Stai leggendo: YouTube aggiorna il regolamento per impedire fenomeni pericolosi come la Bird Box Challenge

Letto: {{progress}}

YouTube aggiorna il regolamento per impedire fenomeni pericolosi come la Bird Box Challenge

Dopo la pericolosa sfida online ispirata dal film di Netflix con Sandra Bullock, YouTube d’ora in poi vieterà l’upload di video capaci di causare danni fisici o morte.

0 condivisioni 0 commenti

YouTube ha bandito l’upload di video con sfide a scherzi o acrobazie che possano causare danni fisici o morte, a seguito degli incidenti provocati dalla diffusione virale della Bird Box Challenge.

Si tratta della sfida cui hanno preso parte moltissime persone in tutto il mondo, ispirata al film Bird Box con Sandra Bullock che ha debuttato su Netflix a dicembre. Nella storia, una misteriosa e terribile epidemia costringe la gente a vivere chiusi in casa o con gli occhi bendati, perché il contagio avviene attraverso la vista, è irreversibile e spinge al suicidio. Per emulare le gesta dei protagonisti, qualcuno ha pensato di avviare la Bird Box Challenge: ecco che nel giro di pochi giorni sono apparsi in rete migliaia di video in cui gli utenti compiono dei gesti, anche pericolosi, con una benda sugli occhi. C’è chi guida auto, fa compere nei centri commerciali, pratica sport, corre su percorsi ad ostacoli e applica trucco. Alcuni partecipanti hanno addirittura indossato la benda per 24 ore di seguito.

Per fermare questo fenomeno grottesco e impedire che se ripetano in futuro, YouTube ha aggiornato il proprio regolamento riguardo i contenuti che è possibile condividere sulla piattaforma, statuendo chiaramente che qualsiasi sfida che abbia il potenziale di causare morte o danni fisici “non troverà posto su YouTube”.

In una dichiarazione ufficiale riferita dall’Hollywood Reporter, la piattaforma ha detto: “Abbiamo ricevuto un feedback dai creatori che ci suggerivano di chiarire alcune linee guida della community, quindi abbiamo pubblicato materiali che spiegano nel dettaglio le nostre politiche contro scherzi che provochino nei terzi la concreta paura di non essere al sicuro o che causino gravi sofferenze emotive ai bambini o agli individui vulnerabili”.

Il comunicato prosegue: “Non permettiamo [l’upload di] scherzi scherzi che facciano credere alle vittime di essere in serio pericolo fisico - ad esempio, violazione di domicilio o una finta sparatoria. Non permettiamo nemmeno scherzi che provochino nei bambini un serio stress emotivo, cioè qualcosa di così brutto che possa lasciare il bambino traumatizzato a vita”.

Per individuare questo tipo di contenuti, YouTube ha lavorato con degli psicologi infantili per sviluppare delle linee guida specifiche su tutto ciò che “supera il limite”. Ora la piattaforma avverte che ogni contenuto rischioso verrà valutato per un periodo di due mesi, e prontamente rimosso se ritenuto non sicuro per i partecipanti e chiunque altro possa voler emulare certe azioni.

È allarmante che la voglia di esibizionismo in tutto il mondo spinga a fenomeni del genere, c’è da augurarsi che una limitazione come questa possa impedire efficacemente un’ulteriore diffusione di contenuti simili.

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.