Stai leggendo: Amanda Lear sulla sua sessualità: ‘Dissi che ero trans per diventare famosa’

Letto: {{progress}}

Amanda Lear sulla sua sessualità: ‘Dissi che ero trans per diventare famosa’

Ospite di Mara Venier a Domenica In, Amanda Lear ha svelato la verità sulle voci che hanno contribuito a renderla famosa: non è trans, come si mormora da decenni, ma non ha disdegnato cavalcare il pettegolezzo.

Amanda Lear Getty Images

1 condivisione 1 commento

Complice la sua voce profonda, Amanda Lear ha fatto dell'ambiguità un'inesauribile fonte di successo e un elemento caratterizzante del proprio sex appeal. La musa di Salvador Dalí - posò per l'artista molto spesso negli anni '60 - è ancora oggi, nonostante si sia progressivamente allontanata dalla TV e dallo showbiz per favorire la sua carriera di pittrice, uno dei personaggi più chiacchierati di sempre. Splendida a 79 anni così come negli anni '70, quando esordì come modella ed ebbe una lunga storia d'amore con David Bowie, Amanda Lear si è divertita per decenni a giocare con la propria sessualità, alimentando e cavalcando i gossip che alludevano al suo essere trans.

L'interprete di Tomorrow e di tante altre hit degli anni '70-'80, però, ora gioca finalmente a carte scoperte. Ieri, domenica 2 dicembre, la Lear è stata ospite di Mara Venier a Domenica In e ha fugato ogni dubbio sulla propria sessualità. La spumeggiante artista, infatti, ha svelato di aver provveduto lei stessa a non mettere a tacere i pettegolezzi sul suo conto, ma di aver anzi contribuito a renderli ancora più insistenti:

Mi ha aiutato tantissimo perché si parlava solo di me. Per provocazione sono stata io a cavalcare l’onda, con la mia voce particolare si poteva credere che io fossi un uomo e ci ho giocato molto. Mi serviva pubblicità e l’abbiamo avuta. Ancora oggi ne parlano, quindi ha funzionato.

Amanda Lear, punzecchiata dalla Venier, ha poi ribadito il proprio interesse per i ragazzi più giovani (ha collezionato molti Toy-Boy), ancor meglio se "morti di fame":

Hanno un’ingenuità che mi piace. Preferisco che non siano ricchi, perché poi fanno gli splendidi e i boriosi. Un ragazzo normale lo porto al ristorante, posso godermi le piccole cose. Di solito vengono gli uomini da me, non sono mai io ad andare da loro.

Amanda Lear con Salvador DalìHDGetty Images
Amanda Lear con Salvador Dalì

L'irriverente Amanda ha anche svelato un retroscena circa la sua liaison con Salvador Dalí. I due sono stati insieme per ben 16 anni ma, a quanto pare, l'artista non si è mai è prodigato nei suoi riguardi con regali importanti o gesti romantici:

Sì, Dalí era molto ricco, ma era un tirchio!

Beata sincerità! Che ne pensate di questa frizzante intervista di Amanda Lear?

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.