Stai leggendo: Sharp Objects sui luoghi della serie candidata ai Golden Globes

Letto: {{progress}}

Sharp Objects sui luoghi della serie candidata ai Golden Globes

Abbiamo visitato le location che danno vita ai luoghi dello show HBO, adattamento dell’omonimo romanzo di Gillian Flynn con protagonista Amy Adams.

0 condivisioni 0 commenti

Con tre nomination ai Golden Globes in tasca, tra cui best limited show or motion picture for television, e per le performance di Amy Adams come protagonista e Patricia Clarkson come supporting actress, lo show HBO si prepara a conquistare premi così come ha conquistato il pubblico e la critica internazionale. In occasione dell’uscita in Blu-Ray e Home Video dello show, disponibile nei negozi, vi raccontiamo il nostro viaggio sulle location del film organizzato con Warner Bros Italia e HBO.

Gli oggetti affilati di Gillian Flynn

Ambientata nel Missouri umido e soffocante lo show vede come protagonista la reporter Camille Preaker che viene chiamata a svolgere un lavoro difficile, indagare sulla morte di un’adolescente nel suo paese d’origine, Wind Gap, che aveva lasciato con riluttanza una volta partita per il college. 

Sulla strada dei ricordi ripercorre i suoi traumi e le sue frustrazioni, cadendo nuovamente in un soffocante circolo vizioso nato dal malsano rapporto della madre, Aurora (Patricia Clarkson) con la sua progenie. 

A dare il titolo allo show gli oggetti affilati che Camille usa per incidere, sulla propria pelle, quelle parole che le fanno male. Ogni parola il titolo di un episodio, e ognuna di loro custodisce un segreto e un peso difficile da sopportare.

Atlanta: la nuova Hollywood

Per immergerci appieno nelle atmosfere dello show siamo volati in Georgia, precisamente a Barnesville, che fa da sfondo alla Wind Gap dello show. Il motivo per cui si sono prestati a cambiare radicalmente tutto della città (comprese le bandiere dello Stato della Georgia per quelle del Missouri) è dovuto dal fatto che la Georgia è la nuova mecca cinematografica e televisiva degli Stati Uniti.

Ci raccontano una volta arrivati sul set che il fatturato annuo e le produzioni del mondo dello spettacolo, nel 2017, hanno superato quelle della California. Hollywood trema, ma risponde a suon di film, mentre la Georgia e la sua capitale, Atlanta, tengono testa con la produzione seriale e quella dei film dei Marvel Studios.

L’ospitalità del Sud 

Gli Stati Uniti sono famosi per la cosiddetta Southern Hospitality tipica degli stati meridionali, e noi, dopo averla provata, possiamo confermarvi tutto ciò. Se avete in mente un viaggio negli States assicuratevi di mettere la Georgia come tappa. Appena arrivati nella piccola cittadina di Barnesville siamo stati accolti dal sindaco in persona, con pranzo in pompa magna da The Pizzeria and Such, l’unico ristorante della città. L’atmosfera è quella tipica dei telefilm che abbiamo sempre amato. Tutti gli show ambientati in piccole cittadine ci sono sempre sembrati un po’ assurdi: “come fanno tutti a ritrovarsi sempre nello stesso locale”? A Barnesville abbiamo trovato la risposta, e ci è piaciuta moltissimo.
Un clima compatto e solidale, dove ognuno si conosce e si aiuta, anche nei momenti di difficoltà o nelle situazioni imprevedibili, come l’arrivo di una produzione hollywoodiana in città. Strade chiuse e riprese ad ogni orario del giorno, traffico bloccato, e nessuna lamentela. Hanno tutti accolto la troupe e lo show nel migliore dei modi, partecipando come potevano. Non per una questione di soldi ma di affezione alla propria città, qualcosa che, forse, noi abbiamo perso da troppo tempo.

40 gradi e sentirli tutti

Se programmate un viaggio ricordatevi dell’umidità, un fattore decisivo quando si tratta di dover girare a piedi i luoghi della Georgia. Più o meno nello stesso periodo (luglio) in cui abbiamo visitato le location un anno prima era Amy Adams a percorrere quelle strade, a piedi, con 30 gradi all'ombra e un'umidità che arrivava a sfiorare il 90%. Lunghi capelli ondulati, jeans attillati e maglioncini pesanti (per nascondere i tagli sulle braccia inflitti dal suo alter ego sullo schermo, Camille Preaker). Per lo sforzo compiuto, senza lamentarsi un giorno (come ci hanno confermato le nostre guide sul set), meriterebbe anche più di un Golden Globes.

Le Strade di Barnesville

Arrivati in città ci rendiamo conto di quanto gli spazi siano piccoli e vicini. Il murales con la scritta Wind Gap è a pochi passi dal vicolo dove viene ritrovata la seconda ragazza, brutalmente uccisa dall’assassino seriale. A pochi metri da lì le foreste, ampie e verdi, che per gli amanti delle serie tv non possono non far pensare a un altro show, in onda su FOX, The Walking Dead. Mentre percorrevamo quelle strade infatti ci aspettavamo di essere assaliti da uno zombie… 

Il nostro tour è proseguito poi all’interno dell’Herald Gazette, il giornale cittadino che ha raccolto tutte le foto e le testimonianze dei giorni di ripresa, e non solo. In uno degli articoli ci siamo anche noi di FoxLife, con tutta la delegazione dei reporter proveniente di da tutto il mondo per raccontare le magiche atmosfere della Georgia e dei suoi cittadini.

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.

SCOPRI GLI OUTFIT DELL'ESTATE