Stai leggendo: Giappone, case vuote in regalo ad Okutama: ecco i requisiti necessari

Letto: {{progress}}

Giappone, case vuote in regalo ad Okutama: ecco i requisiti necessari

Il calo demografico sta spaventando i giapponesi. Per questo motivo, la città di Okutama ha deciso di regalare le tante case rimaste disabitate a tutti coloro che ne faranno richiesta. A patto che vengano rispettati determinati requisiti.

Casa giapponese Pixabay @shell_ghostcage

1 condivisione 0 commenti

Amate alla follia l'Estremo Oriente e il vostro sogno nel cassetto è quello di possedere un'abitazione in Giappone? Questa particolare iniziativa potrebbe fare proprio al caso vostro. 

Tutto nasce da un problema reale che sta ossessionando il Giappone, specialmente nelle zone rurali: lo sterminato numero di case "fantasma", ovvero edifici vuoti, abbandonati, che a causa di un impellente calo demografico potrebbero moltiplicarsi negli anni a venire. Secondo il Japan Policy Forum, entro il 2040 non esisteranno più oltre 900 cittadine. 

Per scongiurare quest'evento, nella città di Okutama, che si trova a due ore di treno da Tokyo ed è piuttosto famosa per la sua rigogliosa natura, gli immobili abbandonati verranno regalati a tutti coloro che ne faranno richiesta da qualsiasi parte del mondo. Italia compresa. 

La CNN, che si è occupata della questione, ha spiegato che sono necessari determinati requisiti, come avere meno di 40 anni, oppure avere un figlio ancora minorenne o un genitore con meno di 50 anni. Chiunque faccia domanda deve anche garantire di stabilirsi ad Okutama permanentemente, per investire nella ristrutturazione dell'abitazioni.

Le case vuote ad Okutama sono 400 e circa la metà di esse versa in un brutto stato.

Secondo l'Istituto Nazionale per la Popolazione e Sicurezza Sociale, la popolazione giapponese potrebbe crollare da 127 milioni ad 88 milioni entro il 2065. Il numero di case fantasma, soprattutto in campagna, è quindi destinato ad aumentare

Se state meditando di cambiare radicalmente vita, potreste iniziare a farci un pensierino.

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.