Stai leggendo: Victoria’s Secret: le donne di Londra protestano per una maggiore inclusione

Letto: {{progress}}

Victoria’s Secret: le donne di Londra protestano per una maggiore inclusione

A Londra alcune manifestanti hanno protestato in biancheria intima, pur nel gelo di dicembre, contro la mancanza di inclusività di Victoria’s Secret.

Store Victoria's Secret Getty Images

0 condivisioni 0 commenti

Un corteo di manifestanti ha invaso Londra fuori dal punto vendita di Victoria’s Secret in Oxford Circus. In mezzo al gelo di dicembre, un gruppo di donne in intimo ha protestato contro il colosso della lingerie, cavalcando alcune polemiche che negli ultimi mesi hanno infiammato il brand per la sua mancanza di inclusività, soprattutto per il mondo dei trans e delle curvy, che sono tuttora escluse dalle passerelle e dal mondo degli Angeli.

Ed Razek, il direttore marketing, aveva pubblicamente respinto l’idea di questa forma di inclusione, per poi ritrattare e porgere le proprie scuse.

Probabilmente le polemiche hanno sortito il loro effetto, perché l’ultima sfilata newyorchese, in termini di ascolti, non ha registrato l’interesse e il consenso degli anni precedenti.

Victoria’s Secret nel mondo del #MeToo e di Time’s Up, che hanno ribaltato e cancellato una serie di stereotipi femminili, può ancora trovare una propria collocazione coerente?

A parere dei manifestanti, no. Donne normali, con fisici normali, molto diversi dai modelli perfetti degli Angeli, hanno sfidato le temperature pur di comunicare al mondo le proprie rimostranze: la mancanza di inclusività e di tolleranza della diversità nel settore della moda.

Come riporta Daily Mail, le coraggiose manifestanti hanno stazionato in biancheria intima tenendo in mano dei cartelli con scritte come “Vogliamo la diversità per tutti i marchi”o #fallenangels.

View this post on Instagram

So today this happened - Nunude the first UK diverse brand proving skin tone underwear for ALL women collaborated with @love_disfigure campaigners of diversity ❤️ We the #FallenAngels went to @victoriassecret and Oxford Circus - to demand more diversity! It’s not just about body Diversity or skin! It’s about every single difference! We are all equal ! We are all loved and we are all beautiful ❤️ CAN YOU BELIEVE 1 hour after this the paparazzi uploaded in press 🙏🏽🙏🏽 keep swiping for more 👉🏽👉🏽 . #FallenAngels . #victoriassecret #skintonestudy #skin #nude #models #modelling #protesting #diversity #bodypositive #disabilities #disabledfashion #burnsurvivor #scarring #unity .. . . @shutterstock @google @metro.co.uk @cosmopolitan @the.independent @thesun @itvthismorning @loosewomen @eveningstandardmagazine @stylistmagazine

A post shared by N Ü N U D E - Skin Is Nude (@nunude_official) on

Anche Halsey, che si è esibita nell’ultimo show, ha preso le distanze dal marchio.

Ho adorato il Victoria's Secret Fashion Show fin da quando ero giovane. Esibirsi quest'anno insieme ad altri artisti straordinari e modelli/amici validissimi avrebbe dovuto essere la migliore notte di quest'anno. Tuttavia, dopo aver registrato la mia performance, sono stati fatti alcuni commenti sullo show che non posso ignorare. Come membro della comunità LGBTQ +, non ho alcuna tolleranza per la mancanza di inclusività. Soprattutto se motivata da stereotipi.

View this post on Instagram

‪💕🦋💕 @GLSEN - glsen.org‬

A post shared by halsey (@iamhalsey) on

Che ne pensate? Siete d’accordo con i manifestanti?

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.