Stai leggendo: A 50 anni dall'omicidio di Cielo Drive arrivano 2 film su Sharon Tate

Letto: {{progress}}

A 50 anni dall'omicidio di Cielo Drive arrivano 2 film su Sharon Tate

Diretti da Quentin Tarantino e da Daniel Farrands, Once Upon a Time in Hollywood e The Haunting of Sharon Tate ripercorrono la strage di Bel Air ad opera della “Famiglia” Manson.

L'omicidio di Sharon Tate ad opera della famiglia Manson Getty Images

14 condivisioni 0 commenti

50 anni fa, in piena epoca hippie, la Family di Manson compiva i suoi primi, efferati omicidi catapultando l'America, in pochissimo tempo, dalla pace e dall'amore libero ad un'atmosfera dominata da paura e odio. 50 anni fa moriva Sharon Tate. Appena ventiseienne, modella e attrice, era sposata con Roman Polanski. Ma la sua fama era destinata ad uscire dalla luce delle insegne di Los Angeles per diventare l'icona di uno dei periodi più bui della storia statunitense.

50 anni dall'omicidio di Sharon Tate, uccisa dalla "Famiglia" MansonHDGetty Images

Proprio in occasione del cinquantenario dalla morte i registi Quentin Tarantino e Daniel Farrands hanno deciso di realizzare due pellicole sulla vicenda. La prima si chiama Once Upon a Time in Hollywood e ad interpretare Sharon Tate ci sarà la bellissima Margot Robbie. Nel film di Farrands, invece, a vestire i panni della defunta e bellissima modella americana ritroviamo l'ex principessa Disney Hilary Duff.

L'omicidio di Sharon Tate: Manson, la family e Susan Atkins

8 agosto 1969. Al 10050 di Cielo Drive, Bel Air, Sharon Tate sta trascorrendo una tranquilla serata in compagnia di amici. Suo marito, il noto regista Roman Polanski, è a Londra per un sopralluogo sul suo prossimo film. Lei è incinta di 8 mesi e mezzo. Quando gli assassini fanno il loro ingresso nella villa, staccando la linea telefonica, Sharon Tate, denudata e immobilizzata, supplicherà alla sua carnefice di appena 21 anni Susan Atkins, detta “Sadie”, «Per favore, ti chiedo solo qualche giorno. Ti prego, lasciami vivere ancora due settimane». Probabilmente un vano tentativo di salvare la vita che porta in grembo. Ma la sua risposta, come riportato dalla stessa Sadie, insofferente alle suppliche “Senti, tu stai per morire, e io per te non provo nessuna pietà…” Quindi, strafatta di acido, le infliggerà 16 coltellate. È soltanto il mattino successivo quando gli agenti fanno irruzione nella villa. Al suo interno troveranno i 5 corpi senza vita, mentre sulla porta di casa la scritta Pig, 'maiale', tracciata col sangue. Quello di Sharon Tate.

Charles Manson e la “Famiglia”

Nato a Cincinnati, in Ohio, Charles Manson è figlio di una madre alcolizzata e trascorre l'infanzia e l'adolescenza tra riformatori e carceri. A 33 anni, nel 1967, arriva a San Francisco. È la Summer of Love, l'estate dell'amore (come è stata poi soprannominata quella stagione del '67 a San Francisco) e la città californiana diviene l'epicentro di una rivoluzione culturale e sociale senza precedenti. Tutti i giovani del paese vengono qui in cerca di amore, pace e libertà. Charles Manson è uno di loro. Appassionato di musica, ha il sogno di diventare un famoso musicista ed in breve tempo riesce ad entrare in contatto con Neil Young, Dennis Wilson (batterista dei Beach Boys che gli offrirà ospitalità per qualche settimana) e Terry Melcher, potente produttore figlio di Doris Day. Ma se la carriera musicale si rivelerà per lui fallimentare, la fama è dietro l'angolo.

Charles Manson, l'uomo che ordinò l'uccisione di Sharon TateHDGetty Images

Grazie al suo carattere carismatico da vero leader, infatti, Manson ha un forte ascendente sulle ragazze e in poco tempo fonda una comunità hippie di cui diviene il capo. La “Famiglia”, come verrà chiamata questa sorta di setta, si insedia allo Spahn ranch, vecchio set di film western ormai in disuso. Una cinquantina di persone, per lo più giovani ragazze in fuga da mariti e genitori. Charles Manson è la loro guida. Autoproclamatosi “l’incarnazione di Gesù Cristo e Satana insieme”, il giovane originario di Cincinnati detta le regole del gruppo secondo una gerarchia maschilista. Le donne non hanno possibilità decisionale, sono costrette a servirlo – cucinare e fare lavori umili – e a compiere piccole rapine per procacciarsi soldi per i viveri e per l'Lsd, che circola in grandi quantità. Si pratica sesso di gruppo e non è possibile avere contatti con il mondo esterno, portare giornali, orologi o calendari. Ogni sera è lo stesso Manson a sedersi su una pietra per esibirsi alla chitarra, predicare le filosofie di Scientology (con le quali è entrato in contatto in carcere) e a diffondere la sua nuova teoria: l'Helter Skelter. Canzone contenuta nel White Album dei Beatles – di cui Manson è un grande fan – egli ritiene che tra le sue parole sia racchiusa una profezia segreta: nel mondo starebbe per esplodere una guerra tra bianchi e neri che verrà placata proprio grazie a lui, Manson, portatore di un Nuovo Ordine. Ed è proprio per ristabilire una nuova pace che, secondo lui, bisogna iniziare ad accendere lo scontro razziale.

Così, quell'8 agosto, ordinerà ai suoi seguaci più fedeli di uccidere: in nome dell'Helter Skelter, con cui verrà firmata la seconda strage compiuta a solo un giorno di distanza dall'uccisione di Sharon Tate.

Once Upon a Time in Hollywood

Con un budget di 95-100 milioni di dollari e un cast d'eccezione che vede la partecipazione di Margot Robbie nei panni di Sharon Tate e di Leonardo Di Caprio e Brad Pitt, Once Upon a Time in Hollywood è uno dei film più attesi del 2019.

Come riportato da Debra Tate, sorella della defunta Sharon “Non si tratta del film che ci si aspetterebbe nel combinare i nomi di Tarantino e Manson”. Quest'osservazione, giunta dopo un'iniziale diffidenza nei confronti della pellicola, deriva da una discussione tra la donna e il regista, il quale ha acconsentito a farle leggere la sceneggiatura.

Once Upon a Time in Hollywood non è un biopic sul serial killer più cult della storia, ma molto altro. La vicenda degli omicidi, infatti, resta solo sullo sfondo. Come ha dichiarato Tarantino:

OUATIH è una storia ambientata nella Los Angeles del 1969, al culmine della Hollywood hippie.

Non un film su Manson, quindi, proprio come “Bastardi senza gloria non era un film su Adolf Hitler, dal momento che il leader nazista appare giusto in una o due scene” aggiunge ancora il regista. I due personaggi principali sono Rick Dalton (Leonardo di Caprio) e Cliff Booth (Brad Pitt). I due interpretano, rispettivamente, una ex star di serie western per la tv e il suo stuntman. Entrambi cercano disperatamente di fare successo in una Hollywood in cui non si riconoscono più e Rich ha una famosa vicina di porta: Sharon Tate.

Questa, in poche linee, la trama. Quello che però è certo, almeno stando alle parole di Tarantino, è che si tratta “probabilmente del film più simile a Pulp Fiction che io abbia mai fatto”.

Questo, invece, il trailer:

The Haunting of Sharon Tate

Anche questo film, scritto e diretto da Daniel Farrands (The Amityville Murders), non sarà incentrato sulla figura di Manson. In questo caso la protagonista della pellicola è proprio Sharon Tate (interpretata da Hilary Duff) di cui seguiamo gli ultimi giorni di vita prima del tragico evento. Si tratta di un film raccontato dal suo punto di vista, con strani sogni di fantasmi che infestano la casa e premonizioni di una morte per mano di un culto satanista.

Ed è proprio su quest'aspetto del film che, ancora una volta, Debra Tate ha da dissentire. La sorella della defunta Sharon, come abbiamo già detto, era contraria anche alla pellicola di Tarantino. Tuttavia in questo caso il suo giudizio appare ancora più perentorio, arrivando a definire The Haunting of Sharon Tate come un film di cattivo gusto basato, per giunta, su un'idea totalmente falsa. Altri commenti negativi riguarderebbero, invece, la scelta di affidare il ruolo ad Hilary Duff.

Nonostante le critiche nei suoi confronti l'ex principessa Disney, tuttavia, si è detta onorata di poter interpretare questo ruolo. Al suo fianco, nel casting, ci saranno anche Jonathan Bennett (Mean Girls, Il ritorno della scatenata dozzina) e Lydia Hearst (Between Worlds, South of Hell). Ancora poco, invece, si sa per quanto riguarda la data di uscita. La stessa cosa per il trailer ufficiale, di cui esiste però una versione inglese sul sito di Mymovies.

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.

SCOPRI GLI OUTFIT AUTUNNO/INVERNO