Stai leggendo: LUMEN: a Plan de Corones, nel cuore delle Dolomiti, il museo dedicato alla fotografia di montagna

Letto: {{progress}}

LUMEN: a Plan de Corones, nel cuore delle Dolomiti, il museo dedicato alla fotografia di montagna

Quattro piani dedicati alla storia della fotografia di montagna dagli esordi ad oggi: nel cuore delle Dolomiti apre LUMEN.

Render di LUMEN Ufficio stampa | Studio Gio Forma Milano

1 condivisione 0 commenti

Nasce sulla cima di Plan de Corones, in Alto Adige, LUMEN, un museo che, con i suoi 1800 metri quadrati, onora e celebra tutti i volti possibili della fotografia di montagna.

In questa suggestiva cornice nel cuore delle Dolomiti, l'edificio dell'ex stazione a monte della funivia di Plan de Corones, a 2.265 metri di altitudine, si trasforma in una moderna sede di museo ad alta quota.

Un mix affascinante, fatto di fotografia, eventi e cucina: LUMEN vuole essere una dichiarazione d’amore a tutto quello che è la fotografia di montagna. Ha aperto a dicembre dello scorso anno, ma già promette di diventare un punto di riferimento per gli amanti della montagna e della fotografia.

LUMENHDUfficio stampa | Manuelkottersteger.com

Grazie al sostegno di partner nazionali e internazionali, quali l'Archivio tirolese per la documentazione fotografica e l'arte (TAP), la società DURST di Bressanone, NATIONAL GEOGRAPHIC e Red Bull Illume (il più grande concorso di fotografia sportiva d’avventura a livello mondiale), LUMEN offre ai visitatori un percorso coinvolgente, interattivo e immerso in uno scenario mozzafiato.

Tutti i volti della fotografia di montagna

LUMENHDUfficio stampa | skirama Kronplatz

In questo percorso olistico, la montagna e la fotografia che ne vuole immortalare ogni sfaccettatura vengono esaminate da diversi punti di vista.

C’è la mostra permanente Messner meets Messner by Durst, dedicata al grande pioniere alpino e promotore della tutela delle Alpi, Reinhold Messner. Un percorso che unisce racconto, immagine e nuove tecnologie, per un’esperienza unica nel suo genere.

C’è la Sala degli Specchi, dove arte e poesia si fondono per celebrare le montagne; c’è il dia horama, che presenta sequenze fotografiche opera dei più importanti fotografi e ci sono sale che presentano nuovi approcci sul tema della montagna, come la divisione Marketing & Turismo, che approfondisce le attività che si occupano della montagna come marchio. Ulteriore spazio di riflessione è dato al rapporto che c’è tra paesaggio montano e politica: la montagna come simbolo di identità, confine e sinonimo di potere. 

Una stanza espositivaHDUfficio stampa LUMEN

C’è poi una sezione, la Wunderkammer, dove si possono ammirare oggetti provenienti dal mondo della fotografia di montagna.

Infine, per completare questo ritratto sulla montagna, c’è uno spazio dedicato ai sapori e ai profumi: nel ristorante AlpiNN, lo chef Marco Perez, sotto la direzione di Norbert Niederkofler, propone piatti che esaltano le materie prime locali e gli ingredienti che si trovano in queste zone. Una proposta che permette di deliziare anche il palato al termine di un percorso espositivo che appaga la vista e il cuore.

LUMEN vi aspetta Plan de Corones, per raccontarvi in uno scenario incantevole, tutto il fascino della montagna attraverso la fotografia e non solo.

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.