Stai leggendo: La conversione di Melissa Joan Hart: ‘La fede mi ha sempre aiutato’

Letto: {{progress}}

La conversione di Melissa Joan Hart: ‘La fede mi ha sempre aiutato’

L'attrice di Sabrina, vita da strega ha fatto della fede la sua più grande forza. Credere le ha dato sicurezza, ma le ha fatto anche mettere in discussione il suo ruolo di donna e madre.

Melissa Joan Hart Getty Images

1 condivisione 0 commenti

Tutti ricordiamo Melissa Joan Hart in Sabrina, vita da strega. L'iconica sit-com - da poco Netflix ha lavorato a un reboot, Le terrificanti avventure di Sabrina - è andata in onda negli anni '90 e l'attrice allora era poco più che una ragazzina. Oggi, Melissa ha 42 anni ed è madre di tre figli, Tucker, Mason e Braydon, nati dal suo matrimonio con Mark Wilkerson, sposato nel 2003. Nella sua vita da adulta, l'ex Sabrina del piccolo schermo ha un grande punto di riferimento: la fede.

Proprio in questi giorni, Melissa Joan Hart ne ha parlato nel corso della sua partecipazione al programma televisivo Journeys of Faith with Paula Faris.

Ecco come ha descritto il suo rapporto con la religione:

Mi sento come se ogni volta che mi è successo qualcosa di brutto, ne sia uscita solo grazie alla mia fede. Tutto ha uno scopo, è la Sua volontà.

Da quando ha riscoperto la fede, l'attrice sente di aver ritrovato la calma interiore e ammette di avere un approccio molto più rilassato alle situazioni difficili:

Quando mi capita qualcosa non reagisco più come un'adolescente angosciata, con ansia, ma capisco che è ok...Soprattutto da quando ho letto di più della Bibbia, prendo tutto in modo meno estremo rispetto a prima: non è vita o morte.

Dio ha una ragione per tutto. Se non avessi perso mia nonna a 12 anni e non avessi visto morire il mio migliore amico a 32, non sarei la persona che sono oggi.

La fede stimola Melissa Joan Hart a fare ricerca su se stessa e a essere curiosa, valori che sta cercando di trasmettere ai suoi figli. Come riportato da People, l'attrice ha riferito un particolare episodio, legato a una discussione avuta da uno dei suoi bambini con un amichetto ebreo.

In quell'occasione, pur ribadendo al piccolo che il dibattito è sempre salutare e che è fondamentale riconoscere l'importanza del credo altrui, la Hart ha tenuto prima di tutto a ricordare a suo figlio quanto Gesù sia importante:

Mi è dispiaciuto dover dire a mio figlio che noi non sappiamo se gli altri credono in Gesù come noi e che quindi non possiamo conoscere la loro anima. Forse ho sbagliato a dirglielo? L'avrò messo sulla strada giusta?

E voi che rapporto avete con la fede? Come "spiegate" la religione ai vostri figli?

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.

SCOPRI GLI OUTFIT DELL'ESTATE