Stai leggendo: Google si schiera dalla parte della cultura: dona 3,1 milioni a Wikipedia

Letto: {{progress}}

Google si schiera dalla parte della cultura: dona 3,1 milioni a Wikipedia

Si rafforza la sinergia, ormai annosa e ben consolidata, tra Wikipedia e Google: quest'ultimo donerà all'enciclopedia online 3,1 milioni di dollari e diversi strumenti tecnologici all'avanguardia.

2 condivisioni 0 commenti

Dalla parte della cultura affinché la conoscenza e l’informazione siano accessibili a tutti, in ogni parte del mondo e in maniera libera e totalmente gratuita. È questo il motivo che ha spinto Google a rinnovare il proprio impegno a sostengo di Wikipedia.  

Mentre inaugura i nuovi uffici a Berlino, Big G ha reso noto di aver deciso di consolidare l’ormai annosa sinergia con l’enciclopedia online più conosciuta della Terra, attraverso un investimento da ben 3,1 milioni di dollari e diventando così uno dei suoi principali sostenitori.

L’annuncio è stato dato durante il World Economic Forum (Wef) in corso a Davos: i fondi verranno divisi tra Wikimedia Foundation - l’organizzazione no profit che ha come compito quello di coordinare lo sviluppo di Wikipedia e di tutti i suoi molteplici progetti - e molteplici operazioni da realizzare nel lungo periodo.

Una persona davanti al logo di Wikipedia.HDGettyImages.

Non solo. Oltre a un’importante mano dal punto di vista economico, Google si muoverà anche da quello tecnologico, consentendo ai volontari e agli editor dell’enciclopedia di fruire gratuitamente di strumenti di machine learning, come le Api di Translate, per le traduzioni automatiche, o di Cloud Vision per velocizzare la digitalizzazione di libri e documenti.

Questo porta il nostro supporto complessivo a oltre 7,5 milioni di dollari.

Che includono ulteriori 1,1 milioni di dollari versati al fondo annuale della Wikimedia Foundation in occasione di una speciale campagna messa in campo lo scorso anno", fanno sapere dal colosso statunitense nato nel 1998.

La notizia, accolta con entusiasmo dagli utenti, arriva in un momento delicato: in Europa tiene banco la discussione sulla riforma del copyright contro cui, negli ultimi mesi, Wikipedia e Google si sono più volti schierati, ritenendo alcuni passaggi un serio pericolo per la libertà di informazione.

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.