volto dello spot che presenta un nuovo prodotto M&M’s: la tavoletta di cioccolata farcita dei mitici confetti colorati. Nel video, la Applegate interpreta una mamma alla guida che perde la pazienza quando i “bambini” seduti nel sedile posteriore non smettono di far rumore. Quando inchioda esasperata minacciando di separarli o di divorarli, scopriamo che sta parlando a tre gusti di M&M’s attaccati proprio a una tavoletta di cioccolato!

Hyundai con Jason Bateman

La pubblicità di Hyundai per presentare la sua app Shopper Assurance (un portale per facilitare l’acquisto dei veicoli della ditta) sfrutta le doti comiche dell’attore Jason Bateman (Ozark, Come ammazzare il capo… e vivere felici) nei panni di un facchino d’hotel che accompagna clienti in ascensore, assicurandosi che ciascuno scenda al piano esatto. Mentre però tutti i passeggeri sono destinati a una serie di situazioni proverbialmente fastidiose, la coppia che deve comprare un auto tramite l’app di Hyundai viene portata ai piani alti, dove l’attende un’esperienza paradisiaca.

Stella Artois con Sarah Jessica Parker e Jeff Bridges

Quando una birra è così invitante da convincere persino Carrie Bradshaw (Parker) a preferirla al suo drink usuale, il Cosmopolitan, si può star certi che il messaggio della pubblicità arriva forte e chiaro. Quando poi anche il Drugo (Bridges) entra nello stesso ristorante e rifiuta il White Russian per bere una Stella, lo sbalordimento dei presenti è totale.

Amazon con Harrison Ford

Nel mondo delle smart home Alexa è uno degli assistenti digitali più quotati: ci aiuta in un sacco di faccende giornaliere, ma Amazon ora ci fa scoprire i casi in cui era meglio non inserire questa funzione in certi dispositivi. Ad esempio, non è stata una buona idea creare un’assistente capace di capire il linguaggio dei cani, perché Harrison Ford si trova a pagare per ordini continui di mangime e cibo vario. E che dire di quando ad Alexa è stata affidata la gestione di una stazione spaziale che poi ha creato cortocircuiti nel mondo?

Toyota con Toni Harris

Antoinette Toni Harris è una giovane giocatrice di football, che con il suo spot per il fuoristrada RAV4 prova come le percezioni (pregiudizievoli) della gente possano venir infrante, mentre sfoggia le sua abilità fugando ogni dubbio sulla sua capacità come atleta. Chi ha detto che il football è solo roba per uomini?

Planters con Charlie Sheen e Alex Rodriguez

La nota marca di snack salati vuole che anche Alex Rodriguez, il campione di baseball fidanzato con Jennifer Lopez, ceda alla tentazione di mangiare noccioline invece delle più salutari Kale Chips mentre si gode una partita con gli amici. Così lo vediamo sfrecciare per la città su un camion a forma di arachide, con una guida spericolata che fa esclamare a Charlie Sheen: “E poi dicono che sono io quello pazzo”.

Kia Telluride

La casa automobilistica sudcoreana ha realizzato una pubblicità senza nomi famosi, che però racconta di una realtà importante della società americana, mostrando una comunità nello stato della Georgia: West Point, a diverse miglia da Atlanta, dove si giocava il Super Bowl. La voce di un bambino con l’inflessione cantilenante degli stati del sud racconta la società che lo circonda: niente stelle dello spettacolo o dello sport, ma una forte classe operaia che spera di essere ricordata per la qualità di ciò che produce.

Verizon

Il gigante delle telecomunicazioni wireless ha scelto di onorare i membri delle forze dell’ordine sempre in prima linea nel soccorso ai cittadini. In particolare, ha mostrato i volti e le testimonianze dei pompieri che hanno gestito i terribili incendi della California, dopo che la compagnia stessa era stata criticata per aver limitato la velocità di scambio dati nelle loro comunicazioni la scorsa estate.

Quale di questi spot vi piace di più?

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.