Stai leggendo: Ted Bundy idolatrato dalle spettatrici, Netflix le mette in guardia: 'Non è sexy, è un serial killer'

Letto: {{progress}}

Ted Bundy idolatrato dalle spettatrici, Netflix le mette in guardia: 'Non è sexy, è un serial killer'

La docu-serie Conversazioni con un killer: Il caso Bundy, incentrata sulla figura del serial killer Ted Bundy, ha scatenato una pericolosa mania social nei riguardi dell'avvenente assassino. Netflix ha preferito correre ai ripari.

12 condivisioni 0 commenti

Ted Bundy è l'autore riconosciuto di almeno 36 omicidi, tremendamente perpetrati tra il 1974 il 1978. Il serial killer dagli occhi d'angelo adescava le sue vittime approfittando della propria avvenenza e con modi gentili per poi torturarle e ammazzarle in modo indicibile. Nel 1980 Bundy è stato condannato a morte e ancora oggi viene ricordato come uno degli assassini più spietati della storia. Le vicissitudini del serial killer statunitense sono tornate alla ribalta in questi giorni grazie a Netflix: sulla piattaforma, a partire dallo scorso 24 gennaio, è disponibile la docu-serie in 4 episodi Conversazioni con un killer: Il caso Bundy, che ricostruisce le atrocità compiute dall'omicida con interviste, immagini d'archivio e raccapriccianti audio.

Il pubblico di Netflix ha manifestato grande entusiasmo per questo ennesimo prodotto ben fatto, una docu-serie che ha avuto recensioni estremamente positive per la sua accuratezza e la sua efficacia. Tuttavia, c'è chi in Rete si dice colpito da altro: Ted Bundy è ormai da qualche giorno l'oggetto di commenti estasiati da parte di donne che si definiscono affascinate e rapite dal suo sex appeal.

Su Twitter è possibile leggere decine e decine di apprezzamenti nei riguardi di Bundy.

La cosa non è passata inosservata a Netflix, che ha giustamente pensato di correre ai ripari mettendo in guardia le sue spettatrici con un tweet:

Leggiamo un sacco di commenti sull'avvenenza di Ted Bundy e vorremmo gentilmente ricordare a tutti che ci sono migliaia di uomini sexy in circolazione che non sono serial killer.

Basterà a placare l'ossessione delle fan? Il fascino del lato oscuro colpisce ancora una volta, e in modo a dir poco inquietante. Un episodio simile si è verificato alcune settimane fa con You, serie Netflix che racconta dell'amore malato di un libraio stalker, interpretato dall'ex Dan Humprey di Gossip Girl Penn Badgley. Joe - è questo il nome del protagonista di You - è pronto a tutto pur di tenere legata a sé la donna che "ama", perfino a uccidere.

Badgley, colpito dall'incredibile successo riscosso dal suo personaggio, ha tenuto a prendere le distanze sui social: "È solo un assassino", ha scritto per smorzare gli entusiasmi del pubblico femminile.

Joe e Ted Bundy - sebbene uno dei due non sia reale - sono accomunati dall'essere uomini da cui tenersi alla larga, ma dall'apparenza del tutto "normale".

Sulla storia di Bundy è stato realizzato anche un film, Extremely Wicked, Shockingly Evil and Vile, presentato dal regista Joe Berlinger all'ultimo Sundance Film Festival e prossimamente in uscita negli Stati Uniti. Il serial killer viene interpretato da Zac Efron, e su questa scelta non sono mancate le polemiche. C'è chi, infatti, reputa l'attore troppo sexy per il ruolo: il rischio che, ancora una volta, Bundy venga idolatrato dalle folle potrebbe essere (secondo alcuni) dietro l'angolo.

A fare chiarezza ci ha pensato una delle sopravvissute alla furia omicida di Bundy, Kathy Kleiner Rubin. A TMZ ha dichiarato:

Penso che il film glorifichi Bundy più di quanto dovrebbe, ma credo che tutti dovremmo vederlo. Spero che aiuti le donne a essere consapevoli di quello che hanno intorno e che faccia capire loro di stare attente.

Che ne pensate? 

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.

SCOPRI GLI OUTFIT DELL'ESTATE