Stai leggendo: A casa di Carlo e Camilla: puoi visitare la casa dei reali inglesi con un tour virtuale

Letto: {{progress}}

A casa di Carlo e Camilla: puoi visitare la casa dei reali inglesi con un tour virtuale

La residenza ufficiale del principe Carlo d'Inghilterra e la moglie Camilla, Clarence House, apre i battenti al pubblico grazie a un tour virtuale realizzato da Google.

Carlo d'Inghilterra e Camilla Getty Images

1 condivisione 0 commenti

La residenza estiva del principe Carlo d’Inghilterra apre le sue porte al pubblico di tutto il mondo grazie a Google Arts & Culture, che ha realizzato un tour virtuale di Clarence House.

Normalmente l’edificio che sorge accanto a St. James’s Park a Londra è visitabile di persona solamente nei mesi estivi, durante le vacanze dei duchi di Cornovaglia: si tratta di quella che spesso viene definita una delle ultime grandi residenze di Londra, e al suo interno sono custodite splendide opere d’arte della collezione reale.

Il pubblico normalmente può accedere alle cinque stanze del piano terra, dove sono messi in mostra centinaia di oggetti di valore storico e fotografie personali dei famosi abitanti di Clarence House. Nei prossimi due anni, però, la casa sarà oggetto di grandi restauri, rimanendo chiusa al pubblico fino al 2020. Google però ha assicurato che i fan della famiglia reale non perdano l’occasione di visitarla, e per di più dalla comodità di casa nostra.

In onore del 70mo compleanno di Carlo, la sezione Arts & Culture del sito permette di esplorare gli ambienti di Clarence House tramite foto panoramiche a 360 gradi, con opzione zoom per ammirare da vicino le pennellate dei quadri più notevoli.

Il principe ereditario ha conosciuto Google Arts and Culture durante la sua visita al quartier generale della multinazionale a Londra lo scorso maggio, e poco dopo è iniziata questa singolare collaborazione. Il capo della sezione in questione di Google, Suhair Khan, ha detto:

È un viaggio dentro Clarence House e la collezione personale di Sua Altezza Reale e la famiglia reale.

Khan ha proseguito: “Utilizzando le immagini a 360° chiunque può passeggiare per i corridoi e le sale, esplorare la collezione d’arte, andare da una stanza all’altra e avvicinarsi davvero a molte delle opere d’arte”.

Clarence House ha ospitato la Regina Madre, Elisabetta Bowes-Lyon fin dal 1953 fino alla sua morte nel 2002, ed è stata anche la residenza dell’attuale sovrana insieme al marito, il Duca di Edinburgo, dopo il loro matrimonio nel 1947. Il principe Carlo, invece, vi ha vissuto fino ai tre anni di età, e dopo la morte della nonna ha fatto rimodernare gli interni dal designer Robert Kime, trasferendosi nella residenza ad agosto 2003, in occasione dell’anniversario della nascita della Regina Madre.

Nonostante gli interventi di ristrutturazione, la causa tiene ancora traccia dei suoi passati abitanti: è stato conservato quasi interamente il mobilio della Regina Madre (anche se Carlo dovette farlo restaurare, visti danni causati dai corgi reali), la donna che aveva tra l’altro contribuito significativamente a impreziosire la collezione di opere d’arte, acquisendo anche l’unico quadro impressionista francese dell’intera Royal Collection. Si tratta di un Monet che immortala la campagna francese, che la donna comprò perché le ricordava le Highlands scozzesi.

Nella sala da pranzo sono appesi dipinti dell’inglese John Piper, cui fu chiesto di realizzare panorami del Windsor Castle durante la Seconda Guerra Mondiale in caso fosse rimasto danneggiato dai bombardamenti. Sopra il camino, nella stessa stanza, vi è un ritratto che dovrebbe raffigurare proprio la Duchessa di York nel 1940, realizzato da Augustus John, ma che non le somiglia affatto. Pare che il pittore fosse così nervoso all’idea di ritrarre la moglie di Giorgio VI da non riuscire a guardarla in faccia. Quando il quadro fu presentato anni dopo (1961) alla regina Madre, la donna lo apprezzò moltissimo. A Clarence House vi è poi un ambiente chiamato il Corridoio dei Cavalli (le sue pareti rosse sono coperte di dipinti equestri) che conduce alla Garden Room, a volte chiamata Cornwall Room.

Per poter visitare virtualmente Clarence House, cliccate qui.

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.