Stai leggendo: Claudio Santamaria: 'Mia moglie Francesca è la mia Silvia di Leopardi'

Letto: {{progress}}

Claudio Santamaria: 'Mia moglie Francesca è la mia Silvia di Leopardi'

Da quando al suo fianco c'è Francesca Barra, Claudio Santamaria sente di sapere cos'è il vero amore, quello che muove ogni cosa, arte compresa. L'attore non ha dubbi: sua moglie è una musa, la sua più grande fonte di ispirazione.

Claudio Santamaria Getty Images

1 condivisione 0 commenti

Claudio Santamaria e Francesca Barra si sono conosciuti quando erano poco più che due bambini e si sono ritrovati a distanza di anni da adulti, innamorandosi perdutamente l'uno dell'altra. I due si sono sposati negli Stati Uniti nel novembre 2017 per poi rinnovare i loro voti a Policoro - città che ha fatto da culla al loro amore - la scorsa estate. La loro relazione è stata inizialmente osteggiata e criticata, bersagliata dagli hater che sui social non hanno di certo risparmiato l'attore e la giornalista. Nel tempo, Claudio e Francesca hanno saputo costruirsi una corazza e hanno dimostrato a tutti che il loro è amore vero.

"Ora so cos'è l'amore", ha dichiarato Santamaria a LiberiTutti, disponibile in edicola con Il Corriere della Sera. L'attore di Romanzo Criminale e Lo chiamavano Jeeg Robot descrive la sua Francesca come fanno i poeti:

Mia moglie è la mia musa, come Silvia per Leopardi e la Duse per D'Annunzio. L'arte è mossa dall'amore.

Insieme, Claudio Santamaria e Francesca Barra stanno scrivendo un romanzo, da cui sarà tratto un film che verrà diretto proprio da lui. La loro nuova casa di Milano, in fondo, è una factory: Francesca cuce e scrive, Claudio incide la musica che si diverte a comporre e pensa ai suoi film. Il loro è un amore che, molto presto, si concretizzerà in un sodalizio artistico:

Francesca non reciterà nel mio film, ma se volesse sarebbe un'attrice fantastica.

In merito alle critiche che ancora oggi, seppure in modo decisamente più blando rispetto al passato, vengono loro riservate sui social, Santamaria ha detto:

La felicità degli altri dà fastidio. Per me essere felice vuol dire fare colazione con Francesca, raccontarci i fatterelli, baciarci a tavola come ragazzini mentre i nostri figli dicono che siamo due sbaciucchioni.

Quale donna non vorrebbe sentire parole d'amore così intense e romantiche?

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.

SCOPRI GLI OUTFIT DELL'ESTATE