Stai leggendo: Il Principe William ammette che diventare padre ha peggiorato i suoi disturbi psicologici

Letto: {{progress}}

Il Principe William ammette che diventare padre ha peggiorato i suoi disturbi psicologici

Continua l'impegno del Principe William per una maggiore tutela della salute mentale sul posto di lavoro. Il Duca di Cambdrige ha svelato che i suoi disturbi d'ansia si sono intensificati da quando è diventato padre.

Il Principe William Getty Images

3 condivisioni 1 commento

La salute mentale, negli adulti come nei bambini, dovrebbe essere tutelata tanto quanto quella fisica. È quello che pensa il Principe William, sempre più attivamente impegnato nel sociale. Il primogenito di Carlo e Diana ha contribuito, alcuni mesi fa, al lancio del portale Mental Health at Work, un sito che si propone di aiutare e supportare chi soffre di disturbi mentali derivati dal proprio contesto lavorativo. William tiene molto a questa tematica, e ne ha parlato in più di un'occasione raccontando come la sua esperienza in qualità di pilota di un'ambulanza aerea per la RAF (Royal Air Force) lo abbia messo psicologicamente alla prova.

Stare a contatto con tanta sofferenza l'ha portato a sviluppare seri disturbi d'ansia, dei traumi che ancora oggi porta con sé. Il Duca di Cambridge ha ribadito il proprio punto di vista in merito alla tutela della salute mentale sul lavoro - riferendosi, in particolare, al mondo militare - durante la prima conferenza This Can Happen tenutasi ieri, 20 novembre, a Londra.

William ha sorpreso tutti quando ha candidamente confessato che i suoi problemi di ansia sono peggiorati da quando è diventato padre:

Quando sono nati i miei figli, i tanti incidenti in cui ho visto bambini feriti mi hanno fatto pagare una specie di pedaggio. Sono diventato molto depresso per questo. Si inizia a prendere pezzi del lavoro e a immagazzinarli nel corpo e nella mente. Non puoi condividerli con i tuoi cari, perché non vuoi portare a casa cose del genere.

Il Principe - che da Kate Middleton ha avuto i piccoli George, Charlotte e Louis - sostiene che sia fondamentale, quindi, poter ottenere tutto il supporto di cui si ha bisogno sul posto di lavoro:

Bisognerebbe farsi sentire di più sul lavoro, farsi avanti e condividere le proprie esperienze. Impostare una cultura di questo tipo, instaurare un ambiente lavorativo aperto, comprensivo e solidale, è importante.

William e KateHDGetty Images
William e Kate, da sempre impegnati per la tutela della salute mentale

In particolare, recenti studi condotti dalla Royal Foundation dimostrano che nel Regno Unito sono gli uomini quelli che riscontrano più difficoltà nel chiedere aiuto, probabilmente a causa di un certo pudore che li porta a chiudersi di fronte a problematiche personali ed emotive di questo tipo.

Per William è fondamentale riconoscere che i disturbi mentali fanno parte della normalità di ognuno di noi:

Abbiamo tutti problemi di salute mentale. Proprio come ci prendiamo cura della nostra salute fisica, dobbiamo interessarci anche di quella mentale.

La Royal Family muove, grazie alle accorate parole del Principe William, un altro passo verso una nuova era, fatta di totale trasparenza e maggiore autenticità.

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.