Stai leggendo: Amanda Lear ricorda la sua storia con David Bowie: ‘Fui io a lasciarlo’

Letto: {{progress}}

Amanda Lear ricorda la sua storia con David Bowie: ‘Fui io a lasciarlo’

Fu la musa di Salvador Dalì e, di lì a poco, fece perdere la testa a David Bowie: Amanda Lear ha svelato di essere stata proprio lei a troncare la relazione con il Duca Bianco, per cercare fortuna in Germania.

2 condivisioni 0 commenti

Amanda Lear è uno dei personaggi più intriganti che il mondo dello spettacolo anni '70-'80 abbia conosciuto e, ancora oggi, continua - ormai quasi ottantenne - ad esercitare un fascino incredibile sul pubblico. Merito di quella voce profonda - che, con una buona dose di ambiguità, ha contribuito a renderla facilmente riconoscibile - e per il suo vissuto particolarmente intenso. Basti pensare che la Lear negli anni '60 è stata la musa ispiratrice di Salvador Dalì e che nel corso della sua vita ha conosciuto personaggi dello showbiz iconici come David Bowie, con cui ha avuto un'appassionata storia d'amore.

Del Duca Bianco, e di come siano andate realmente le cose tra loro, Amanda Lear ha parlato nel corso dell'ultima puntata de I Miei Vinili, trasmissione in onda in seconda serata su Rai3. Stando alle sue parole, tra lei e Bowie non fu amore a prima vista:

Non è stato un colpo di fulmine, ma lo trovavo affascinante. Gli mancava l'educazione, ma aveva voglia di imparare e di scoprire tutto. La nostra relazione era molto stimolante, non solo dal punto di vista sessuale ma anche culturale: io gli parlavo del surrealismo e dei registi tedeschi, lui mi ha pagato le lezioni di canto. Abbiamo inciso un disco, Star, che non è mai uscito.

La Lear ha svelato di essere stata lei a mettere fine alla liaison (durata 2 anni) e, di conseguenza, anche al loro sodalizio artistico. Le fecero una proposta di lavoro che non poteva rifiutare:

Nel 1978 andai a Monaco di Baviera, iniziava l'era della discomusic e mi offrirono un contratto di 7 anni. Serviva qualcuna che cantasse un po' come Marlene Dietrich, così dissi 'ciao ciao' a David Bowie.

Per prepararsi alla sala di incisione, Amanda Lear si sottopose a un training piuttosto "insolito": per rendere ancora più bassa e profonda la sua voce, i produttori la invitarono a consumare sigarette e whiskey in quantità.

Proprio ieri, 10 gennaio, ricorreva il terzo anniversario della morte di David Bowie. L'artista di Space Oddity e tanti altri indimenticabili successi si consolò presto dopo l'abbandono di Amanda Lear: prima ha sposato Angela Bowie (1970-1980) e negli anni '90 ha incontrato il grande amore della sua vita, la modella Iman, diventata sua moglie nel 1992.

David Bowie e ImanHDGetty Images
David Bowie e Iman: una storia d'amore che continua, oltre la morte

Amanda Lear non ha mai perso occasione, in questi anni, per ringraziare David Bowie, il primo ad aver creduto in lei. 

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.