Stai leggendo: Outlander 4 e la Provvidenza: recensione del penultimo episodio

Letto: {{progress}}

Outlander 4 e la Provvidenza: recensione del penultimo episodio

Il cerchio si sta per chiudere. Brianna ha delle questioni in sospeso esattamente come Fergus, mentre Roger cerca di capire se la sua anima è persa per sempre o soltanto smarrita.

0 condivisioni 0 commenti

Siamo al penultimo episodio di questa quarta stagione di Outlander e l’happy ending per i nostri protagonisti sembra più utopico che mai.

Roger continua a singhiozzare nella sopravvivenza, Brianna deve far pace con i propri demoni e intanto Fergus vuole dimostrarsi capace di un’azione da uomo per una volta. Ma dove saranno finiti Claire e Jamie? Vediamo cos’è successo.

Brianna in crossover con Fergus

Torniamo a River Run con Brianna e il futuro sposo John Grey, il quale informa la giovane ragazza della cattura di Stephen Bonnet. Dopo aver scoperto il contenuto della lettera di Jamie, Brianna spiega perché vuole incontrare quel villano che l’ha violata: il perdono leviga l’anima e Brianna vuole concederlo a chi l’ha ferita di più. Purtroppo, l’incontro con Bonnet si accavalla agli intenti di Fergus.

Murtagh è prigioniero esattamente come Bonnet così, per liberare il burbero scozzese, la gang ha ben pensato di far saltare in aria la prigione. Non prima, però, di aver sbadatamente lasciato le chiavi alla portata di quella vecchia volpe di Bonnet, che si mette in salvo con la consapevolezza di avere un conto in sospeso con Brianna Fraser: il suo bambino.

Il loro incontro, inatteso quanto sperato, ha rivelato una parte ben nascosta di Stephen Bonnet: i suoi occhi feriti dalle parole di Brianna sono stati un faro nel buio, seppur di passaggio. Bonnet ha rivelato una parte umana che giace dentro di sé, forse perché ormai in balia del cerchio della morte o forse perché, per la prima volta, ha compreso davvero le conseguenze delle sue deplorevoli azioni. In ogni caso, contiamo di rincrociarlo in un futuro prossimo con meno morbidezza e più cattiveria, esattamente come siamo abituati ormai a vederlo.

Le sfide di Roger

Giunto ormai nell’accampamento nello Stato di New York, Roger deve continuare a tirare avanti. Il suo sguardo è la prova che la corazza si è indurita. È consapevole di essere da solo a combattere questa vita e che non può più guardare indietro. L’incontro con il prete pentito ha aperto gli occhi a noi quanto a lui stesso, perché Roger ha scelto sempre l’amore per Brianna e adesso, forse, vuole scegliere l’amore per se stesso.

All’alba di un nuovo giorno, il prete rimane fedele alle proprie convinzioni e preferisce andare incontro alla morte anziché alla meschina libertà. A differenza sua, Roger finalmente riesce a fuggire e corre a perdifiato per il bosco, mettendo distanza dalla prigionia e dalla crudeltà degli indiani.

Ma Roger è d’animo buono e, nonostante la caparbietà del prete, decide di tornare indietro e aiutare, per quanto possibile, l’amico di prigione. Non può liberarlo, ma può accelerare la sua morte ed è esattamente quello che fa. Completamente abbracciato dalle fiamme, il prete muore sotto gli occhi della tribù e di quella donna amata per la quale ha violato tutto ciò in cui ha sempre creduto. Quella stessa donna che ha scelto di abbracciare il suo cuore in pezzi e ha abbandonato il suo bambino pur di ricongiungersi con l’amore della sua vita, proprio in quel rogo di fiamme, avvinghiata a un corpo carbonizzato.

Al che, per Roger, non si mette proprio bene.

Questo è il penultimo episodio di Outlander e, con l’amaro in bocca, abbiamo constatato che non c’è stata traccia di Jamie e Claire. Il che è un peccato.

Con Stephen Bonnet sicuramente in salvo, avremo altra carne sul fuoco esattamente come Jamie e Claire, alla ricerca di Roger in quel di New York. Ma riusciranno a tornare indietro? Vi salutiamo con il trailer dell’ultimo episodio e confidiamo in uno scoppiettante season finale.

Cosa credete che succederà nel season finale? Qualcuno perirà? O riusciranno a tornare a casa tutti felici e contenti? Guardando alle precedenti stagioni, siamo consapevoli che l’happy ending è soltanto una leggenda in Outlander, vero?

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.

SCOPRI GLI OUTFIT AUTUNNO/INVERNO