Stai leggendo: Intervista esclusiva a Oliver Stark, Buck di 911

Letto: {{progress}}

Intervista esclusiva a Oliver Stark, Buck di 911

Oliver Stark parla con FoxLife di 911: dalle sue emergenze preferite all'arrivo di Jennifer Love Hewitt nel cast. E sulla bromance tra Buck ed Eddie? Ecco tutte le sue risposte.

2 condivisioni 0 commenti

FoxLife ha avuto la possibilità di fare una chiacchierata con Oliver Stark, interprete del giovane pompiere Evan Buckley in 911. Nella prima stagione della serie, la storia tra Buck e Abby ha fatto emozionare molti fan, mentre nella seconda stagione abbiamo visto Buck andare avanti e diventare una persona migliore. Ma cosa ne pensa Oliver Stark, colui che lo interpreta? Ecco che cosa ci ha detto.

Che cosa hai imparato riguardo te stesso interpretando Buck? C'è qualcosa che vi accomuna?

"Penso che interpretare Buck mi abbia reso una persona migliore. Penso che Buck abbia un grande cuore e la volontà di aiutare le persone e interpretarlo mi ha dato modo di avere quella voglia di esserci per gli altri e aiutare. È stato un meraviglioso dare e avere tra me e il personaggio e ora ci incontriamo a metà strada".

Che cosa rende 911 diverso dagli altri tv show attualmente in onda secondo te?

"Penso che in 911 porti con sé un reale sentimento di speranza e che dia un messaggio: qualsiasi cosa accada queste persone saranno lì per aiutarti e rischieranno tutto per assicurarsi che tu stia bene. Penso ci sia qualcosa di bello per noi, che non siamo soccorritori, nel sentirci al sicuro e protetti. Penso che la serie dia questo incredibile messaggio di speranza e positività." 

Buck nella seconda stagione di 911HDFOX
Un'immagine di Buck nella stagione 2 di 911

Pensi che questa sia la regione per la quale la serie è diventata così popolare? Quando hai realizzato che lo show ha così tanto successo?

"Assolutamente. Penso che questa sia una delle grandi ragioni. Molti programmi televisivi trattano temi dark e crudi e poi siamo arrivati noi e abbiamo detto, guardate che tipo di messaggio positivo vogliamo dare. Non mi piace farmi trasportare, pensando che stiamo avendo molto successo, perché non amo compiacermi. All'inizio della prima stagione ho iniziato a realizzare l'impatto che la serie stava avendo e quanto persone la stessero seguendo in tutti il mondo. È surreale poter esserne parte".

Buck è passato dall'essere un donnaiolo a diventare una persona responsabile e più matura. Pensi che sia merito di Abby o è stata solo un'evoluzione naturale del personaggio?

"Penso sia qualcosa che è sempre stato dentro di lui, ma è venuto fuori grazie all'influenza di Abby. Una buona relazione è quella in cui ci si aiuta a crescere e a tirare fuori il meglio. Penso che per il 95% sia merito della relazione con Abby e dell'impatto che ha avuto su Buck".

Durante la prima parte della seconda stagione Buck ne ha passate tante. Pensi che ritroverà l'amore?

Penso che sia pronto ad andare avanti. Non so quanto sarà facile per lui ritrovare l'amore, penso che sia la stessa cosa in fondo, è in grado di chiudere con il passato, ma non so se voglia aprire la porta a qualcun altro ancora. Vedremo come va. Sono sicuro che ad un certo punto spiegherà le ali, ma non so se sia ancora pronto.

Puoi darci un'anticipazione per il resto della stagione?

"Penso che vedremo quanto sua sorella significhi per lui e in che modo quella storyline si evolverà, penso sia un grande parte della sua storia. Buck continuerà a trasformarsi in un adulto più responsabile che continua a fare le scelte giuste."

View this post on Instagram

Anyone excited for anything on TV tonight? #911onFOX

A post shared by Oliver Stark (@oliverstarkk) on

Che ne pensi della bromance con Eddie?

Penso sia grandiosa. È molto importante mostrare un'amicizia maschile positiva e penso che entrambi siano stati un bene l'uno per l'altro ed è bello vedere Buck che tiene a qualcuno che ha la sua stessa età ed è diventato questa figura importante nella sua vita. Inoltre può anche fare lo zio al piccolo Christopher. Penso sia una buona cosa. Sono molto felice che alle persone piaccia.

Perché ci è voluto così tanto da Rescue 911 fino a 911 per fare uno show televisivo sui soccorritori? Nei primi anni '90 c'era uno show presentato da William Shatner, Rescue 911, molto popolare, ma per 30 anni non è successo più niente e ora abbiamo 911.

"Penso che i programmi televisivi che vanno in onda oggi riflettano il modo in cui viviamo e penso che con l'attuale clima sociale fosse importante per uno show televisivo mostrare le qualità positive dei soccorritori, come ho detto la serie porta con sé speranza e forse negli ultimi 20 anni non ce n'è stato bisogno. Penso che le cose avvengano nel giusto momento, 911 è arrivato al momento giusto".

Pensi che la serie racconti le vite e le situazioni che vivono i soccorritori in modo realistico?

"Lo spero. Penso che la maggior parte delle chiamate d'emergenza che vediamo nello show siano almeno basate su storie vere o siano reali in qualche modo. Penso sia importante mostrare una varietà di diverse emergenze, perché facciamo vedere che ogni chiamata è unica e i soccorritori arrivano e risolvono il problema e lavorano per salvare la situazione. Penso che stiamo facendo del nostro meglio per essere autentici e per mostrare le emergenze in modo realistico. Fortunatamente, il riscontro che abbiamo ricevuto dai veri soccorritori è molto positivo." 

Interpretare Buck nello show ha cambiato ciò che pensi degli operatori di prima emergenza, il modo in cui li percepisci?

Totalmente. Ho sempre avuto, ovviamente, molto rispetto per loro, ma penso mi abbia reso più consapevole del lavoro che fanno. Pensavo che i pompieri intervenissero solo sugli incendi. Non avevo mai pensato al lato medico. Mi ha insegnato tante cose e in ogni episodio che giriamo, il mio rispetto cresce sempre di più e imparo sempre di più riguardo ciò che fanno. Sì, è una sensazione bella.

Se potessi scegliere, diventeresti un paramedico, un pompiere o un poliziotto nella vita reale? Quale preferisci?

"In realtà, prima di ottenere questo lavoro, ho considerato di fare il pompiere nella vita reale. È un qualcosa che non so se sarei riuscito a fare, ma l'ho considerato. E questa è la mia risposta."

Puoi dirci cosa ti ha spinto ad essere un attore e se quell'ispirazione sia cambiata nel corso degli anni?

"Ovviamente è cambiata. Quando ero più piccolo non era nei miei pani, recitavo a scuola per hobby. Non ho mai pensato che sarebbe diventato il mio lavoro. Poi, quando mi è iniziato a piacere sempre di più, ho pensavo che forse era qualcosa che potevo fare. Non so quali fossero le ragioni allora, ma so che è diventato un qualcosa che riguarda il mio voler essere parte di un lavoro che riflette la società e che faccia riflettere le persone. Questo è ciò che mi ha spinto a voler continuare."

Ci può dire di più riguardo le dinamiche sul set? Com'è lavorare con Ryan Murphy?

"Questo show è... voglio dire in tanti show c'è una bella atmosfera, ma penso sia raro perché andiamo tutti d'accordo. C'è una bellissima atmosfera e siamo davvero amici. Per esempio, abbiamo appena fatto una settimana di sei settimane e quattro di noi sono andati in vacanza insieme. Vogliamo passare del tempo insieme. Penso che questo si rifletta nella serie, nella quale si percepisce che i personaggi si piacciono e si fidano gli uni degli altri.

Lavorare per Ryan Murphy ti fa sentire al sicuro in quel mondo. Ha un curriculum tale che ti senti in buone mani e ti fidi delle sceneggiature."

Quindi andate d'accordo anche con i nuovi, Jennifer e Ryan, giusto?

Assolutamente. Ryan è uno di quelli che è venuto in vacanza con noi. Con Jennifer mi alleno qualche volta. Ci chiamiamo ogni tanto e ci diamo dei consigli. È diventata una persona molto preziosa nella mia vita.

Qual è stata la più grande emergenza della stagione?

"Probabilmente il terremoto è l'emergenza su scala più grande. Ci è voluto molto per girare quelle scene e abbiamo mostrato della roba folle e penso che le persone che vivono a Los Angeles pensino sempre che ci sarà un grosso terremoto. Tra le mie preferite inoltre c'è quella del verme dello scorso anno, perché penso sia una cosa interessante da mostrare in televisione. Poi quella della montagna russa, lo scorso anno, è stata interessante perché ho dovuto veramente arrampicarmi sulla giostra e immergermi nell'azione. Tante diverse emergenze per diverse ragioni. Ma il terremoto è la cosa più grande che abbiamo mai fatto."

Qual è stata la più difficile da girare?

"Sì, forse direi che la più difficile è stata quella dell'incidente aereo nel quarto episodio della prima stagione. Ci è voluto molto lavoro da parte di così tante persone. Abbiamo comprato l'aereo e abbiamo costruito questo immenso lago e abbiamo girato di notte. C'è stato molto lavoro da fare. Alziamo sempre l'asticella. Sono spaventato ma anche curioso di sapere quali saranno le future emergenze."

Torniamo a Jennifer. Hai detto che avete una grande amicizia. Quale valore aggiunto pensi abbia dato alla serie?

"Penso che avere la dinamica tra fratello e sorella abbia portato un nuovo elemento nella serie, inoltre è interessante vedere una relazione tra fratello e sorella adulti. Ha portato anche del divertimento e ovviamente è un'attrice fantastica come Connie, che in qualche modo sta rimpiazzando. Porta l'esperienza. Fa questo lavoro da quando ha nove anni. È bello averla attorno. Penso che Connie Britton abbia lasciato un grande vuoto da riempire e che Jennifer stia facendo un fantastico lavoro. Siamo molto fortunati ad averla."

Puoi darci un tuo parere sull' "Invasione Britannica" (se così possiamo chiamarla) ad Hollwood? Sembra che ci siano sempre più attori British nell'industria, incluso te, cosa ne pensi?

"Sono molto grato e sono contento che includa anche me. Non so cosa stia succedendo. Penso riguardi il riuscire a fare questo lavoro, ho dovuto prendere le mie cose e trasferirmi dall'altra parte del mondo. Non posso parlare per gli altri, ma sono contento di farne parte, di godermela finché dura, speriamo per un bel po'."

Cosa ne pensate delle risposte di Oliver? Avete soddisfatto le vostre curiosità su 911?

La seconda parte della seconda stagione di 911 arriverà prossimamente su FoxLife, canale 114 di SKY.

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.

SCOPRI GLI OUTFIT DELL'ESTATE