Stai leggendo: Troppa grazia: Alba Rohrwacher al suo meglio in una commedia surreale

Letto: {{progress}}

Troppa grazia: Alba Rohrwacher al suo meglio in una commedia surreale

Dal 22 novembre arriva nelle sale Troppa Grazia, il film di Gianni Zanasi con Alba Rohrwacher, Elio Germano e Giuseppe Battiston.

1 condivisione 0 commenti

Avete mai pensato di incontrare la Madonna? Sì, la madre di Gesù con tanto di velo azzurro, il volto angelico e lo sguardo penetrante che vi parla in Aramaico antico. La ascoltereste o fuggireste a gambe levate? A Lucia (Alba Rohrwacher) geometra precaria ma intraprendente, dalla vita di provincia complicata e una figlia adolescente da mantenere (Rosa Vannucci), la Vergine Maria (Hadas Yaron) appare davvero, scompaginando la sua routine e mettendola in profonda crisi esistenziale.

Forse è un’allucinazione dovuta alla troppa stanchezza ma la puntigliosa donna, precisa fino allo sfinimento eppure scombinata, con un fidanzato affettuoso (Elio Germano) con cui è gioiosamente in crisi, incontra questo spirito celeste non in sogno ma in un terreno in aperta campagna, mentre prende le visure catastali per un complesso di nuova costruzione che potrebbe finalmente migliorare l’economia dell’intero paesino di provincia in cui vive.

Alba Rohrwacher è Lucia, madre scombinata che vede la Madonna, interpretata da Hadas Yaron HDBIM Film

Dopo averla ignorata per giorni, convinta di essere momentaneamente impazzita, inizia a discutere con lei in modo vivace, colpita dalla richiesta di salvare quel luogo incontaminato per costruirci, invece, una chiesa. Tra crisi di coscienza e molte certezze che, poco a poco, si sciolgono come neve al sole, Lucia fa una straordinaria scoperta che cambierà la sua esistenza e quella di chi le sta accanto. Il regista Gianni Zanasi ci ha abituato a commedie lievi ma mai superficiali in cui disegna in modo delicato e umoristico le inquietudini famigliari e il sotterraneo malessere di vite che non trovano una via di uscita e che non riescono mai davvero a decollare.

Dal pungente Non pensarci (2007) con Valerio Mastrandrea nel ruolo di un adulto a metà che deve rinunciare alle velleità da rockstar di provincia, facendo i conti con la realtà da perdente al cinismo di La felicità è un sistema complesso (2015), in cui l’attore romano tenta di smarcarsi dall’infanzia complicata e da una pesante eredità paterna.

Alba Rohrwacher ed Elio Germano protagonisti del nuovo film di Gianni Zanasi, Troppa Grazia HDBIM Film

In Troppa grazia, al centro del racconto non ci sono i sogni infranti o un passato che tormenta e condiziona ma l’incontro con lo straordinario, un ultraterreno che appare assai anacronistico in una società che ha perso il contatto con il fantastico, con l’indecifrabile che non è possibile spiegare con la sola forza della ragione e della logica del visibile. Non è un caso che questo messaggio spirituale sia tutto al femminile, un’illuminazione confusa ma impossibile da ignorare che arriva dall’immagine materna per eccellenza – santa, certo, ma in carne ed ossa - a un’altra madre.

Lucia non è una pura e credulona pastorella ma una vitale figura moderna con una propria etica che abbandona il razionale del suo meticoloso mestiere per abbracciare l’istinto, allontanandosi dal peso della ragione che appesantisce e opprime. Nonostante l’originalità del racconto, l’ottima direzione degli attori e una regia che mai indugia nel facile misticismo ma rende il sorprendente incontro molto verace, Troppa grazia non convince fino in fondo e, a tratti, semina più di una perplessità. Il punto debole sembra da ricercarsi nei dialoghi: quelli conflittuali scontano un eccesso di artificiosità dovuto a scelte linguistiche discutibili e manierate espressioni mentre i momenti di blanda comicità, che riescono comunque a strappare più di un sorriso, appaiono estemporanei se non introdotti a casaccio.

Nel nuovo film di Gianni Zanasi, Alba Rohrwacher incontra la Madonna HDBIM Film

La figura dell’adolescente Rosa, poi, si rivela, lungo lo sviluppo della storia, più inconsistente e in ombra del previsto. Ad aggiustare piacevolmente il tiro è la prova di Alba Rohrwacher, qui al suo meglio e soprattutto la presenza di comprimari come Giuseppe Battiston e Thomas Trabacchi che, nei piccoli ma significativi ruoli di un sindaco disinvolto e un architetto privo di scrupoli, recuperano l’attenzione degli spettatori in modo più efficiente del pur affiatato duo Alba Rohrwacher ed Elio Germano.

Vincitore del premio Label Europa Cinema nella sezione Quinzaine des Realisateurs del Festival di Cannes, Troppa grazia arriva nelle sale italiane dal 22 novembre 2018.

Voto6,5/10

Una storia originale con un affiatato gruppo di attori, la commedia non convince del tutto per la fragilità dei dialoghi e qualche incongruenza di troppo.

Silvia Levanti

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.