Stai leggendo: Sonda cinese approda sul lato nascosto della Luna

Letto: {{progress}}

Sonda cinese approda sul lato nascosto della Luna

50 anni dopo l'Apollo 11, ora è il turno della Chang'e-4.

1 condivisione 0 commenti

Ore 10:26 locali. 3:26 italiane. La sonda cinese Chang'e-4 approda, per la prima volta, sul lato più oscuro e nascosto del nostro satellite. Si tratta del Bacino Polo Sud-Aitken, il cratere più antico, più largo e profondo dell'intera superficie lunare.

La notizia era stata preceduta da momenti di suspence e da alcune comunicazioni confusionarie – poi smentite – tra le quali un tweet del China Daily, successivamente rimosso. Il tweet recitava:

Il Chang'e 4 cinese è atterrato sul lato più lontano della Luna inaugurando, così, un nuovo capitolo dell'umanità nella storia dell'esplorazione lunare.

La conferma di Bejing, avvenuta solo qualche ora dopo, è stata accolta con evidente entusiasmo in tutto il mondo.

La missione, partita meno di un mese fa (il 7 dicembre) mira a conquistare un risultato finora mai ottenuto. Quello di poter analizzare l'area più inesplorata del satellite terrestre per fornire un resoconto dettagliato sul tipo di suolo e sulla sua composizione chimica. Il Bacino Aitken è infatti ritenuto il più antico dell'intera superficie lunare. Si pensa che la sua formazione derivi da una gigantesca collisione che ha portato alla luce materiali racchiusi all'interno della Luna. Per questo, la sonda Chang'e 4 sarà indispensabile non solo per comprendere meglio la composizione del satellite, ma anche per scoprire nuovi indizi sulla sua genesi.

Ovviamente questo successo tutto cinese ha significati che vanno al di là del semplice campo scientifico. Come sostenuto da Malcolm Davis, Senior Analyst delle strategie di difesa dell'Australian Strategic Policy Institute, e riportato dal The Guardian “Non si tratta solo di una missione scientifica, ma della crescita della Cina come superpotenza.” A queste parole ha poi aggiunto “In Cina c'è molto entusiasmo per il programma spaziale. C'è molto nazionalismo: il loro ruolo nello spazio è un punto chiave della propria ascesa”. I motivi di quest'ambizione sembrerebbero diversi: oltre al desiderio di accrescere la propria potenza militare extraterrestre, sempre secondo Davis, ci potrebbe essere la volontà di garantirsi l'accesso a diverse risorse di ricchezza come l'Helium-3, di cui si ritiene che abbondi la superficie lunare. Qualunque sia il motivo, è stato compiuto un passo storico per l'umanità.

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.

SCOPRI GLI OUTFIT DELL'ESTATE