Stai leggendo: Violenza sulle donne, al via il 'Codice rosso': le indagini saranno più veloci

Letto: {{progress}}

Violenza sulle donne, al via il 'Codice rosso': le indagini saranno più veloci

Il Consiglio dei ministri approverà martedì il provvedimento per il quale lottano da tempo il Ministro Giulia Bongiorno e Michelle Hunziker con la loro Fondazione Doppia Difesa Onlus.

Violenza sulle donne Pixabay

2 condivisioni 0 commenti

Ieri, 25 novembre, si è celebrata in tutto il mondo la Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne e quest’anno la politica italiana ha finalmente voluto dare un concreto e forte segnale forte, si spera, possa essere quantomeno parzialmente risolutivo della gravissimo problema della violenza di genere.

Il Premier Giuseppe Conte ha infatti con un Twitter annunciato che martedì in Consiglio dei ministri si approverà - come primo punto della giornata - il provvedimento del ‘Codice rosso’ grazie al quale, come ha spiegato il Ministro della giustizia Alfonso Bonafede, “le denunce delle donne per maltrattamenti, violenza sessuale, atti persecutori e lesioni aggravate commessi in contesti familiari o di semplice convivenza” 

Saranno portate direttamente sulla scrivania del pm che avrà un termine ristrettissimo – 3 giorni – per sentire la donna. E la polizia giudiziaria dovrà dare priorità alle indagini.

Ciò vuol dire che le donne in pericolo saranno finalmente ascoltate immediatamente sia dalla magistratura che dalle forze dell’ordine, onde evitare ulteriori femminicidi e limitare la piaga sociale della violenza sulle donne, in virtù anche degli allarmanti dati che sempre Bonafede ha diramato:

A luglio scorso erano già 130 i femminicidi registrati nei 12 mesi precedenti. Si viaggia a una media di 150 l’anno, quasi uno ogni due giorni. Omicidi consumati nei contesti familiari, per mano di mariti o partner, ex o altri familiari. Le sentenze ci dicono che sul totale delle condanne per omicidi di donne, l’85 per cento sono classificabili come femminicidio, perché avvenuti in ambito familiare o all'interno di relazioni sentimentali poco stabili. Nel 2017 sono state 2.018 le sentenze definitive per violenza sessuale, 1.827 quelle per stalking.

Il provvedimento del Codice rosso per le donne vittime di violenze entrerà in vigore da subito è stato ispirato dal Ministro Giulia Bongiorno e dalla presentatrice Michelle Hunziker, fondatrici dell’associazione Doppia Difesa Onlus.

Già un anno fa, infatti, la Bongiorno e la Hunziker avevano presentato al Festival di Roma il corto Uccisa attesa di giudizio, basato proprio sul dovere di sensibilizzare in merito ai tempi lunghissimi della giustizia italiana che spesso rendono inutili le denunce da parte delle donne, anticipando la loro intenzione di presentare una proposta sul Codice rosso.

Aveva affermato proprio in quell’occasione l’attuale Ministro per la pubblica amministrazione Giulia Bongiorno:

Una donna che rischia la vita non può essere una pratica messa sulla scrivania in attesa che qualcuno la apra.

E finalmente - da martedì - non lo sarà più.

Che ne pensate?

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.

SCOPRI GLI OUTFIT AUTUNNO/INVERNO