Stai leggendo: I borghi più belli del Trentino da visitare durante un weekend in montagna

Letto: {{progress}}

I borghi più belli del Trentino da visitare durante un weekend in montagna

Il Trentino è un territorio caratterizzato non solo da meraviglie naturali ma anche da suggestivi borghi dove il tempo sembra essersi fermato.

I borghi più belli del Trentino iStockphoto

1 condivisione 0 commenti

Durante un break in Trentino, tra giornate dedicate allo sci, al benessere in qualche meravigliosa spa o alla visita dei mercatini di Natale, il consiglio è di regalarvi, anche, delle escursioni alla scoperta dei suoi suggestivi borghi.

Tra i borghi più belli del Trentino vi sono, infatti, delle vere e proprie chicche come Canale di Tenno, meta di artisti in cerca di ispirazione provenienti da tutta Europa oppure Vigo di Fassa, una delle più antiche località turistiche della stupenda Valle di Fassa.

Altri borghi del Trentino da visitare sono Rango, che regala una delle migliori espressioni di architettura rurale trentina o Mezzano, dove tradizione e arte moderna si fondono per dar vita a un percorso culturale che interessa tutto l'abitato. Un altro imperdibile borgo del Trentino è, inoltre, San Lorenzo in Banale destinazione perfetta per gli amanti della natura e della storia ma anche della buona tavola. Il suo piatto tradizionale la cuiga è, infatti, un presidio dello Slow Food.

Ecco i 5 borghi più belli del Trentino:

  1. Canale di Tenno, Trento
  2. Vigo di Fassa, Trento
  3. Rango, Trento
  4. Mezzano, Trento
  5. San Lorenzo in Banale, Trento

1 - Canale di Tenno, il borgo degli artisti

La nascita di questo borgo, che con Villa Sant'Antonio, Villa Pastoedo e Villa Cavola costituisce l'abitato di Villa del Monte, risale al 1211 e tutt'ora l'impianto urbanistico originale, costituito da quattro vie che si intersecano per creare una piazza, è ben visibile.

Visitando, quindi, Canale di Tenno è possibile fare un tuffo nel Medio Evo e passeggiare tra intricate e strette vie di ciottoli, case in pietra e gli archi che le collegano vivendo un'esperienza unica.

Il borgo di Canale di Tenno è, inoltre, meta di artisti che cercano ispirazione ammirando gli scorci mozzafiato che offre sul suo incantato lago e sulla natura circostante. Per tale ragione, il pittore torinese Giacomo Vittone fondò la Casa degli Artisti, uno spazio multifunzionale che offre alloggio ai numerosi artisti e, allo stesso tempo, è sede di mostre temporanee.

Nel periodo invernale, durante una visita a Canale di Tenno è imperdibile una tappa ai suoi suggestivi mercatini di Natale.

  • Dove mangiare a Canale di Tenno: Trattoria dal Bacon, un locale semplice ma accogliente e a pochi metri dal Lago di Tenno, dove deliziarsi assaggiando piatti tipici della zona come strangolapreti, canederli, goulasch, stinco di maiale e crauti.
HD
Un dettaglio del centro storico di Canale di Tenno.

2 - Vigo di Fassa, il gioiello ladino ai piedi delle Dolomiti

Un altro dei borghi più belli del Trentino è Vigo di Fassa, una stupenda località ladina che sorge su una soleggiata piana a metà strada tra Moena e Canazei da cui si raggiungono facilmente le principali vette dolomitiche, Patrimonio dell'Umanità dell'Unesco. Vigo di Fassa rappresenta una delle più antiche località turistiche della zona. Fin dai primi anni del XIX secolo questo borgo iniziò, infatti, a essere frequentato da geologi e alpinisti che da qui partivano alla scoperta delle meraviglie delle Dolomiti.

Durante un break a Vigo di Fassa è imperdibile una visita all'antichissimo santuario gotico di Santa Giuliana, patrona della Valle o al Museo Mineralogico Monzoni dove è possibile ammirare alcune interessanti formazioni fossili e cristalline delle Dolomiti. La Val di Fassa per gli appassionati di cristalli e minerali è, infatti, un luogo imperdibile per la ricchezza del suo sottosuolo.

Spostandosi, invece, verso San Giovanni è consigliata una visita al Museo Ladino dove vengono conservate importanti testimonianze della cultura ladina.

  • Dove mangiare a Vigo di Fassa: Ristorante El Tobià, un locale a conduzione familiare dalla lunga storia, dove assaggiare piatti della tradizione trentina tramandati di generazione in generazione.
Vigo di FassaHDiStockphoto
Una panorama della natura che circonda Vigo di Fassa.

3 - Rango, la più bella architettura rurale trentina

La frazione di Rango, nel comune di Bleggio, è un'altra località associata ai borghi più belli d'Italia per la bellezza del suo centro storico rimasto immutato nei secoli. Il borgo di Rango, infatti, rappresenta uno degli esempi meglio conservati dell'architettura rurale trentina e passeggiando tra le sue strette vie è possibile ammirare case, portici, androni, cantine in pietra immergendosi in un’atmosfera fuori dal tempo.

Qui, inoltre, tra dicembre e novembre sotto gli antichi vòlti delle case vengono allestiti incantevoli mercatini di Natale.

  • Dove mangiare a Rango: Ristorante Il Catenaccio, un raffinato locale facente parte del circuito "Osterie Tipiche Trentine", dove è possibile assaggiare piatti tipici preparati esclusivamente con prodotti del territorio.
RangoHDWikipedia
Uno scorcio di Rango.

4 - Mezzano, dove tradizione e arte moderna si fondono

Mezzano si trova nel cuore della Valle del Primero a pochi chilometri da Trento. Questo borgo, oltre che per la bellezza delle sue suggestive e antiche viuzze perfettamente conservate, ha saputo coniugare tradizione e arte moderna dando vita all' interessante progetto artistico “Cataste e Canzei”.

Ogni anno le cataste di legno, ammassate con cura per sopperire al lungo inverno, diventano oggetto di installazioni da parte di numerosi artisti che creano un'imperdibile e insolito circuito di opere d'arte.

Se amate il trekking, da questo borgo si diramano numerosi sentieri che conducono alla scoperta di una natura ancora incontaminata e selvaggia ed è facilmente raggiungibile il comprensorio sciistico del Primiero e di San Martino di Castrozza-Passo Rolle.

  • Dove mangiare a Mezzano: Rifugio Vederna, un locale situato in una posizione geografica che offre scorci mozzafiato sulla natura circostante. Il rifugio è raggiungibile anche in auto, pertanto, è perfetto per pranzi o cene con tutta la famiglia.

MezzanoHDiStockphoto
Una stretta via di Mezzano.

5 - San Lorenzo in Banale, natura e tradizioni gastronomiche

San Lorenzo in Banale offre un centro storico perfettamente conservato dove è possibile ammirare antichissimi edifici in una posizione geografica unica. Il borgo di San Lorenzo in Banale si trova, infatti, ai piedi delle Dolomiti del Brenta, a poca distanza dal magico lago di Molveno e dalle Terme di Comano.

Questa località è, quindi, una meta ideale per chi desidera trascorrere un break all'insegna della natura, del relax, dello sport ma anche della buona tavola. Il pezzo forte della cucina tipica di San Lorenzo in Banale è la ciuiga, un insaccato a base di carne di maiale e rape cotte sminuzzate.

  • Dove mangiare vicino a San Lorenzo in Banale: Ristorante Nembia a San Lorenzo Dorsino, un locale accogliente e curato situato in un suggestivo contesto naturale dove gustare cucina tipica trentina.
San Lorenzo in BanaleHDiStockphoto
Il contesto naturale in cui sorge San Lorenzo in Banale.

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.