Stai leggendo: Dieta depurativa: Viola Davis racconta il suo tentativo finito male

Letto: {{progress}}

Dieta depurativa: Viola Davis racconta il suo tentativo finito male

Al Tonight Show Viola Davis racconta l'avventura di un dieta disintossicante iniziata sul set di Widows che ha travolto tutta la troupe.

Viola Davis ospite al The Tonight Show Getty Images

3 condivisioni 0 commenti

Viola Davis martedì sera, ospite al The Tonight Show, ha confessato a Jimmy Fallon di aver completamente fallito la dieta depurativa proposta da un membro della troupe durante le riprese di Widows. Ma partiamo dall’inizio.

L’attrice che ha conquistato due anni fa l’Oscar come miglior interprete drammatica in Barriere, ora sul set del nuovo film di Steve McQueen, si è lasciata persuadere con l’intero cast a partecipare a un esperimento che avrebbe liberato il suo corpo dalle impurità, una depurazione che sarebbe dovuta durare ventotto giorni e invece si è limitata a quarantotto ore.

Meditavamo ogni giorno e non potevamo mangiare. Omeglio potevamo farlo, ma non dovevamo né masticare. Quindi non ci restava che sorseggiare, perché masticare era un atto d’aggressione.

"Si trattava di vivere nel perdono e per me era qualcosa di fantastico. Volevo proprio quello, volevo liberare la mia rabbia".

Ma alla fine è successo qualcosa che l’ha fatta demordere (e suo marito Julius Tennon non era sembrato convinto dal principio): 

Ho resistito per due giorni. Ero nella mia maledetta Jacuzzi quando mia nipote mi ha chiamato e mi ha fatto incaxxare come una bestia. Perché diavolo mi stai facendo questa cosa?

Ridendo ha ammesso che proprio quella notte si sono conclusi i suoi buoni propositi sulla dieta, niente da fare, ha ceduto a un Hamburger di un noto fast food e ha bevuto una grande quantità di vodka soda.

A quel punto il giorno dopo si è liberata: il Junk Food ha vinto questa battaglia.

Viola Davis ha parlato di Widows, un film intriso di intrighi politici e drammi personali, con una struttura profonda che non riesce a far a meno dello sguardo autoriale di Stave McQueen, aggiungendo:

Lavorare con lui è stata la migliore esperienza della mia vita, è uno dei più grandi registi là fuori. Il miglior regista, specialmente per una donna.

Un uomo che quindi non solo sa stare con le donne ma che dedica loro un film tutto al femminile fuori dalle regole e completamente anticonvenzionale.

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.