Stai leggendo: Pizze strane: i condimenti più bizzarri da far inorridire (eppure piacciono)

Letto: {{progress}}

Pizze strane: i condimenti più bizzarri da far inorridire (eppure piacciono)

Hawaiana, Afrikana, Berlusconi o "della palude": fuori dai confini del nostro paese la pizza è l'alimento che più di tutti si sposa con gusti e tradizioni locali, spesso con esiti discutibili. Ecco i più assurdi.

Pizza hawaiana iStock

9 condivisioni 0 commenti

C’è qualcosa che turba di più l'orgoglio del popolo italiano dell’idea della pizza all’ananas? Chi pensa di no dovrà ricredersi, perché la nostra veneratissima pietanza è stata costretta a tollerare ben altre nefandezze.

È l’avventuroso mondo dei topping, i condimenti tendenzialmente agrodolci che vengono escogitati da chi, forse, pensa che quel meraviglioso atollo di fragrante impasto sia solo un utensile, un piatto da portata. Questi connubi selvaggi incontrano grandi consensi all’estero, spingendo spesso anche le nostre pizzerie turistiche a offrire varianti discutibili, che espongono i ristoratori a reazioni che vanno dal pubblico ludibrio all’ostracismo. Soprattutto quanto più ci si avvicina alla città culla della pizza, la splendida Napoli, dove certi locali si fanno vanto di servire solo due gusti: margherita e marinara.

Prima di lanciarci in questa impressionante panoramica, un piccolo mea culpa: noi italiani abbiamo un culto del cibo che sconfina qualche volta nel fanatismo, e sono poche le persone che, pervase dall’orgoglio patrio che solo le divinità Pasta e Pizza sanno suscitare, non ritengano certe ricette (qualcuno dice forse abomini?) un gravissimo affronto personale, ergendosi dunque ad ardenti difensori di uno dei piatti più amati al mondo contro le blasfemie gastronomiche del mondo di oggi.

Nel nostro paese il cibo è una tradizione custodita con più gelosia di qualsiasi altro retaggio storico e culturale, quello che, sebbene crei rivalità locali a volte asperrime, quando si tratta di far fronte comune contro il nemico straniero e le sue pizze con la frutta, ci rende tutti fratelli con un solo cuore (di bufala, magari).

Ma la sperimentazione è essenziale allo sviluppo di qualsiasi arte, e chissà se poi assaggiando alcune (con enfasi su “alcune”) di queste minacciose pietanze non scopriremmo che in fondo non sono poi così diaboliche.

Ordunque, mano ai tranquillanti, e imbarchiamoci nell'esplorazione delle pizze più strane e bizzarre del mondo.

1 - Hawaiana: la pizza all’ananas

Se ci parlate di Hawaii vogliamo sabbia, mare, vulcani e vegetazione paradisiaca. Magari anche cucina locale: poke, saimin e tutti quei piatti esotici e colorati che sono un piacere già da vedere. Però se la deriva fusion (la cultura di queste isole tropicali deve molto a influenze estremo-orientali, oltre che tropicali e statunitensi) arriva a lambire il sacro cornicione della pizza, allora si alzano gli scudi.

Il connubio ananas + prosciutto cotto (o bacon) e quella sottospecie di formaggio filante che viene fatto passare per mozzarella non trova molti estimatori dalle nostre parti, anche se c’è chi è disposto a ricredersi, specialmente nella catena

2 - The Afrikana: la pizza alla banana

Una pizza con banana, curry e funghiHDiStock

È una diavoleria svedese che esibisce fette di banana, noccioline, funghi e curry. A volte anche qui fa la sua comparsa il nemico pubblico numero uno, l’ananas. Ci vuole una buona dose di training autogeno per calmarsi, lo sappiamo.

3 - L’ultimo grido in Cina: la pizza al durian

Pizza condita con durianHDiStock

Avete mai sentito parlare di questo frutto asiatico dal sapore a dir poco pungente? È famoso per essere uno degli alimenti meno profumati al mondo, tanto che un giornalista gastronomico, Richard Sterling, lo ha definito come un mix di “trementina e cipolle con note di calzino uscito dalla palestra”, e a Singapore è stato bandito dai trasporti pubblici per via del suo olezzo.

Eppure, una catena di ristorazione l’ha messo sulla pizza. E - quel che è peggio - piace.

4 - La trovata gallese: la pizza agli ovetti Kinder

Qualcuno qui starà facendo un rapido esame di coscienza: “Beh, però quella con la Nutella è buona.. quindi…”. Vi capiamo benissimo, quella vocina perversa la conosciamo bene.

Però la foto di ciò che un gelataio in Galles (che si definisce “Mr Ricky, Principe dei Dessert”) ha prodotto lo scorso febbraio non è molto invitante: una pizza con una base di flan al caramello, gelato, granella colorata, salsa al cioccolato e ovetti tipo Kinder (o cioccolatini simili) mezzi sciolti. Non è decadente, è un suicidio glicemico e soprattutto non può fregiarsi del nome di pizza.

5 - Sapore di Natale: la pizza ai candy cane

A differenza del prodotto precedente, qui almeno la base è pizza. Pseudo pizza: Mr Sanchez di Chicago, infatti, ha pensato bene di comprare l’impasto confezionato e decorarlo con i bastoncini di zucchero di Natale, che da sciolti sembrano una morìa di candele di compleanno coi numeri. Ma la signora che assaggia sembra gradire.

6 - Ancora frutta: la pizza alle fragole

Pizza alle fragoleHDiStock

Pizza e frutta è l’anomalia più frequente, ed ecco che le fragole fanno il loro ingresso, creando grande divisione nel mondo. Il risotto alle fragole esiste, e per molti è una prelibatezza… ma le fragole sulla pizza funzionano? E con che tipo di formaggio possono sposarsi? E soprattutto, sarebbe un matrimonio riuscito?

7 - Pizza della palude: feat. alligatori, rane e pitone

Vi avevamo appena fatto riprendere fiato con delle opzioni vagamente accettabili, ma torniamo ai piatti forti. Negli Stati Uniti qualcuno ha pensato di ricreare l’ecosistema delle paludi della Lousiana e della Florida con una pizza in cui compaiono salsicce di alligatore, gambe di rana e filetti di pitone. Ah, e anche lo “swamp cabbage”, che altro non è che cuore di palma.

8 - The Berlusconi: la pizza alla carne di renna affumicata

Storie di vendetta tremendamente amare: nel 2005, quando l’allora Primo Ministro Silvio Berlusconi faceva campagna per stabilire a Parma il quartier generale dell’Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare (che invece si trova a Helsinki in Finlandia), ebbe parole sprezzanti per il cibo finlandese, aggiungendo: “Non c’è assolutamente paragone tra il culatello di Parma e la renna affumicata”.

Tre anni dopo una pizzeria finlandese ha presentato una pizza alla renna affumicata al New York Pizza Show, battendo le creazioni di due chef napoletani e vincendo il primo premio. La pizza si chiamava The Berlusconi, e va alla grande.

9 - Sapori costosi: la pizza d’oro

View this post on Instagram

I'm a dangerous man with some money in my pocket 🎧

A post shared by Industry Kitchen (@industrykitchen) on

Altra stravaganza americana, della città che oltreoceano è considerata patria della pizza (ma senza che se ne dimentichino le origini, tranquilli): New York City. Questa pizza è coperta di caviale, tartufo e foglie di oro edibile da 24 carati. Bella vero? Puoi averla alla modica cifra di duemila dollari (più di 1700 euro).

10 - La pizza con la pasta al formaggio: la Mac 'N’ Cheese

Pizza con maccheroni al formaggioHDiStock

Siamo ancora negli States, che hanno fatto della pasta ai formaggi una forma d’arte negli straripanti Mac 'N’ Cheese, i maccheroncini al formaggio che spopolano ovunque in America. Perché allora non combinare due retaggi del Bel Paese in un trionfo di carboidrati? Ecco la pizza con sopra i maccheroni al formaggio, gratinati al punto giusto.

11 - 50 sfumature di viola: La pizza con cavolo cappuccio viola

Questa non è affatto male, anzi, è anche esteticamente piacevolissima a vedersi: spuntata sui social da una pizzeria di Milano, Cocciuto(ma esistono da tempo ricette di pizza col cavolo cappuccio viola su internet), è condita con vellutata di cavolo viola, pancetta, provola affumicata e noci. L’unico appunto che qualcuno riesce a fare il prezzo (€ 12,50) e il fatto che sia cotta in forno elettrico.

12 - Orgoglio del Canada: la pizza poutine

Il Canada non è famoso solo per lo sciroppo d’acero, cantanti simpatici e talentuosi e un primo ministro da sogno: c’è anche la poutine, un ricco e gustosissimo piatto che sposa patatine fritte con formaggio e gravy della cui esistenza dobbiamo ringraziare qualcuno nel Québec. Pizza Hut un bel giorno ha pensato di seguire la stessa filosofia della mac n’ cheese pizza (o è stato il contrario?) e unire le due cose.

13 - Pizza MargArita: aragosta, avocado e tequila

Non siamo ai livelli della creazione di prima, ma per 500 dollari, sempre in quel di New York, potreste assaggiare questa pizza con aragosta, caviale Osetra, tartufo, avocado, mango e foglie di platino edibili, cui si aggiungono tre shot di tequila. Dove? Al ristorante Bodega Negra.

14 - Sapori orientali: la pizza con pollo al curry

Questa è in realtà un grande classico, talmente tanto che ne esistono varie declinazioni a seconda dei gusti e delle regioni: la pizza con pollo al curry infatti può essere speziata alla maniera thai, o diventare un ibrido che contiene il mondo.

15 - Piaga biblica: la pizza con le cavallette

Delicatessen dal Missouri, la pizza con le cavallette è difficile già da guardare per chi non è un amante degli insetti canditi dell’estremo oriente. David George Gordon, autore del libro The Eat a Bug Cookbook, estimatore del topping fatto di cicale cucciolo, dice che hanno un sapore simile agli asparagi, una consistenza gommosa, mentre quelle più adulte sono più croccanti e dal gusto di noci, come noccioline o mandorle. Ci fidiamo, David.

16 - Cocchi belli, cocchi freschi: la pizza col cocco (e gamberetti)

In Costa Rica amano il cocco tanto da volerlo anche sulla pizza, a volte con l’ormai epidemica ananas o gamberetti. Rispetto alle cavallette, questa sembra un'appetitosa capricciosa (isterica) sui generis.

Dobbiamo arrenderci all’evidenza: la pizza è talmente buona che il mondo l’ha adottata e fatta diventare parte della propria cultura: dalle trovate esagerate americane che infilano hot dogs e corn dogs anche nel cornicione, ai connubi con tutti i frutti, animali e spezie del mondo, ci sono poche al mondo così universali, e dovremmo andarne fieri, senza perdere di vista la nostra eccellenza.

Adesso tutti a ordinare una margherita con tutti i crismi.

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.

SCOPRI GLI OUTFIT AUTUNNO/INVERNO