Stai leggendo: Bollito di carne alla milanese, la ricetta tipica della cucina lombarda

Letto: {{progress}}

Bollito di carne alla milanese, la ricetta tipica della cucina lombarda

Scopriamo come si cucina il tradizionale bollito misto alla milanese come da antica ricetta del capoluogo lombardo.

Bollito misto alla milanese con la ricetta tradizionale istock

1 condivisione 0 commenti Il voto di 1 utente

Uno tra i piatti principi della grande tradizione lombarda e anche piemontese, è il gran bollito misto. Un classico del pranzo domenicale in famiglia, molto presente sulle tavole delle famiglie originarie di Milano e dintorni, il secondo piatto a base di carne, si sposa perfettamente con salse e mostarde. Il bollito misto è una ricetta molto amata, che ha aperto lunghe vie di discussione tra puristi e associazioni, sull’autentica origine, ingredienti e modalità di preparazione, tanto viene custodita come un tesoro.

Il brodo di manzo, che naturalmente si forma durante la lunga e dolce cottura del bollito inoltre, si usa sin dalle corti medievali come elemento prezioso e saporito per deliziosi primi piatti, come nella preparazione del famoso risotto alla milanese o per zuppe e minestre invernali dal sapore più corposo.

Informazioni

Ingredienti

  • punta di vitello 500 g
  • cappello di prete 300 g
  • 300 g di testina
  • un cotechino
  • due carote
  • due coste di sedano
  • due cipolle
  • sale grosso un cucchiaio
  • mostarda di Cremona 400 g
  • Senape 400 g
  • salsa verde 400 g

Preparazione

  1. Riempi una capiente pentola alta, le classiche da minestrone. Aggiungi le verdure intere, la cipolla, il sedano e le carote. Aggiungi anche il sale.

  2. Quando l’acqua va in ebollizione metti per prima cosa i pezzi di manzo e la punta di vitello.

  3. Prendi un’altra pentola con acqua però fredda e cuoci il cotechino per due ore. In una pentola più piccola con acqua più fredda che la ricopre cuoci la testina e la lingua.

  4. Lascia bollire per due ore abbondanti.

  5. Nel frattempo prepara la salsa verde. Puoi servire il bollito anche con mostarda di Cremona, senape o un’ottima giardiniera.

  6. Filtra poi il brodo e mettilo da parte.

  7. Taglia la carne e mettila su un grande vassoio da portata o in un carrello da bollito.

I segreti per il perfetto bollito misto alla milanese

Prima di tutto come sempre, la scelta accurata della materia prima, da cui tutto comincia. Nel caso della carne per il bollito, importante che sia di ottima qualità e origine, mentre per i tagli, si può scegliere di inserire tutti i componenti della ricetta tradizionale o sono alcuni, tra cui vi sono il cappello di prete, la lingua, il muscolo e la testina. Nel bollito alla milanese si prediligono pezzi più pregiati e si aggiunge anche il cotechino o lo zampone a scelta.

Vota la ricetta

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.