Stai leggendo: Caso mense scolastiche: cosa mangiano i nostri figli a scuola?

Letto: {{progress}}

Caso mense scolastiche: cosa mangiano i nostri figli a scuola?

I Nas hanno ispezionato 224 istituti trovando molte irregolarità nelle mense scolastiche, tra cibi scaduti e insetti nei panini. Cosa mangiano i nostri figli a scuola e come possiamo prevenire casi del genere?

Bambina in mensa scolastica con vassoio Getty

1 condivisione 0 commenti

Cibi avariati, insetti nei panini, pessime condizioni igieniche, ma anche topi ed escrementi ovunque. Questo è quanto i NAS hanno scoperto nelle mense scolastiche di 224 istituti.

Un'ispezione lunghissima e curata nei minimi dettagli, che ha portato alla luce sette gravi casi di irregolarità con conseguente chiusura del servizio mensa. Il ministro della Salute Giulia Grillo lo ha definito "un film dell'orrore", mentre i 5 Stelle annunciano una riorganizzazione del settore.

Il raccapricciante caso delle mense scolastiche ha fatto il giro d'Italia, causando la giusta indignazione da parte dei genitori di bambini inconsapevoli vittime del malfunzionamento del sistema scolastico.

Ma come è scoppiato lo scandalo? E come genitori cosa possiamo fare per prevenire casi del genere?

Mense scolastiche: l'indagine dei Nas

Secondo La Stampa, il Comando per la Tutela della Salute NAS, d’intesa con il ministero della Salute, ha avviato un'operazione di monitoraggio sui servizi di ristorazione nelle scuole di ogni ordine e livello di tutta l’Italia. Semplice routine per valutare l'igiene negli istituti. Dopo aver ispezionato 224 mense di diverse scuole, i NAS hanno riscontrato ben 81 irregolarità.

I problemi più seri sono stati registrati in 7 mense a Roma, Livorno, Pescara, Taranto e a Lecce, dove è stata decisa la sospensione del servizio.

Le cifre dell’intera operazione sono sconvolgenti: 14 violazioni penali, 95 infrazioni amministrative alle normative nazionali e comunitarie, deferimento di 15 persone alle autorità giudiziarie, segnalazione di 67 soggetti alle autorità amministrative, sanzioni pecuniarie per oltre 576mila euro, sequestro di oltre 2 tonnellate di cibo (tra cui prodotti ittici, carni, formaggi, frutta, verdura, olio, pane scaduti e privi di indicazioni di provenienza).

Il ministro Grillo si è subito espressa denunciando il disservizio:

Come madre e ministra mi indigna pensare che sulle tavole dei nostri figli, a scuola, possano finire escrementi, muffe o alimenti di dubbia origine.

Mense scolastiche: come aiutare i nostri figli

La mensa è un momento ricreativo per ogni bambino: l'ora del pranzo è anche un'occasione per stare insieme ai propri compagni di gioco, per questo l'esperienza deve essere formativa, piacevole ed educativa al 100%.

Adriana Bizzarri, di Cittadinanzattiva, ha pertanto richiesto una riorganizzazione del servizio, tramite la creazione di Commissioni mensa, formate dai genitori, che siano in grado di garantire un controllo puntuale e permettano a ogni bambino di usufruire della mensa scolastica in maniera più adeguata e sicura.

La salute è importante soprattutto se rischia di danneggiare i nostri figli, pertanto merita tutta l'attenzione dovuta.

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.