Stai leggendo: Brad Pitt si difende dall'accusa di aver sfruttato l'uragano Katrina per fare bella figura

Letto: {{progress}}

Brad Pitt si difende dall'accusa di aver sfruttato l'uragano Katrina per fare bella figura

Brad Pitt è al centro di un'altra battaglia legale: una class action che lo accusa di aver sfruttato la tragedia dell'uragano Katrina per farsi pubblicità. Il team di legali dell'attore è al lavoro per evitargli di comparire in giudizio.

L'attore Brad Pitt Getty Images

0 condivisioni 0 commenti

Brad Pitt si trova ancora una volta a dover difendersi dalle accuse contenuto in una class-action contro di lui.

La causa è stata intentata contro il divo perché questi avrebbe offerto il suo aiuto a New Orleans dopo la devastazione provocata dall’uragano Katrina, per assicurarsi pubblicità favorevole. Lunedì 17 dicembre i legali di Pitt hanno presentato istanza per far cadere il capo d’accusa contro l’attore, che secondo loro non dovrebbe figurare come convenuto nell’azione mossa contro di lui e la sua fondazione benefica, Make It Right Foundation.

Per gli avvocati, la causa “non contiene alcuna accusa specifica, fondata su fatti comprovabili, che Mr Pitt avrebbe fatto promesse a qualche presunto soggetto dell’azione legale collettiva, né che abbia con questi stipulato contratti o abbia comunicato rappresentazioni fuorvianti di fatti o situazioni a qualcuno di loro”.

Ancora, i difensori di Brad Pitt asseriscono che, nonostante la class action contenga una miriade di rivendicazioni di comportamenti colposi, i ricorrenti non hanno allegato “alcun fatto specifico che indichi che Mr Pitt fosse personalmente coinvolto in alcuno di essi”. Questo documento depositato dai legali del divo è una risposta a un memorandum presentato dai ricorrenti nel quale è statuito che l’attore “ha accettato volentieri la responsabilità per la sua partecipazione personale quando la pubblicità era favorevole”.

Il memorandum infatti recita: “Mr Pitt ha riconosciuto la sua partecipazione personale prima che questa causa fosse avviata… ma ora che è stata intentata, il Convenuto [Pitt, appunto] vorrebbe che la Corte credesse che è stato niente più che uno spettatore neutrale, che non ha avuto alcuna partecipazione personale nello sviluppo del progetto, le scelte dei design e dei subappaltatori, e nelle decisioni di nascondere informazioni ai proprietari delle case sulle condizioni difettose”.

Le accuse aggiungono poi che Pitt avrebbe “partecipato personalmente in attività e omissioni ambigue e fraudolente”, incolpandolo per aver fatto promesse alle vittime dell’uragano del 2005 che poi non ha mantenuto.

Aveva promesso che avrebbe costruito case di qualità, sostenibili, green, e sicure, progettate per sostenere i forti venti degli uragani.

E l’accusa prosegue: “I proprietari delle case hanno fatto affidamento su quelle promesse, in modo per loro deleterio”.

Qualora la richiesta dei legali di Pitt andasse a buon fine, sarebbe la seconda volta che l’attore si trova a essere citato in giudizio per poi essere rimosso dalle parti in causa per questa class-action, dopo che già qualcosa del genere era successo il mese scorso, spingendo dunque i ricorrenti a presentare, appunto, quel memorandum. A settembre, dopo la prima citazione in giudizio, la fondazione di Pitt aveva fatto causa al rinomato architetto di New Orleans John C. Williams, considerato responsabile di molte costruzioni difettose. Williams ha negato ogni responsabilità, commentando anche l’accusa come “infamante”.

Brad Pitt a New OrleansHDGetty Images

Un periodo difficilissimo per Pitt che, mentre stava girando l’ultimo film di Tarantino (One Upon a Time in Hollywood) si è trovato nell’occhio del mirino dei media per la sua aspra battaglia in tribunale con la ex Angelina Jolie riguardo il divorzio e la custodia dei figli, e nel frattempo doveva gestire anche quest’altro insidioso fronte legale.a

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.

SCOPRI GLI OUTFIT DELL'ESTATE