Stai leggendo: Aquaman: un’avventura negli abissi roboante e squisitamente caotica

Letto: {{progress}}

Aquaman: un’avventura negli abissi roboante e squisitamente caotica

Jason Momoa è il supereroe Aquaman nel nuovo cinecomic DC. Nelle sale dal primo gennaio.

Jason Momoa è Aquaman Warner Bros.

0 condivisioni 0 commenti

Che Warner Bros. avesse tutte le intenzioni di staccarsi dal “mood dark” proprio dei fumetti DC per realizzare film a tema supereroi più sornioni, divertenti, leggeri e soprattutto “a prova di pubblico mainstream” era ovvio già in Justice League, dove il gruppo di personaggi protagonisti del corale blockbuster - capitanati da Batman (Ben Affleck), Wonder Woman (Gal Gadot) e Superman (Henry Cavill) - si sono lasciati andare in una serie di mini sketch divertenti anche se non sempre funzionali. 

In Aquaman questo buon proposito è stato portato avanti in maniera più coerente, complice un il “super” protagonista che, almeno per come è stato cinematograficamente caratterizzato fin da subito, si presta molto bene a tale furba "scelta stilistica".

Jason Momoa è AquamanHDWarner Bros.

Con Aquaman conosciamo finalmente un po’ più da vicino il metaumano Arthur Curry di Jason Momoa, mezzo atlantideo e mezzo uomo, figlio Regina Atlanna (Nicole Kidman) che da giovane è approdata sulla terraferma per scappare da un matrimonio combinato e si è innamorata del guardiano di un faro.

Arthur è sempre vissuto tra gli uomini e scopre da piccolo - complice un episodio di bullismo - i suoi poteri che divengono fondamentali quando qualcuno bussa alla sua porta ricordandogli che è il lui il legittimo leader di Atlantide e spronandolo a fermare il fratellastro, Orm (Patrick Wilson), che, insieme al Re Nereus (Dolph Lundgren), ha intenzione di conquistare la terra. 

Jason Momoa, il gigante buono e spaccone

Pur debole di una trama “già vista”, Aquaman è comunque tenuto saldamente in piedi da un Jason Momoa che è evidente abbia empatizzato a più non posso con questo supereroe che l’attore si è cucito addosso interpretandolo in modo (quasi) impeccabile, soprattutto nei momenti più “spacconi” del film, ma risultando convincente il giusto anche in quelli in cui c’è bisogno di un minimo in più di introspezione e pathos. 

Una scena di Aquaman HDWarner Bros.

Inoltre anche al villain principale del film, Orm, si deve la buona riuscita di questa pellicola - non imprescindibile ma più che godibile nella sua istrionesca messa in scena - soprattutto perché, finalmente, in un film DC si è davanti a un cattivo degno di questo nome e per il quale non si prova solo mero astio ma di cui si comprendono le ragioni (effettivamente giustificabili) del suo bellico e machiavellico operato. 

Quando il troppo (non) storpia

Togliendo qualche eccezione, e soprattutto negli ultimi tempi, la regia dei blockbuster comic risulta spesso alquanto impersonale, nonostante vengano scelti quasi sempre cineasti dal forte carisma per dirigerli. 

In Aquaman però questa consuetudine viene spezzata e James Wan fa un ottimo lavoro, regalando al pubblico un film multi-genere (con un passaggio horror che timbra a fuoco il suo nome) in cui la visione del cinema propria del regista e la sua passione per questa arte, e per le potenzialità visive che - complici le nuove tecnologie - ha, è palpabile.

Jason MomoaHDWarner Bros.

Sia dal punto di vista narrativo che estetico, infatti, Aquaman è un lungometraggio squisitamete chiassoso ma che - nonostante la durata che sfiora le 2 ore e 20 - non annoia mai. Uno del pochi recentissimi cinecomic che, al netto dei difetti, è palese sia realizzato da qualcuno che si è divertito a farlo e che non si è limitato a eseguire un compitino pre-impostato. Un blockbuster che delizia il pubblico amante del genere e, soprattutto, che non lo dà per scontato.

Aquaman sarà nei cinema italiani dall’1 gennaio.

Voto7/10

Sia dal punto di vista narrativo che estetico Aquaman è un film squisitamente chiassoso, mai noioso. Un blockbuster che delizia il pubblico amante del genere e che non lo dà per scontato.

Sandra Martone

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.