Stai leggendo: Creed II: tra nostalgia e un nuovo sguardo al futuro, Rocky Balboa e Donnie Creed tornano sul ring

Letto: {{progress}}

Creed II: tra nostalgia e un nuovo sguardo al futuro, Rocky Balboa e Donnie Creed tornano sul ring

Un sempre convincente Sly, anche in questo film nuovamente co-sceneggiatore, e Michael B. Jordan tornano nei cinema per omaggiare ancora una volta il mito di Rocky. Dal 24 gennaio in sala.

Una scena di Creed 2 Warner Bros.

1 condivisione 0 commenti

Nel 2015 il regista Ryan Coogler, anche autore della sceneggiatura insieme a Sylvester Stallone, con Creed aveva compiuto il miracolo di portare sul grande schermo il sequel/spinoff perfetto dell’idolatrato franchise Rocky, regalando al pubblico di cultori dello storico personaggio interpretato da Sly un lungometraggio che strizza l’occhio al passato e, al contempo, in grado di proiettarsi verso il futuro presentando agli inguaribili appassionati della saga il degno erede del pugile più amato del grande schermo, nonché figlio (illegittimo) di Apollo Creed: Adonis Creed (Michael B. Jordan).

Con Creed II Steven Caple Jr. porta avanti in maniera convincente e rispettosa il (doppio) compito di dirigere il secondo atto del sequel di Rocky senza rovinare il bel ricordo del primo. Ad aiutare Caple Jr. in questa ardua missione ci pensa, di nuovo, la penna di Sylvester Stallone (stavolta sceneggiatore insieme a Juel Taylor) che ha deciso di far lottare - sia fisicamente che emotivamente - il protetto del suo alter ego con l’erede di uno dei più grandi villain che hanno combattuto contro Rocky: Viktor (Florian Munteanu), il figlio di Ivan Drago (Dolph Lundgren).

Dal 1985 al 2019 il passo è breve, la sfida è aperta

Se il primo Creed aveva giocato sporco con i sentimenti dei fan più accaniti del Franchise Rocky citando senza vergogna, ma con gran cuore, (tra le altre cose) l’iconica corsa per le strade della periferia di Philadelphia e l’allenamento sui 72 gradini della scalinata di fronte al Museum of Art della città, in Creed II - sia per il protagonista che per gli appassionati della saga - la posta in gioco si fa ancora più pesante grazie alla presenza della famiglia Drago, desiderosa di un riscatto, sociale e sportivo dopo la sconfitta inflitta da Rocky a Ivan nel film del 1985, che li ha portati alla pubblica umiliazione nella loro stessa terra.

Creed 2HDWarner Bros.

La scelta narrativa in questo caso è quella, non troppo coraggiosa ma di certo vincente, di realizzare un sequel/remake contemporaneo di Rocky IV, facendo sfidare il figlio dell’uomo che uccise Apollo Creed con quello del defunto campione. Il tutto coadiuvato da una classica mise-en-scène alla Rocky che non osa osare e per questo risulta perfetta.

Inutile dire che il vero film non si svolge sul ring ma fuori, nei momenti precedenti agli scontri, in quelli preparatori che fanno da sfondo alle scene e ai dialoghi più belli di questo lungometraggio che parla di padri e figli, di rivalse violente, di sconfitte e di priorità reali e non aleatorie come la mera vittoria.

Arrivederci o addio?

La domanda che ci si pone obbligatoriamente una volta arrivati ai titoli di cosa di Creed 2 è la medesima che ci siamo fatti sul finale del primo film, ovvero: la pellicola reggerebbe senza la presenza di Sly? La risposta, purtroppo, è controversa nonostante anche la fondamentale figura femminile di Adriana Balboa sia stata stavolta omaggiata dalla presenza importante - e in alcuni punti determinante - di Bianca (Tessa Thompson) e di Mary Anne Creed (Phylicia Rashād), entrambe grandi madri e grandi donne che sostengono l’irrequieto “Donnie” Creed.

Creed IIHDWarner Bros.

Pur essendo Michael B. Jordan un grande interprete, molto più vicino per indole ad Apollo Creed che a Rocky Balboa, la sua performance si illumina soprattutto quanto Stallone è al suo fianco ed è questo forse il limite di questa saga sequel di Rocky che di lui non può fare a meno. Tanto che quando lo stanco Balboa passa ufficiosamente il testimone a Donnie (non è certo ancora se ci sarà o meno nel prossimo film), la voglia di vedere un nuovo capitolo di Creed diventa (quasi) nulla.

Creed II sarà nei cinema italiani dal 24 gennaio.

Voto7/10

Creed II rende ancora omaggio al franchise Rocky con un racconto al contempo nostalgico e moderno, tenuto in piedi dalla granitica presenza di Sylvester Stallone e dalla sua scrittura.

Sandra Martone

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.