Stai leggendo: Chanel amica della natura: addio a pelli esotiche e pellicce

Letto: {{progress}}

Chanel amica della natura: addio a pelli esotiche e pellicce

Anche la Maison Chanel si unisce al coro "no fur" e bandisce le pellicce dalle sue prossime collezioni. L'iconica casa di moda guidata da Karl Lagerfeld ha annunciato anche di aver deciso di non utilizzare più pellami esotici come coccodrillo e pitone.

Borsa Chanel Getty Images

17 condivisioni 0 commenti

Chanel non proporrà più alla sua clientela capi e accessori in pelliccia o in pelli esotiche come quella di pitone, coccodrillo e altri animali in via di estinzione. L'annuncio è arrivato proprio in queste ore mediante un comunicato ufficiale diramato dall'iconica Maison francese e riportato da WWD. Alla base di questa importante decisione ci sarebbe, prima di tutto, la difficoltà da parte della casa di moda di procurarsi pellami che rispettino determinati standard etici. 

Bruno Pavlovsky, Presente delle divisioni moda e accessori del brand, ha dichiarato:

Valutiamo costantemente le catene di approvvigionamento per garantire che soddisfino i nostri requisiti etici e in termini di tracciabilità. Tuttavia, è sempre più difficile procurarci delle pelli esotiche (coccodrillo, pitone, lucertola e squalo Galuchat, n.d.r.) che corrispondano a questi requisiti.

Le borse realizzate in pitone e coccodrillo, quindi, sembrano destinate gradualmente a scomparire dalla vasta gamma di accessori Chanel:

Anche se riceviamo molti ordini per queste borse, andremo a privilegiare la creazione e il know-how per ottenere oggetti eccezionali a partire da materiali nobili di cui controlliamo completamente la catena di produzione.

Borsa Chanel in finta pellicciaHDGetty Images
Per Chanel solo faux fur

La Maison, inoltre, si impegna anche a bandire completamente le pellicce che, a onor del vero, utilizza già di per sé pochissimo nelle proprie collezioni:

Ne usiamo pochissime, ma come per la pelle continueremo a lavorare con l'industria agroalimentare e con fornitori certificati, tracciabili.

Si tratta di una mossa inaspettata da parte di Chanel, ma in linea con l'approccio "green" ed etico che, da diversi anni, accomuna svariate case di moda internazionali. Da Giorgio Armani a Versace, passando per Gucci, Burberry, Prada e Michael Kors, sono state tantissime le Maison ad aver bandito le pellicce vere in favore delle faux fur.

Borsa coccodrillo HermèsHDGetty Images
La Birkin in coccodrillo di Hermès, da anni al centro di polemiche

La campagna contro l'utilizzo dei pellami esotici, invece, continua a essere un tasto dolente per gli animalisti: basti pensare a Hermès, che nonostante le polemiche mosse da PETA circa il maltrattamento degli alligatori, continua a vendere le sue borse Birkin in coccodrillo.

Complimenti a Chanel, che muove un importante passo verso un nuovo concept di moda e lusso, sempre più rispettoso del nostro ecosistema.

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.