Stai leggendo: Claudio Baglioni dalla parte dei migranti: i folli attacchi social

Letto: {{progress}}

Claudio Baglioni dalla parte dei migranti: i folli attacchi social

Durante la conferenza stampa di Sanremo 2019 il direttore artistico della kermesse ha detto la sua sulle politiche di Governo riguardati i migranti, scatenando l’ira del web.

3 condivisioni 1 commento

A poco meno di un mese dall’inizio dal Festival di Sanremo numero 69 una bufera si è scatenata su Claudio Baglioni che anche quest’anno - dopo il successo della scorsa edizione - è il direttore artistico della kermesse nonché co-presentatore insieme a Claudio Bisio e all’istrionica Virginia Raffaele.

Durante la conferenza stampa di Sanremo 69, il cantautore romano ha commentato le attuali “politiche di Governo” volte a limitare gli sbarchi dei migranti in Italia con parole molto dure. “Se non fosse drammatica la situazione di oggi, ci sarebbe da ridere. Ci sono milioni di persone in movimento, non si può pensare di risolvere il problema evitando lo sbarco di 40-50 persone, siamo un po’ alla farsa…” ha affermato il Divo Claudio

Non credo che un dirigente politico di oggi abbia la capacità di risolvere il problema, ma almeno serve la verità di dire: è un grave problema, dobbiamo tutti metterci nella condizione di risolverlo. Credo che le misure prese dall’attuale governo, come da quelli precedenti, non siano assolutamente all’altezza della situazione. Ormai è una grana grossa: se la questione fosse stata presa in considerazione anni fa, non si sarebbe arrivati a questo punto. Il Paese è terribilmente disarmonico, confuso, cieco quasi nella direzione da prendere.

Le esternazioni di Baglioni hanno scatenato moltissime reazioni social di molti utenti che hanno scritto commenti e post durissimi contro di lui, colpevole - secondo il virtuale tribunale del web - di aver espresso la propria opinione "da privilegiato".

Anche Matteo Salvini in un tweet ha risposto al cantante chiedendogli di restare fuori dalle questioni politiche e a continuare a occuparsi di musica.

Nel frattempo le parole di Baglioni, che in realtà sente tantissimo il tema dell’immigrazione tanto da aver ideato un Festival - O' Scià -  che per 10 anni si è tenuto sull’isola di Lampedusa per sensibilizzazione proprio sul problema degli sbarchi clandestini, sono state commentate anche dalla direttrice di Rai 1 Teresa De Santis. La De Santis infatti, dopo aver - a detta del quotidiano La Stampa - fatto capire che il prossimo anno la direzione artistica del Festival cambierà, ha scritto una lettera aperta su Dagospia dove si legge:

Sono solo canzonette, o almeno dovrebbero esserlo, una settimana di grande cerimonia di svago e spettacolo nazionale. Invece, e non solo per responsabilità di Claudio Baglioni, sono state trasformate nel solito comizio… Quello che penso lo dirò al momento opportuno.

A smorzare i toni, cercando di veicolare nuovamente l’attenzione sull’atteso Festival di Sanremo (che si terrà dal 5 al 9 febbraio prossimo), ci ha pensato l’amministratore delegato della Rai Fabrizio Salini che in una nota ha sottolineato:

Il Festival di Sanremo è patrimonio degli italiani. Il mio compito, e quello di tutta la Rai, è garantirne la qualità e il successo. Grazie al prezioso contributo di tutte le nostre professionalità, stiamo lavorando per far sì che il direttore artistico, in un clima di piena collaborazione, possa realizzare, insieme a Rai1, un festival in linea con le aspettative del grande appuntamento che unisce il Paese.

Nella speranza che questa polemica sterile si sgonfi al più presto, intanto la rabbia scatenatasi sui social contro Baglioni paradossalmente non sta facendo altro che confermare quanto i suoi pensieri siano effettivamente veritieri:

Oggi il nostro Paese è incattivito, rancoroso, nei confronti di qualsiasi ‘altro’, visto come un essere pericoloso. Ormai guardiamo con sospetto anche la nostra ombra.

Che ne pensate?

Via Corriere della Sera

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.

SCOPRI GLI OUTFIT DELL'ESTATE