Stai leggendo: Lorella Cuccarini contro le quote rosa: il suo intervento fa discutere

Letto: {{progress}}

Lorella Cuccarini contro le quote rosa: il suo intervento fa discutere

Le quote rosa non risolveranno il problema della carenza di donne ai vertici del potere: secondo Lorella Cuccarini, semplicemente, gli uomini "comandano" perché sono più predisposti.

Lorella Cuccarini Getty Images

16 condivisioni 0 commenti

Sono passati più di 30 anni da quando ha esordito sul piccolo schermo, ma Lorella Cuccarini continua a occupare un posto speciale nel cuore del pubblico, complice la sua immagine pulita, il suo talento e la sua trasparenza. La showgirl forse oggi non è "la più amata degli italiani", ma di certo ha molto da dire loro sull'Italia. Intervistata da Oggi, la Cuccarini ha smesso i panni della conduttrice TV e ha parlato da semplice cittadina di tematiche importanti (e scottanti) che competono la società e la politica. Senza filtri, Lorella ha esposto il proprio punto di vista in merito a questioni di cui si parla da anni, come le tanto dibattute quote rosa.

Definendosi una "non femminista", la Cuccarini ha rilasciato alcune dichiarazioni che stanno destando scalpore:

Mai stata femminista e sempre stata contro le quote rosa. Le donne la credibilità devono guadagnarla sul campo. Io sono un'azienda, decido quando e come lavorare. Altrove e in politica, servono una determinazione e una 'cattiveria' che impongono anche di rinunciare ad alcune caratteristiche femminili.

Per la showgirl, c'è una ragione se gli uomini comandano più delle donne e raggiungono più spesso le vette del potere:

Dobbiamo accettare il fatto che uomini e donne sono diversi, seppure complementari. Se ci sono più uomini ai vertici è perché loro sono più predisposti.

Lorella CuccariniGetty Images
Lorella Cuccarini è contro le quote rosa

La Cuccarini ha avuto da ridire anche su Papa Francesco. In particolare, si è detta delusa da uno degli ultimi interventi del pontefice sull'immigrazione (tema che è stato affrontato in questi giorni anche dal direttore artistico di Sanremo 2019 Claudio Baglioni, ma con toni molto diversi da quelli della Cuccarini).

Il Papa, in sostanza, ha invitato ad amare di più e a fare proprio il valore dell'accoglienza, dichiarando di preferire gli "atei buoni" ai "cristiani odiatori". Ecco il commento della conduttrice:

Sarebbe bello che il Papa si esprimesse anche su altre situazioni, oltre che sui migranti. Ci sono rimasta male quando ha detto 'Meglio atei e buoni, che cristiani e odiatori'. Bisogna distinguere buoni e buonisti: i cattolici devono essere buoni, ma devono difendere i propri figli.

Che ne pensate dell'opinione di Lorella Cuccarini sulla religione e soprattutto sulle quote rosa? Di certo in un periodo storico come il nostro, in cui (fortunatamente) si sta cercando di fare luce sul problema del pay gap e della discriminazione di genere, è inevitabile che una prospettiva come quella della showgirl faccia discutere.

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.

SCOPRI GLI OUTFIT DELL'ESTATE