Stai leggendo: È morta Penny Marshall, regista di Big e Risvegli: le reazioni delle star

Letto: {{progress}}

È morta Penny Marshall, regista di Big e Risvegli: le reazioni delle star

All'età di 75 anni, l'attrice e regista Penny Marshall è morta per complicazioni dovute al diabete di cui soffriva da tempo. Divenuta popolare per la sit-com Laverne & Shirley, esordì alla regia negli anni '80. Era la sorella del regista Garry Marshall.

Penny Marshall Getty Images

0 condivisioni 0 commenti

Il grande pubblico la ricorderà principalmente per il personaggio di Laverne De Fazio nella sit-com Laverne & Shirley (1976-1983), spin-off di Happy Days, ma Penny Marshall - sorella del regista di Pretty Woman Garry Marshall, scomparso nel 2016 - ha diretto anche film di successo come Big (1988), Risvegli (1990), Ragazze vincenti (1992) e I ragazzi della mia vita (2001). All'età di 75 anni, è morta nella sua villa di Beverly Hills a causa di complicazioni legate al diabete, malattia di cui soffriva ormai da diversi anni. La notizia - divulgata dal magazine People e da tutte le principali testate statunitensi - ha profondamente addolorato il mondo dello showbiz, che ha manifestato grande affetto nei riguardi dell'attrice e regista, oltre che un incredibile cordoglio.

Russel Crowe su Twitter la descrive "gentile, pazza e talentuosa", la quintessenza dell'artista.

Hanno manifestato grande dispiacere anche Busy Phillips e Melissa Joan Hart.

Rosie O'Donnell, che con la Marshall ha lavorato in più occasioni, si è definita "con il cuore spezzato".

Il regista Ron Howard, nonché protagonista di Happy Days negli anni '70, ha scritto:

Era divertente e molto intelligente. Ha fatto il salto da attrice di sit-com a regista con grande facilità e ha avuto un impatto importante su entrambi i fronti. Tutto questo sempre in modo gioioso, senza pretese. Sono stato fortunato ad averla conosciuta e ad aver lavorato con lei.

Il regista Rob Reiner, che è stato suo marito dal 1971 al 1981 (nonché padre della sua unica figlia, Tracy), ha voluto ricordarla semplicemente così: "Sono tanto dispiaciuto per Penny".

Penny Marshall è stata una pioniera: Big, film con Tom Hanks che racconta la storia comico-catastrofica di un ragazzino che per amore desidera diventare adulto, incassò nel 1988 oltre 100 milioni di dollari al botteghino, diventando il film "più fortunato" e remunerativo diretto da una donna.

Nel 1990, per Risvegli - con Robert De Niro e Robin Williams - ricevette 3 nomination agli Oscar: miglior film, migliore sceneggiatura non originale e migliore attore (De Niro). Prima di lei solo un'altra donna, Lina Wertmüller, era riuscita a ottenere la candidatura per il migliore film dell'anno (con Pasqualino Settebellezze, 1977).

Penny Marshall con la collega Cindy WilliamsHDGetty Images
Penny Marshall con la collega Cindy Williams di Laverne & Shirley

Il nome di Penny Marshall è solo uno dei tantissimi che affollano la lunga lista di talenti e personalità dello spettacolo che ci hanno abbandonato in questo 2018. Riposa in pace, Penny.

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.